Un attacco iraniano a Israele potrebbe essere dannoso per la guerra della Russia in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente iraniano Ibrahim Raisi si incontrano a Teheran il 19 luglio 2022.
Sergej Savostyanov/AFP/Getty Images

  • Un attacco iraniano a Israele potrebbe influenzare la guerra della Russia in Ucraina.
  • L’Iran è un importante fornitore di armi e partner economico della Russia.
  • Un conflitto più ampio in Medio Oriente potrebbe anche aumentare l’influenza regionale della Cina a scapito della Russia.

L’attacco dell’Iran contro Israele sabato è negativo non solo per il Medio Oriente, ma anche per la guerra della Russia in Ucraina, poiché appaiono nuove linee di faglia tra Mosca e Teheran.

Michelle Kris, ricercatrice politica senior RAND, Un think tank statunitense descrive in un commento come un conflitto più ampio in Medio Oriente potrebbe influenzare la Russia. Il commento è stato pubblicato per la prima volta interesse nazionale rivista l’11 aprile – pochi giorni prima che l’Iran lanciasse più di 300 droni e missili contro Israele il 13 aprile.

L’articolo di Chris segue l’attacco del 1 aprile all’ambasciata iraniana a Damasco, in Siria. Israele non ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, ma l’Iran ha rivendicato la responsabilità e ha promesso di reagire.

“Mosca trae vantaggio dal caos in Medio Oriente – distogliendo l’attenzione e le risorse occidentali dall’Ucraina – e rischia di perdere se il conflitto Israele-Hamas si trasformerà in una guerra più ampia”, ha scritto Grisé.

La Russia si è affermata da anni come attore militare e diplomatico in Medio Oriente.

Mosca ha approfittato dell’instabilità in Siria Libia Posizionarsi come garante della sicurezza regionale, ma intensificare il conflitto in Medio Oriente, ha scritto Kris, non avrebbe lo stesso effetto.

READ  Il telescopio spaziale Webb trova un'antica galassia "morta".

Grisé ha scritto che ciò era in parte dovuto al coinvolgimento di Mosca nella guerra in Ucraina. La partnership della Russia con l’Iran si è approfondita negli ultimi due anni poiché l’economia russa, pesantemente sanzionata, è diventata sempre più isolata.

L’Iran è ora un importante fornitore militare della Russia. UN La “flotta fantasma” iraniana La Russia ha portato petrolio in tutto il mondo dall’inizio della guerra in Ucraina, tenendo a bada le entrate petrolifere di Mosca.

Tuttavia, se l’Iran venisse coinvolto in un conflitto più ampio, potrebbe non essere in grado di fornire lo stesso livello di sostegno alla Russia.

“Un conflitto regionale più ampio, soprattutto se coinvolgesse un conflitto diretto tra Israele e Iran, limiterebbe la capacità dell’Iran di continuare a servire come fornitore militare per la Russia”, ha scritto Kris.

Inoltre, “Teheran potrebbe richiedere ulteriore sostegno quando la Russia avrà meno capacità di fornirlo”, ha aggiunto.

IL Il Gruppo dei Sette o paesi del G7 Sta già prendendo in considerazione ulteriori sanzioni contro l’Iran in seguito al suo attacco a Israele Game Over in Russia.

La presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen ha dichiarato domenica in una dichiarazione: “Considereremo ulteriori sanzioni contro l’Iran in stretta collaborazione con i nostri partner, in particolare sui suoi programmi di droni e missili”.

Un conflitto più ampio in Medio Oriente potrebbe aumentare l’influenza della Cina nella regione a spese di Mosca

Sebbene la Russia sia in guerra in Ucraina, il presidente Vladimir Putin si è posizionato come potenziale intermediario di potere in Medio Oriente nel contesto della guerra tra Israele e Hamas.

READ  Anteprima di Flint: Treasure of Oblivion: porta la vita da pirata in un gioco di ruolo tattico

Ma il piano di Putin potrebbe andare in pezzi se la guerra si estendesse a livello regionale, poiché anche Pechino è desiderosa di costruire la pace.

“La Russia sarà particolarmente sensibile ai tentativi cinesi di invadere la sua influenza in Medio Oriente”, ha scritto Kris nel suo commento.

Ciò è particolarmente vero dal momento che Pechino è stata in grado di fornire risultati entro marzo 2023 stabilendo una barriera tra Arabia Saudita e Iran, ha aggiunto Kris.

Con l’economia russa, pesantemente sanzionata, già dipendente dalla Cina, se Mosca riuscisse ancora a mantenere un briciolo di influenza globale, sarebbe ancora più esposta ai capricci di Pechino.

UN Rapporto domenicale, Il ministero degli Esteri russo ha espresso “profonda preoccupazione” per quella che ha definito “un’altra pericolosa escalation” nella regione.

Invitando alla moderazione, il ministero degli Esteri russo ha affermato che si aspetta che i governi regionali “risolvano i problemi esistenti attraverso mezzi politici e diplomatici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *