La NCAA propone di creare una nuova sottosezione con compenso diretto per gli atleti

Con una mossa rivoluzionaria, il presidente della NCAA Charlie Baker martedì ha proposto di creare una nuova suddivisione all’interno della Divisione I che consentirebbe alle scuole con risorse elevate la possibilità di compensare gli atleti attraverso fondi fiduciari e accordi di licenza diretta con nome, immagine e somiglianza (NIL). .

Proposta indirizzata a tutti i membri della Divisione I con lettera ricevuta da Atletico, ha raccomandato la creazione di una nuova sottosezione del Titolo I che consentirebbe alle istituzioni di pagare gli atleti attraverso un “fondo fiduciario per l’istruzione rafforzato”, che richiederebbe un investimento annuale di $ 30.000 per atleta per almeno la metà degli atleti ammissibili delle scuole. I membri della suddivisione devono rispettare il Titolo IX, che fornisce pari opportunità monetarie agli atleti di sesso femminile e maschile. Nessuna imposta è collegata ai pagamenti dei fondi fiduciari; I giocatori possono usare i soldi come vogliono.

“Inizia una conversazione attesa da tempo tra i membri incentrata sulle differenze tra scuole, conferenze e divisioni e su come creare regole più permissive e flessibili all’interno della NCAA che mettano al primo posto gli studenti-atleti”, ha scritto Baker. Lettera. “I college e le università devono essere più flessibili e la NCAA deve essere più flessibile”.

Se la proposta passasse, le scuole nella nuova suddivisione sarebbero in grado di creare le proprie regole separate dalla Divisione I, che è definita da maggiori investimenti nello sport rispetto alle Divisioni II e III, sebbene le sue oltre 350 istituzioni siano finanziariamente disparate. I membri della nuova divisione si armeranno non solo della capacità di muoversi rapidamente per risolvere i problemi, ma anche di un’ulteriore strada per la definizione delle politiche su cose come i limiti delle borse di studio e le dimensioni degli elenchi in vari sport. Le scuole al vertice della catena alimentare atletica collegiale spesso si lamentano di essere frenate da scuole con risorse insufficienti che non possono implementare i cambiamenti che vogliono adottare.

READ  Sam Bankman-Fried condannato nel caso di frode crittografica FTX

In una lettera ai membri del DI, Baker ha definito la sua proposta un “quadro lungimirante” che “dà alle istituzioni educative più visibilità, più risorse finanziarie e l’opportunità per i marchi più grandi di scegliere di operare con regole diverse che riflettono più accuratamente le loro dimensioni e il loro modello operativo.”

Baker ha anche proposto che qualsiasi scuola di Divisione I possa stipulare un contratto NIL direttamente con i suoi atleti, cosa che attualmente non è consentita. Eliminerebbe anche l’attuale tetto massimo sui compensi legati all’istruzione per gli atleti. Il senso del messaggio di Baker è che la NCAA dovrebbe rimuovere ulteriormente le restrizioni sulla capacità delle scuole di compensare direttamente gli atleti, creando un quadro permissivo che consenta a coloro che possono fare di più di fare di più.

Secondo la proposta, le scuole di entrambe le divisioni della Divisione I competerebbero l’una contro l’altra per i campionati NCAA, ad eccezione del calcio FBS, che è ospitato e governato dal College Football Playoff. Anche se Baker non lo specifica chiaramente, le scuole più ricche di risorse che menziona nella lettera appartengono ai campionati Power 4: SEC, Big Ten, ACC e Big 12. Le quattro conferenze hanno dei commissari. Facendo pressione sul Congresso e cercando aiuto su questioni come il NIL, influenzeranno i loro elettori in un modo molto diverso rispetto alle loro controparti in fondo alla Divisione I.

La scelta di un nuovo capitolo è una decisione scuola per scuola, ma una conferenza deve coinvolgere tutti i suoi membri. Presumibilmente, molto probabilmente funzionerà come una suddivisione all’interno della FBS, simile alla divisione delle conferenze di potere spesso discussa, in cui alcune o tutte le leghe di potere si spostano per operare completamente separatamente dalle altre scuole NCAA. Invece di una vera segregazione, questo sistema manterrebbe tutte le scuole NCAA sotto lo stesso tetto.

READ  Georgia contro Kentucky, Ohio State contro Maryland e altro ancora

Baker ha concluso la sua lettera chiedendo feedback ai membri della Divisione I. Molti amministratori di atletica universitaria hanno affermato martedì di ritenere che sia un argomento appropriato per avviare una conversazione e un passo importante verso la modernizzazione dell’atletica universitaria. La NCAA si aspetta che il Consiglio di amministrazione della Divisione I e il Consiglio della Divisione I pesino sulla proposta, ma non è ancora chiaro chi voterebbe per approvare un cambiamento così drastico delle regole. Deve essere un membro a pieno titolo della Divisione I.

Le raccomandazioni di Baker arrivano come pressione crescente per consentire alle scuole di risarcire direttamente gli atleti, e la NCAA deve affrontare sfide legali significative per il suo modello. Diverse cause legali che prendono di mira la struttura economica dell’atletica universitaria si stanno facendo strada attraverso i tribunali, creando un ambiente legale che sembra più favorevole ai diritti degli atleti che mai. Il National Labor Relations Board ha perseguito un’accusa di pratica lavorativa sleale contro USC, Pac-12 e NCAA. Nel frattempo, la NCAA e le sue scuole power conference affrontano la causa antitrust più costosa nella storia dello sport universitario, come la class-action House v. Gli imputati della NCAA chiedono 3 miliardi di dollari in NIL retroattivi e pagamenti delle entrate televisive.

La proposta di Baker è un significativo passo avanti per la NCAA, che ha trascorso gran parte degli ultimi 15 anni in modalità reazione. Il predecessore di Baker, Mark Emmert, fu criticato verso la fine del suo mandato per mancanza di lungimiranza e leadership riguardo al NIL, che permise ai legislatori statali di riempire il vuoto con le proprie leggi e spinse la NCAA nell’era del risarcimento dei giocatori. I loro diritti di pubblicità. Emmert ha fallito nei suoi sforzi per coinvolgere i legislatori federali e promulgare una legislazione nazionale per regolare l’ambiente NIL.

READ  Il cambio di partito del cinema crea un dilemma politico per i Democratici

La proposta di Baker è un tentativo di dimostrare che la NCAA può riformare alcune aree da sola, un tentativo di rivolgersi a coloro che rientrano nella sua giurisdizione riconoscendo le ampie disparità tra quelli nella Divisione I e quelli che non lo sono. I legislatori federali hanno chiesto a Baker e ad altri college. Introducendo una legislazione federale sul NIL o dettando se gli atleti possono o meno essere classificati come dipendenti, i leader sportivi hanno dimostrato che i politici stessi possono adattarsi ai tempi in cui si lanciano nella mischia. La NCAA ha combattuto il concetto di rapporto datore di lavoro-dipendente in ogni occasione in ambito legale.

Anche se la proposta dovesse passare, la NCAA continuerà a fare pressione su Capitol Hill e a cercare aiuto dal Congresso in aree come lo status occupazionale degli atleti e le politiche NIL attualmente regolate dalle leggi statali. Continuerà la sua battaglia in tribunale mentre l’azienda cerca di proteggere il suo modello di lunga data e ad ampia base in una battaglia contro coloro che credono che gli atleti meritino un taglio eccessivo presso l’azienda multimiliardaria.

(Foto: Kevin C. Cox / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *