Il più grande sciopero sanitario della nazione potrebbe finire senza un accordo contrattuale

La maggior parte delle strutture di Kaiser si trovano in California, dove ha sede l’organizzazione no-profit e dove lo slancio è passato alla recessione dopo un’estate di scioperi e proteste sindacali. L’assalto sindacale si è diffuso a livello nazionale, con gli United Auto Workers che hanno colpito le case automobilistiche americane. Il settore sanitario, in particolare, ha vissuto un’ondata di conflitti sindacali alimentati dal burnout dovuto alla pandemia e dalle relative crisi di personale.

Lo sciopero del Kaiser arriva anche mentre un disegno di legge sull’assistenza sanitaria sul salario minimo si trova sulla scrivania del governatore della California Gavin Newsom. La proposta – un accordo respinto dai datori di lavoro e dai sindacati del settore sanitario – avrebbe garantito un salario minimo di 25 dollari per gli operatori sanitari della California entro il 2026. È stata una delle massime priorità del partito laburista nella sessione legislativa dello stato dopo che il governatore democratico ha frustrato il movimento ponendo il veto alle proposte. Avrebbe imposto limiti più severi all’impiego di camion autonomi e avrebbe dato ai lavoratori in sciopero l’accesso alle indennità di disoccupazione.

Settembre Lo sciopero è iniziato a metà settembre, quando i sindacati hanno votato per licenziarsi se non fosse stato raggiunto un accordo entro il 30. Tale termine è scaduto senza un accordo che consentisse ai dipendenti di ricevere una retribuzione più elevata con retribuzione annuale. Aumenti nel corso della durata del contratto.

Mercoledì funzionari sindacali hanno dichiarato di aver raggiunto provvisori accordi su alcune questioni relative ai benefici, ma restano altri punti critici. Costa venerdì ha rifiutato di commentare i dettagli dei colloqui.

READ  Black Friday per PS5: Walmart ha ora in stock le console PS5

Gli ospedali e le cliniche sono rimasti aperti durante tutta la chiusura mentre medici e infermieri sono rimasti in servizio, anche se alcuni servizi sarebbero stati lenti. I primi dipendenti a rientrare al lavoro inizieranno i turni sabato alle 6.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *