Silicon Valley Bank: fa causa a genitore, CEO e CFO in mezzo alle turbolenze del mercato | Banca della Silicon Valley

Le azioni globali hanno continuato a soffrire martedì nonostante le assicurazioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden secondo cui SVB Financial Group e due dirigenti chiave sarebbero stati citati in giudizio dagli azionisti per il crollo della banca della Silicon Valley.

Gli azionisti della banca accusano l’amministratore delegato di SVB Financial Group Greg Becker e il direttore finanziario Daniel Beck di nascondere come i tassi di interesse potrebbero “influenzare particolarmente facilmente” la sua unità bancaria della Silicon Valley.

L’azione collettiva proposta è stata depositata lunedì presso il tribunale federale di San Jose, in California.

Sembrava essere il primo di una serie di casi relativi alla scomparsa della Silicon Valley Bank (SVB), che le autorità di regolamentazione statunitensi hanno sequestrato il 10 marzo dopo un aumento dei prelievi di depositi.

Le onde d’urto del declino di SVB martedì hanno colpito ulteriormente i titoli bancari globali, con gli appelli alla calma da parte di Biden e altri politici che hanno fatto poco per calmare i mercati e hanno spinto alcuni analisti a rivedere le loro prospettive sui tassi di interesse.

“Gli americani possono essere certi che il nostro sistema bancario è al sicuro. I vostri depositi sono al sicuro. Vi assicuro che non ci fermeremo qui. Faremo ciò che è necessario”, ha detto Biden lunedì.

I commenti di Biden, insieme alle misure di emergenza statunitensi per garantire i depositi dei clienti di SVB e sostenere le banche fornendo accesso a finanziamenti aggiuntivi, non sono riusciti a dissipare le preoccupazioni degli investitori sul potenziale contagio nel settore bancario.

I titoli bancari asiatici hanno esteso i cali martedì, con il sottoindice giapponese Bank of America che ha guidato il calo, in calo del 6,7% nei primi scambi e il minimo da dicembre.

READ  Trump ha in programma di costituirsi nella prigione della contea di Fulton dopo aver accettato i termini del vincolo

“Sono iniziate le corse agli sportelli [and] “I mercati interbancari sono sotto pressione”, ha affermato Damian Boey, chief equity strategist presso Barrenjoey, una banca d’affari con sede a Sydney. “Probabilmente, le misure di liquidità avrebbero dovuto fermare questa dinamica, ma Main Street sta guardando le notizie e le code, non l’impianto finanziario”.

Lunedì l’agenzia di rating Moody’s ha tagliato i rating di credito della Signature Bank in crisi in profondità nel territorio della spazzatura e ha rivisto al ribasso i rating di altre sei banche statunitensi.

Le banche sotto esame per il downgrade includono First Republic Bank, Zions Bancorp., Western Alliance Bancorp., Comerica Inc., UMP Financial Corp. e Intrust Financial Corp.

Moody’s, che ha valutato il debito subprime di Signature Bank a “C”, ha dichiarato che ritirerà anche i rating futuri per la banca fallita.

Nella causa di lunedì, gli azionisti, guidati da Chandra Vanipenta, hanno affermato che SVB con sede a Santa Clara, in California, non ha rivelato come avrebbe minato il suo modello di business e sarebbe stato peggio delle banche con diverse basi di clienti.

SVB ha sorpreso il mercato due giorni fa rivelando una perdita al netto delle imposte di 1,8 miliardi di dollari dalle vendite di investimenti. E prevede di raccogliere capitali mentre si affretta a soddisfare le richieste dei clienti che vogliono accedere ai propri depositi.

SVB aveva attività per un valore di $ 209 miliardi e depositi per $ 175,4 miliardi prima del crollo, il più grande fallimento bancario statunitense dalla crisi finanziaria del 2008.

Il suo declino ha alimentato i timori che altre banche potessero rischiare un aumento dei tassi di interesse con il calo dei prezzi delle obbligazioni.

READ  Il nuovo tipo covid JN1 si sta diffondendo rapidamente. Quanto dovremmo preoccuparci? | Notizie sulla salute

La causa chiede danni non specificati agli investitori SVB tra il 16 giugno 2021 e il 10 marzo 2023.

SVB ha dichiarato lunedì che sta esplorando alternative strategiche per la società ora esclusa dal suo core business bancario.

Lunedì la FDIC ha nominato Tim Mayopoulos, l’ex presidente di Fannie Mae, amministratore delegato della banca della Silicon Valley. Secondo TechCrunch, una dichiarazione che Mayopoulos ha inviato ai clienti afferma che la banca “stava conducendo gli affari come al solito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *