Le azioni di Pioneer aumentano nelle trattative per una mega fusione con Exxon

Il logo Exxon Mobil e il grafico azionario sono visualizzati attraverso la lente d’ingrandimento mostrata in questo grafico scattato il 4 settembre 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione/file Foto Ottieni i diritti di licenza

6 ottobre (Reuters) – Le azioni di Pioneer Natural Resources (PXD.N) sono balzate dell’11% venerdì alla notizia che il gigante statunitense del petrolio e del gas ExxonMobil (XOM.N) è in trattative avanzate per acquistare un produttore di scisto. Un affare da 60 miliardi di dollari.

L’accordo è il più grande da parte di Exxon dall’acquisizione di Mobil da 81 miliardi di dollari nel 1998. Ciò renderebbe l’azienda uno dei principali produttori nel redditizio bacino del Permiano, il più grande giacimento di petrolio di scisto d’America, quando la produzione petrolifera della nazione raggiungerà il massimo storico. Un record di 13 milioni di barili al giorno.

Venerdì le azioni di Pioneer sono state scambiate a 238,50 dollari, valutando la società quasi 56 miliardi di dollari, mentre le azioni di Exxon sono scese dell’1,2%. L’offerta rappresenta un premio di circa il 20% rispetto alla chiusura del giovedì di Pioneer. Il valore di un contratto può cambiare in qualsiasi momento delle negoziazioni.

Il premio è in linea con altre fusioni E&P di quest’anno, ma “è ancora un po’ basso per un’azienda con le dimensioni e la qualità uniche delle scorte di Pioneer”, ha affermato Andrew Dittmar, direttore di Enverus.

I guadagni di venerdì non hanno fornito una spinta implicita alle azioni di Pioneer, poiché le due società potrebbero non raggiungere un accordo.

Grafica Reuters

“Non ci si può aspettare che Exxon paghi un premio significativo per un piccolo numero di asset da acquirenti alternativi di queste dimensioni”, ha affermato Braj Borgataria, analista di RBC Capital Markets.

READ  Gli arbitri tengono fede al controverso timeout di LeBron James che ha aiutato i Lakers a raggiungere le semifinali del torneo stagionale.

Secondo Enverus, Pioneer dispone di 6.300 ubicazioni nette di inventario di alta qualità.

Grafica Reuters

Exxon pagherà 4,5 milioni di dollari per le sedi di fascia alta di Pioneer e 3,7 milioni di dollari per tutte le sedi, ha affermato Enverus, aggiungendo che l’accordo valuta gli asset a 3 milioni di dollari per sede, al di sopra delle recenti tendenze di M&A.

Se i colloqui avranno successo, nei prossimi giorni potrebbe essere raggiunto un accordo tra Exxon e Pioneer, ha riferito Reuters citando tre fonti.

Tuttavia, qualsiasi accordo è soggetto al controllo politico e normativo.

“Pioneer è il più grande operatore nel Permiano con il 9% della produzione totale, mentre Exxon è il quinto con il 6%. L’operatore gestisce il 15% della produzione del Permiano ma solo il 6% della produzione totale degli Stati Uniti. Questi dati sono soggetti al controllo della FTC. Consolidamento “, ha affermato in una nota l’analista di RBC Capital Markets Scott Hanold.

La produzione statunitense di petrolio greggio è salita a 13 milioni di barili al giorno (bpd) a luglio, leggermente al di sotto del record stabilito a novembre 2019.

Le compagnie petrolifere sono più concentrate sulla restituzione di liquidità agli azionisti che sull’aumento della produzione. Sono stati lenti nell’aumentare la spesa, nonostante i profitti record e la produzione petrolifera quasi statunitense.

Gli esperti del settore hanno affermato che l’accordo potrebbe costituire un precedente per fusioni e acquisizioni su larga scala nel settore.

“Se ExxonMobil verrà incoronato re indiscusso del Permiano nei prossimi giorni, il settore dello scisto diventerà un business integrato fondamentalmente più maturo”, ha affermato Matthew Bernstein, analista senior dello scisto presso Rystad Energy.

READ  Le forze dell'IDF hanno recuperato il corpo dell'ostaggio di Hamas Elia Toledano, 28 anni, rapito dal festival musicale Supernova con la sua amica Mia Schem.

Reportage di Mrunalika Roy, Sourasis Bose e Arunima Kumar nella Sabrina Valley, Bangalore e Houston; Montaggio di Sriraj Kallu

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Mrinalika è una giornalista economica. Si occupa del settore energetico e minerario in Nord America per Reuters dal 2022 e ha sede in India.

Il reporter energetico statunitense si è concentrato sulla copertura delle operazioni globali delle major petrolifere di Houston. Sabrina ha precedentemente lavorato presso Bloomberg e BusinessWeek a Rio de Janeiro e al Washington Post a DC, tra le altre pubblicazioni. Parla inglese, francese, portoghese, spagnolo e italiano. Contatto: sabrina.valle@tr.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *