Gli scienziati hanno identificato tre nuovi antichi canguri, uno dei quali misura più di 6,6 piedi di altezza

Università di Flinders

Uno scheletro fossile quasi completo di Protemnodon viator

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, scoperte scientifiche e altro ancora.



CNN

Gli scienziati hanno scoperto tre nuove specie giganti Canguro Visse tra 5 milioni e 40.000 anni fa e uno di essi è grande il doppio del più grande. Canguri Vivo oggi.

Secondo un rapporto della Flinders University nel South Australia, i canguri giganti appartengono al genere Protemnodon e potrebbero aver mostrato più variazioni nella forma, nella portata e nei modelli di salto di quanto i ricercatori pensassero in precedenza.

Lo studio è stato pubblicato lunedì sulla rivista Megataxa, basato sulla scoperta di diversi scheletri fossilizzati completi da parte di paleontologi che lavoravano sul lago Calabona nell’Australia meridionale. Ciò ha consentito a un team guidato dal paleontologo Isaac Kerr della Flinders University di rispondere a domande di lunga data su Protemnodon.

Aaron Cammons/Flinders University

Volontari durante uno scavo archeologico presso il Lago Calabona, nel Sud Australia

Sebbene i fossili di Protemnodon siano abbastanza comuni in Australia, la nostra comprensione della specie è stata ostacolata dal fatto che storicamente i fossili consistevano in ossa individuali piuttosto che in animali completi.

Sebbene i canguri fossero simili a quelli che vediamo oggi, afferma il rapporto, erano più tozzi e muscolosi.

I ricercatori hanno aggiunto che le tre specie appena descritte saltavano in modi diversi e si adattavano a vivere in ambienti diversi.

Una specie – B. Viator – può pesare fino a 170 chilogrammi (375 libbre), due volte più pesante del più grande canguro rosso maschio vivente oggi.

READ  I Kansas City Chiefs hanno perso in casa e non sono riusciti a vincere l'AFC West

Università di Flinders

L’autore principale dello studio Isaac Kerr è raffigurato con un fossile di canguro.

Gli esemplari più grandi sarebbero stati alti più di 2 metri (6,6 piedi), ha detto lunedì Kerr alla CNN.

“Con i piedi corti, i femori relativamente corti e le mascelle lunghe, era ben proporzionato come i canguri rossi e grigi viventi, costruito per saltare in modo rapido ed efficiente”, ha detto.

“Ciò lo avrebbe aiutato a spostarsi tra le fonti di cibo e acqua nel suo habitat aperto e arido dell’Australia centrale”, ha aggiunto.

Il suo nome, “viator”, in latino significa viaggiatore o viandante, e i canguri potrebbero essere migrati in grandi gruppi chiamati “mob”, come fanno oggi i canguri rossi e grigi, ha detto alla CNN.

“Il loro principale predatore era Thylagolio carnifex, il ‘leone marsupiale’ ormai estinto”, ha aggiunto. “Dalle dimensioni di un grosso cane, il Thylagoleo era un predatore furtivo ritenuto specializzato nella caccia ai canguri.”

Le altre due specie recentemente descritte sono B. Mamkurra e B. Dawson.

B. Mamgurra sarebbe stato quadrupede, ha affermato Kerr nel rapporto, il che significa che si sarebbe mosso principalmente su quattro zampe anziché saltare su due.

“Un canguro grande ma tozzo e forte, si muoveva molto lentamente e probabilmente inefficiente. Saltava raramente, forse se spaventato”, ha detto Kerr nel rapporto.

Si sa relativamente poco di P. dawsonae perché gli scienziati hanno meno fossili da studiare, ma si trattava di una “tramoggia a media velocità”, hanno detto i ricercatori.

L’articolo dimostra anche la straordinaria capacità di Protemnodon di sopravvivere in una varietà di ambienti.

“Specie diverse Protemnodonte “Ora è noto che ha abitato una vasta gamma di habitat, dall’arida Australia centrale alla Tasmania ricca di piogge e foreste e alle montagne della Nuova Guinea”, ha affermato Kerr nella dichiarazione.

READ  Il cambio di partito del cinema crea un dilemma politico per i Democratici

Circa 40.000 anni fa, il Protemnodon si estinse nell’Australia continentale, nonostante le differenze tra le varie specie.

Tuttavia, questa estinzione non ha colpito animali simili come i wallaroo e i canguri grigi, poiché gli scienziati non comprendono appieno.

Il team spera che lo studio contribuisca alla ricerca futura per spiegare perché ciò è accaduto.

Il prossimo viaggio di Kerr sarà in Papua Nuova Guinea, dove si svolgerà la prima indagine archeologica in più di 40 anni, ha detto alla CNN.

“La formazione che scaveremo contiene una specie di Protemnodon, Protemnodon otiphantus, e spero di trovare un cranio completo di questa specie interessante”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *