Strana rara esplosione spaziale avvistata da qualche parte che non dovrebbe essere: allarme scientifico

Potremmo sapere molto meno di quanto pensassimo su una strana esplosione cosmica.

Sono chiamati transitori ottici blu veloci luminescenti, o LFBOT, e un Finch (AT2023fhn) osservato nello spazio interstellare a distanze considerevoli dalla galassia più vicina.

Questo è un problema, perché gli astronomi pensavano che gli LFBOT potessero essere un tipo di supernova massiccia, qualcosa che in realtà è accaduto entro i confini della galassia.

“Più apprendiamo sugli LFPOD, più ci sorprendono.” Lo dice l’astronomo Ashley Grimes Agenzia spaziale europea e Radbot University nei Paesi Bassi.

“Abbiamo ora dimostrato che gli LFPOD possono formarsi molto lontano dalla galassia più vicina, e la posizione di Finch non è quella che ci aspetteremmo per una supernova.”

Il primo LFBOT è stato scoperto nel 2018 e da allora ne abbiamo scoperti parecchi. Con ogni nuova scoperta, gli LFBOT continuano a lasciare perplessi gli scienziati. Queste esplosioni spaziali sono molto luminose – almeno 10 volte più luminose di una normale supernova – e molto brevi.

Le supernovae normali raggiungono il picco e svaniscono nel corso di settimane o mesi; Gli LFBOT sono come i flash delle fotocamere nello spazio. E sono molto caldi; Questo è ciò che dà loro il colore blu.

Rappresentazione artistica di AT2023fhn, AKA The Finch. (NASA, ESA, NOIRLab della NSF, M. Garlick, M. Zamani)

Gli scienziati pensavano che questi eventi potessero essere causati da un tipo insolito di supernova con collasso del nucleo, in cui il nucleo di una stella morente collassa direttamente in una stella di neutroni o in un buco nero. Ciò richiede una grande stella progenitrice, Almeno otto volte la massa del Sole.

Un’altra possibilità è che i lampi possano essere causati dal buco nero che inghiotte un altro oggetto ultradenso. Una stella nana bianca.

READ  Il Michigan annuncia Sharon Moore come capo allenatore a tempo pieno

Le grandi star non vivono a lungo Sequenza principale Vite. Suo Meno di 100 milioni di anni Una stella ha otto volte la massa del Sole. E sono nati in regioni di gas e polvere densi, vale a dire le galassie. È lì Non molto nello spazio intergalattico.

Sebbene alcune stelle possano uscire dall’orbita e abbandonare le velocità delle galassie che le ospitano, non si prevede che le stelle di neutroni massicce e i progenitori dei buchi neri arrivino così lontano prima della loro supernova finale.

In effetti, tutti i precedenti LFBOT sono stati trovati nei bracci a spirale delle galassie in cui si sta verificando la formazione stellare, il luogo in cui ci si aspetterebbe di trovare una supernova.

Questo ci porta al problema di Finch. È stato rilevato dalla Zwicky Transient Facility il 10 aprile 2023. La sua temperatura è stata misurata a 20.000 gradi Celsius (circa 36.000 Fahrenheit). Hubble è stato chiamato per scoprire da dove provenisse. È qui che le cose hanno iniziato ad andare un po’ lente.

L’esplosione è avvenuta a circa 2,86 miliardi di anni luce di distanza, ma nello spazio intergalattico, a circa 50.000 anni luce dalla galassia a spirale più vicina e a 15.000 anni luce dalla galassia satellite nana più vicina di quella galassia a spirale. Ciò rappresenta una sfida significativa per l’ipotesi della supernova.

Immagine di Finch da Hubble. (NASA, ESA, STScI, Università A. Chrimes/Radboud)

Ma l’ipotesi del buco nero è ancora sul tavolo. I ricercatori affermano che è possibile che una vecchia sfera isolata di stelle, chiamata ammasso globulare, sia in agguato nello spazio intergalattico.

Si ritiene che gli ammassi globulari siano intrecciati con i buchi neri, un raro tipo di massa intermedia. Se là fuori esistesse un ammasso globulare, troppo debole per essere visto, potremmo aver mangiato alla cieca uno di questi buchi neri.

READ  23 marines americani sono rimasti feriti nello schianto di un aereo Osprey durante un'esercitazione militare in Australia

Un’altra possibilità è che l’esplosione sia stata causata da una collisione tra due stelle di neutroni, una delle quali potrebbe essere stata un magnete, il cui intenso campo magnetico avrebbe potuto amplificare la kilonova risultante. Dovrebbe essere eseguita un’analisi teorica per determinare la plausibilità di questo scenario.

“La scoperta solleva più domande che risposte.” Lo dicono i crimini. “È necessario ulteriore lavoro per determinare quale delle molte possibili spiegazioni è corretta.”

Una cosa è certa però. Più scopriamo queste cose, più sono strane.

La ricerca è stata accettata Avvisi mensili di lettere della Royal Astronomical Societye disponibile arXiv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *