Almeno 39 persone sono morte in un incendio in un centro di immigrazione vicino al confine tra Stati Uniti e Messico

Un incendio in un centro di immigrazione al confine tra Stati Uniti e Messico ha ucciso almeno 39 persone, hanno detto martedì funzionari.

Secondo il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, le autorità ritengono che “l’incendio sia stato causato da una protesta iniziata da alcuni migranti dopo che pensavamo che sarebbero stati deportati”.

Sulla base dei rapporti iniziali, i migranti che temevano la deportazione hanno messo dei piccoli materassi alla porta del rifugio e gli hanno dato fuoco “come forma di protesta”, ha detto López Obrador in una conferenza stampa martedì mattina. “Non avrebbero mai immaginato che avrebbe causato questa disgrazia.”

L’incendio è scoppiato lunedì notte in un centro per migranti gestito dall’Agenzia nazionale per le migrazioni a Ciudad Juárez, ha dichiarato l’agenzia in una nota.

Decine di altri sono rimasti feriti, con 29 portati in quattro ospedali in “condizioni critiche”, ha detto l’agenzia, aggiungendo che 68 uomini provenienti dall’America centrale e dal Sud America, la maggior parte dal Venezuela, erano detenuti nella struttura in quel momento. Fuoco.

Le autorità non conoscono ancora i nomi e le nazionalità dei morti, ha detto López Obrador.

Viangli, un’immigrata venezuelana, piange accanto a un’ambulanza che trasportava suo marito dopo un incendio a Ciudad Juarez martedì mattina presto.Herica Martinez/AFP – Getty Images

Le immagini mostrano corpi allineati sotto fogli d’argento mentre squadre di soccorso, vigili del fuoco e polizia si precipitano sul posto.

La National Migration Agency non ha rilasciato immediatamente la causa dell’incendio, ma ha affermato che l’agenzia “respinge con forza le azioni che hanno portato a questa tragedia”.

Le autorità stanno indagando e la Commissione nazionale per i diritti umani del governo è stata chiamata per aiutare i migranti, ha affermato.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la morte e il funerale della regina Elisabetta

La struttura si trova nello stato di Chihuahua, vicino al Santa Fe International Bridge e oltre il confine con El Paso, in Texas.

Il procuratore generale del paese ha aperto un’indagine, ha dichiarato Andrea Chavez, deputato federale a Ciudad Juarez. Rapporto su Facebook. I funzionari hanno detto che anche le squadre diplomatiche sono state coinvolte nell’identificazione dei morti.

I funzionari messicani non hanno risposto immediatamente alle richieste di ulteriori commenti.

Ciudad Juarez è un importante punto di passaggio per i migranti che cercano di attraversare il confine con gli Stati Uniti.

I suoi rifugi sono pieni di migranti in attesa di opportunità di passaggio o di procedura di asilo.

Negli ultimi anni, la sua agenzia nazionale per l’immigrazione ha lottato con il sovraffollamento delle sue strutture poiché il Messico, sotto la pressione di Washington, ha intensificato gli sforzi per arginare la migrazione verso il confine con gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *