L’impasse del debito degli Stati Uniti mette in ombra la riunione dei leader finanziari del G7

  • Il G7 potrebbe discutere della crisi del debito degli Stati Uniti, il Giappone si dice pronto a rispondere
  • Biden avverte della recessione degli Stati Uniti se il tetto non viene alzato rapidamente
  • Il G7 discute i modi per rafforzare il sistema bancario globale
  • Il rallentamento dell’inflazione in Cina si aggiunge ai timori di una recessione globale
  • La Yellen vuole un dibattito del G7 sul contenimento degli investimenti in Cina

NIIGATA, Giappone, 11 maggio (Reuters) – Un’impasse a Washington sull’innalzamento del tetto del debito degli Stati Uniti ha messo in ombra una riunione dei leader finanziari del Gruppo dei Sette (G7) che inizia giovedì, sollevando timori di una recessione degli Stati Uniti mentre le banche centrali a livello globale hanno facilitato la loro strada . economia.

Il governatore della banca centrale del Giappone ospitante ha affermato che la crisi del debito degli Stati Uniti potrebbe essere discussa durante la riunione del G7, affermando che il gruppo deve essere pronto a rispondere a qualsiasi conseguenza sul mercato.

“Spero che le autorità statunitensi facciano tutto il possibile per impedire che ciò accada”, ha detto giovedì Kazuo Ude ai giornalisti.

“La ricaduta immediata è qualcosa che i funzionari statunitensi devono affrontare. Ma (il gruppo G7) analizzerà la situazione e risponderà se necessario”, ha detto, aggiungendo che i funzionari giapponesi stanno monitorando attentamente gli sviluppi.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen dovrebbe affrontare le domande dei suoi omologhi del G7 nella città giapponese di Niigata su come Washington intende arginare le turbolenze nei mercati finanziari, già tese dopo le crisi in tre banche regionali statunitensi e in Europa.

READ  4 numeri di un sondaggio che spiegano la vittoria di Trump alle primarie del New Hampshire

“Un default minaccerebbe i nostri sudati guadagni nella nostra ripresa dalla pandemia negli ultimi anni. E innescherebbe una recessione globale che ci spingerebbe ancora più indietro”, ha detto giovedì Yellen a Niigata.

Il presidente Joe Biden ha segnalato la possibilità di annullare il suo viaggio al vertice del G7 della prossima settimana se l’impasse del debito non viene risolto in tempo, avvertendo che l’economia statunitense potrebbe crollare se non riesce ad aumentare rapidamente il tetto del debito del governo dagli attuali 31,4 trilioni di dollari. In recessione.

La crisi del debito degli Stati Uniti è un mal di testa per il Giappone, che è il leader del G7 di quest’anno e il più grande detentore mondiale di debito degli Stati Uniti.

“Il G7 non può trovare una soluzione al problema puramente interno e politico degli Stati Uniti, sebbene il gruppo possa riaffermare la sua determinazione a cooperare per stabilizzare i mercati nello scenario peggiore”, ha affermato Takahide Kiuchi. Analista al Nomura Research Institute.

“Washington è l’unico responsabile per risolvere questo problema. Ma quando le cose vanno male, tutti gli altri paesi ne sopportano l’onere”.

Le prospettive globali diminuiscono

I leader finanziari del G7 si incontrano in un momento in cui l’aggressivo inasprimento delle valute statunitensi ed europee sta iniziando a pesare sulla crescita globale e ad alimentare i timori di instabilità finanziaria.

Dopo il recente fallimento di diverse banche statunitensi, il G7 discuterà del rafforzamento del sistema finanziario globale e della lotta ai rischi delle banche digitali, affermano funzionari giapponesi.

Le tensioni USA-Cina offuscano anche le prospettive dell’economia mondiale, già messa sotto pressione dai segnali di debolezza della Cina, seconda economia mondiale.

READ  Disney batte gli utili e aumenta i dividendi mentre le perdite sullo streaming si riducono

La Yellen ha dichiarato in una conferenza stampa che Washington sta considerando di imporre restrizioni agli investimenti in uscita in Cina per contrastare la sua “coercizione economica” nei confronti di altri paesi.

Ha aggiunto che gli Stati Uniti sperano di discutere l’idea con i suoi alleati del G7 durante la riunione di questa settimana.

I segnali che la ripresa post-Covid della Cina potrebbe essere in calo stanno smorzando le speranze dei politici che un rimbalzo della domanda del paese possa aiutare la crescita globale. I prezzi al consumo in Cina sono aumentati al ritmo più lento in più di due anni ad aprile, mentre la deflazione di fabbrica si è aggravata, secondo i dati mostrati giovedì.

Altri temi chiave da discutere alla riunione finanziaria del G7 includono misure per impedire alla Russia di eludere le sanzioni per la sua aggressione in Ucraina e diversificare le catene di approvvigionamento dalla Cina attraverso partnership con paesi a basso e medio reddito.

In altre questioni, il ministro delle finanze brasiliano Fernando Haddad ha detto ai giornalisti dopo il suo incontro con la Yellen di aver espresso serie preoccupazioni sul fatto che le sfide economiche dell’Argentina possano portare a un governo estremista. Ha detto che l’Argentina ha bisogno dell’aiuto del Fondo monetario internazionale. Gli Stati Uniti sono il maggior contributore ai prestiti globali.

Guerra del debito

Le passate battaglie sul tetto del debito degli Stati Uniti si sono in genere concluse con un accordo concordato frettolosamente nelle ultime ore dei negoziati, evitando un default senza precedenti.

Nel 2011, la lotta ha provocato il primo declassamento del rating del credito statunitense. I veterani di quella guerra avvertono che la situazione attuale è pericolosa poiché le divisioni politiche si allargano.

READ  L'ex presidente Jimmy Carter compie 98 anni

All’epoca, i leader finanziari del G7 hanno affermato in una dichiarazione di essere “impegnati a risolvere le tensioni derivanti dalle attuali sfide nei nostri deficit fiscali, credito e crescita”.

Reportage di Laika Gihara e Andrea Shalal a Niigata; Segnalazione aggiuntiva di Tetsushi Kajimoto e Takaya Yamaguchi; Montaggio: William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *