Sostenendo l’accordo saudita, McIlroy ripensa al ruolo di backstop del PGA Tour

Rory McIlroy è ancora vivace, ancora serio, ancora desideroso di giocare a golf della Lega LIV sostenuta dai sauditi, ha trascorso gran parte dell’ultimo anno insultando come un intruso compromesso.

“Odio LIV”, ha detto mercoledì McIlroy, uno dei critici più feroci del nuovo circuito. “Spero che vada via, me lo aspetto pienamente.”

Sembra accettare a malincuore ciò che i dirigenti del PGA Tour ritengono sia realismo, abrasività e condiscendenza: il modo più sicuro per ingannare LIV è posizionare il tour per raccogliere i soldi sauditi che ha denunciato.

La resa dei conti di McIlroy, che ha descritto un giorno dopo il tour e l’accordo che i dirigenti sauditi hanno accecato il mondo del golf, è stato fatto in segreto, non è l’ultima parola su un accordo che è ancora formalmente provvisorio. Ma la sua approvazione ha immediatamente rafforzato le prospettive dell’accordo, poiché McIlroy, uno dei giocatori più importanti del mondo, è uno dei pochi a sedere su un tabellone del PGA Tour.

Nonostante la ricerca di McIlroy di liberarsi dall’onere di essere uno dei migliori portavoce del tour, è ancora uno dei suoi sostegni più affidabili.

Ha detto che lo distraeva dal suo gioco. Dato il caos di questa settimana durante il PGA Tour, potrebbe essere eccitato per un po’.

Oltre a cancellare un potenziale divieto della sala riunioni, l’approvazione dell’accordo da parte di McIlroy – che vedrebbe un’entità controllata dal PGA Tour e finanziata dai sauditi gestire i rapporti commerciali dei circuiti competitivi – significava che aveva effettivamente firmato. Il pubblico che il PGA Tour è un’impresa degna e difensiva.

Mercoledì ha ammesso che il lucroso cambiamento del tour è stato “ipocrita”. Ammette di sentirsi tradito, dicendo: “È difficile per me sedermi qui e sentirmi come un agnello sacrificale. Mi sono messo là fuori e questo è quello che sta succedendo”. Ha riconosciuto l ‘”ambiguità” nell’accordo e ha detto che “non capiva tutte le sfumature di quello che stava succedendo”.

READ  CBO: Il perdono del prestito studentesco di Biden costerà $ 400 miliardi

Ma il suo discorso di vendita per l’accordo, qualificato com’è, è stato forse lo sguardo più confuso al playbook del tour da settimane e mesi. Questo non placherà la tempesta all’interno del circolo in cui ha messo in gioco la sua reputazione. Dopotutto, poche persone sono felici di essere fuori dal tour e nessuno conosce le attività private della sua leadership, con Yasir Al-Rumayan, il governatore del fondo sovrano dell’Arabia Saudita.

Sebbene il sostegno protetto di McIlroy non garantisca un percorso verso un accordo, in quanto terzo giocatore al mondo, sta già cercando di spiegare i dettagli delle strutture aziendali.

Guardando un decennio nel futuro, McIlroy ha predetto che l’accordo sarebbe stato “buono per il gioco del golf professionistico”.

“Ci sono ancora molte cose da chiarire”, ha detto McIlroy mercoledì a Toronto, dove giovedì inizierà un evento del tour. “Ma almeno significa che le cause legali se ne andranno, il che è stato un enorme fardello per tutti coloro che sono coinvolti nel tour e che giocano nel tour, e possiamo iniziare a lavorare verso una sorta di modo per unificare il gioco a livello di élite”.

I punti più fini della nuova partnership tra il PGA Tour ei sauditi non sono ancora chiari. Ma una volta costituita la nuova compagnia, il tour dovrebbe mantenere la maggior parte dei posti del gruppo. A parte la promessa di diritti esclusivi per investire nella società, il risultato saudita fu che Al-Rumaian sarebbe stato il presidente della società.

Il fondo patrimoniale dell’Arabia Saudita ha investito denaro negli sport globali. Mercoledì mattina, meno di un giorno dopo che McIlroy ha ricevuto il suo briefing iniziale sull’accordo, ha detto di aver “fatto i conti” con l’aspettativa che il denaro saudita avrebbe fruttato bene il golf in futuro.

READ  Mercati azionari asiatici oggi: aggiornamenti in tempo reale

“Guardo cosa è successo in altri sport, guardo cosa è successo in altre attività e, onestamente, sono rassegnato al fatto che questo è ciò che accadrà”, ha detto McIlroy. “È più difficile relazionarsi con persone che hanno più soldi di altre”.

Il controllo su come il denaro saudita può fluire attraverso il golf, McIlroy e altri ne vale la pena. qualcosa- McIlroy in particolare, come ha detto mercoledì, desidera disperatamente “proteggere il futuro del PGA Tour e proteggere la natura ambiziosa di ciò che rappresenta il PGA Tour”.

“Se pensi a uno dei più grandi fondi sovrani del mondo, lo considereresti un partner o un avversario?” chiese McIlroy. “Alla fine della giornata, i soldi parlano e tu vuoi averli come partner.”

Non particolarmente turbato quando ha incontrato un gruppo di giornalisti il ​​giorno dopo il pugno pubblico del tour, McIlroy ha detto che avrebbe rivolto la sua attenzione al golf in vista degli US Open della prossima settimana a Los Angeles, colpendo palloni sul driving range e cercando il successo. Angeli.

Una vittoria potrebbe arrivare lì oa Toronto questo fine settimana.

Ma la confusione non è finita, neanche lontanamente, ma il prezioso tour di McIlroy sta cercando di capire cosa fare con il circuito che odia. Fino ad allora, McIlroy potrebbe trovarsi davanti a due tentazioni: vincere tornei di golf e assicurarsi in qualche modo un tour che all’improvviso sembra che stia colpendo così spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *