Una petroliera ha preso fuoco nel Golfo di Aden a seguito di un attacco missilistico degli Houthi

Mohammed Hammoud/Getty Images

Gli yemeniti lanciano un falso missile per protestare contro gli attacchi aerei statunitensi sullo Yemen.



CNN

Una petroliera nel Golfo di Aden prende fuoco dopo un attacco missilistico da parte delle milizie Houthi dello Yemen, l’ultimo incidente collegato a un gruppo sostenuto dall’Iran lungo la principale rotta marittima.

Marlene Luanda, operatore della petroliera britannica, ha dichiarato venerdì che “la nave è stata colpita da un missile nel Golfo di Aden dopo aver attraversato il Mar Rosso” e che “l’attrezzatura antincendio a bordo è stata utilizzata per sopprimere e controllare l’incendio a bordo Una cisterna da carico sul lato di dritta.”

I militanti sostenuti dall’Iran hanno rivendicato la responsabilità dell’attacco Rapporto “Hanno sparato sulla petroliera in risposta all’aggressione statunitense-britannica contro il nostro Paese”. [Yemen]” e a sostegno del popolo palestinese.

Il gruppo cargo Trafigura, che gestisce la nave e ha uffici in Gran Bretagna, ha detto che stava monitorando la situazione e che le navi militari nella regione erano in viaggio per “fornire assistenza”.

Il governo britannico deve ancora commentare l’attacco.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha affermato che la nave ha effettuato una richiesta di soccorso e ha subito danni dopo che i caccia hanno lanciato un missile antinave dall’area controllata dagli Houthi dello Yemen.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

La USS Carney, un cacciatorpediniere lanciamissili, e altre navi della coalizione hanno risposto “e stanno fornendo assistenza”, ha detto il Comando Centrale.

Al momento, ha aggiunto, non risultano feriti.

Venerdì il Fire Information for Resource Management System (FIRMS) della NASA ha rilevato che Marlin Luanda bruciava nel mezzo del Golfo di Aden, vicino alla sua ultima posizione conosciuta.

READ  Zion Williamson ha detto che la sconfitta nei playoff contro i Suns ha avuto un ruolo nella schiacciata in ritardo

Secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti, la USS Carney ha abbattuto un missile balistico antinave Houthi che aveva preso di mira una nave da guerra americana questa mattina presto. Nessun ferito è risultato dall’attacco alla USS Carney.

America e Inghilterra attaccano Obiettivo degli Houthi nello Yemen Dopo che l’amministrazione Biden e i suoi alleati avevano avvertito che il gruppo avrebbe sopportato le conseguenze dei suoi attacchi alle rotte marittime internazionali.

Gli Houthi hanno affermato che non fermeranno la loro offensiva finché non finirà la guerra tra Israele e Hamas a Gaza. Nel suo discorso, il leader Houthi Abdul Malek al-Houthi ha detto: “È un grande onore e una benedizione affrontare direttamente gli Stati Uniti”.

Gli attacchi hanno costretto alcune delle più grandi compagnie petrolifere e di navigazione del mondo a fermare il traffico attraverso quello mondiale. Le più importanti rotte commerciali marittime. Le petroliere stanno invece aggiungendo migliaia di miglia alle rotte marittime internazionali navigando intorno al continente africano invece di attraversare il Canale di Suez.

CNN riportato in precedenza I funzionari dell’intelligence statunitense ritengono che l’Iran stia calibrando attentamente la sua risposta alla guerra di Israele a Gaza, consentendo e incoraggiando i suoi gruppi per procura a fare spese precise contro gli interessi israeliani e statunitensi – e fermando azioni che provocherebbero un conflitto diretto con l’Iran. .

All’interno dello Yemen, un periodo di un anno conflitto tra Le forze Houthi e la coalizione sostenuta dall’Arabia Saudita hanno gettato la popolazione in una devastante crisi umanitaria caratterizzata da fame, turbolenze economiche e povertà estrema.

Le forze Houthi hanno attaccato la capitale Sanaa nel 2014, rovesciando il governo riconosciuto a livello internazionale e sostenuto dall’Arabia Saudita e scatenando una guerra civile. Il conflitto si è trasformato in una guerra più ampia nel 2015, quando una coalizione guidata dall’Arabia Saudita è intervenuta per cercare di sconfiggere gli Houthi.

READ  Dopo aver lanciato razzi, Israele ha attaccato nuovamente Gaza e ne sono seguiti pesanti combattimenti

Il conflitto ha causato fino a 377.000 vittime, secondo quanto riferito dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) nel 2021. Più della metà di loro sono morti per cause indirette legate al conflitto, come la mancanza di cibo, acqua e servizi igienico-sanitari.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *