Forti piogge dal fronte freddo, i resti di Phillip iniziano a colpire il Nordest e il New England

New York – Philip è diventata una tempesta post-tropicale e si sta spostando a nord verso il New England, portando forti piogge e forti venti che potrebbero innescare inondazioni improvvise e interruzioni di corrente sparse.

La tempesta ha colpito le Bermuda per gran parte di venerdì con forti piogge, forti correnti di strappo e venti a 40 miglia orarie.

Mentre Phillip si spinge verso nord, le prossime 36 ore diventeranno un complesso disastro meteorologico poiché la tempesta trarrà energia da fonti più tradizionali della natura tropicale.

Cos’è un ciclone post-tropicale?

La nuova forma di Phillip verrà presto accolta da un fronte freddo in movimento da ovest a nord-est. L’umidità proveniente da entrambi si combinerà per produrre diffusi acquazzoni in tutta la regione questo fine settimana.

“Il fronte porterà la propria umidità ed energia eolica”, ha affermato Brian Norcross, specialista in uragani della Fox Weather. “Il risultato netto sarà forti piogge e raffiche di vento nel New England (sabato) fino a domenica lungo il corridoio I-95 nel Mid- Atlantico e nord-est (sabato): la combinazione porterà pioggia sotto forma di tempesta costiera. e pre-incontro.”

Con l’avvicinarsi della stagione degli uragani a ottobre, ecco cosa aspettarsi ai tropici

Molte comunità vedranno 1-3 pollici di pioggia, con punti locali che riceveranno più di mezzo piede. Ciò può portare a inondazioni improvvise poiché gran parte del suolo nel New England e nel nord-est è già saturo a causa di un’estate piovosa.

READ  Le primarie del GOP della Carolina del Sud e le ultime della campagna 2024

New York City e Boston sono destinate a spruzzare da giugno fino al 13° fine settimana piovoso

Un allarme inondazioni è in vigore per parti del Maine centro-meridionale e centro-occidentale da sabato pomeriggio a domenica mattina.

New York ha già attivato il piano di emergenza per inondazioni improvvise poiché il rischio di inondazioni aumenta per le aree vulnerabili. Città come New York, inondata da precipitazioni record la scorsa settimana, potrebbero essere risparmiate da gravi problemi idrici, ma questa non è una garanzia.

“Ci sono luoghi che potrebbero allagarsi molto facilmente a causa del punto di non ritorno”, ha detto la meteorologa di Fox Weather Amy Freese. “Inoltre, qui c’è un temporale, accompagnato da flussi di umidità.”

Secondo il FOX Forecast Center, le aree del Massachusetts e del Connecticut hanno registrato il 200-300% delle precipitazioni medie nelle ultime due settimane, rendendole particolarmente sensibili a qualsiasi pioggia forte.

“Abbiamo avuto il fine settimana dal 1 al 13 giugno con pioggia nel nord-est, ed eccoci di nuovo qui”, ha aggiunto Freese. “Stiamo assistendo a pioggia sul New England, praticamente un dilavamento nel nord-est per il fine settimana.”

Poiché Phillip non è più un sistema tropicale, l’NHC ha affermato che non emetterà orologi o avvisi di tempesta tropicale per la costa degli Stati Uniti, lasciando gli avvisi ai singoli uffici NWS. L’NHC ha smesso di fornire discussioni sulle previsioni e proiezioni aggiornate del cono.

Venti da 50-60 mph da sabato notte a domenica

A causa del calo della corrente a getto menzionato in precedenza, i resti di Phillip diventeranno una tempesta più forte di una tempesta tropicale. Produrrà forti venti in una piccola area del basso Maine orientale.

READ  Come guardare Kaitlyn Clark battere il record di punteggio femminile della NCAA quando l'Iowa affronterà il Michigan stasera

Raffiche di vento di 50-60 mph sono possibili poiché il sistema di bassa pressione attraversa sabato notte e domenica. Di conseguenza, potrebbero verificarsi alcune interruzioni di corrente.

Raffiche di vento fino a 57 miglia orarie sono considerate dannose, ma in una giornata vivace piccoli rami possono essere sradicati e cadere sulle linee elettriche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *