Una giuria ha ritenuto l’amico di Trump Tom Barack colpevole di lobbying straniero e di aver mentito all’FBI

Tom Barrack, amico di lunga data dell’ex presidente Donald Trump ed ex raccoglitore di fondi, si è dichiarato non colpevole venerdì per aver agito come agente straniero non registrato per gli Emirati Arabi Uniti durante l’amministrazione Trump e in seguito ha mentito all’FBI su quei contatti.

La giuria ha deliberato per circa due giorni presso il tribunale federale di Brooklyn, New York, prima di votare per assolvere Barack, accusato dai pubblici ministeri di barattare sulla sua decennale amicizia con Trump.Fornitura illegaleFunzionari degli Emirati Arabi Uniti con accesso e informazioni privilegiate sulla Casa Bianca di Trump e sulla sua campagna presidenziale del 2016.

Barack è stato presidente del comitato di inaugurazione di Trump sarà imposto Agire come agente di un governo straniero senza preavviso giudiziario è un reato punibile con una reclusione fino a 10 anni. Inoltre, è stato accusato di ostruzione alla giustizia e di mentire all’FBI sui suoi collegamenti con gli Emirati Arabi Uniti durante un’intervista del 2019 con agenti federali.

Barak, un miliardario della California, ha negato l’offerta degli Emirati Arabi Uniti e ha affermato di aver organizzato incontri tra gli Emirati ei funzionari della Casa Bianca e fatto commenti sui media elogiando il governo degli Emirati Arabi Uniti, non perché gli fosse stato indirizzato.

Barack si è detto grato alla giuria. “Sono rimasto molto colpito da loro e dall’organizzazione”, ha detto. Alla domanda su cosa intende fare dopo la vittoria, Barack ha detto che visiterà la Statua della Libertà e “berrà un drink”.

“Dio benedica l’America”, ha detto. “Il sistema è fantastico.”

Il co-imputato di Barack, l’ex aiutante Matthew Grimes, si è dichiarato non colpevole di agire come agente straniero non registrato. “Sono grato”, ha detto Grimes.

READ  I futures Dow scendono di oltre 270 punti dopo un forte rally di due giorni a Wall Street

Sebbene Grimes non fosse l’obiettivo principale del caso dei pubblici ministeri, “è stato accusato di gravi crimini che avrebbero cambiato la sua vita”, ha detto il suo avvocato, Abe Lowell.

L’avvocato di Barrack, Randall Jackson, ha detto in quel momento L’argomentazione finale Martedì, ha notato che non c’era “nulla di nefasto” nei rapporti di Barak con la leadership degli Emirati, affermando che il presidente della società di private equity ha avuto a che fare con funzionari stranieri di alto rango in 100 paesi nel corso degli anni.

“È perfettamente naturale negli affari per un’azienda cercare di soddisfare i tuoi interessi commerciali e politici”, ha detto Jackson.

I pubblici ministeri hanno in gran parte costruito il loro caso attorno ai messaggi di testo ed e-mail che Barak e Crimes hanno scambiato con Rashid Al Malik, un uomo d’affari degli Emirati.

I funzionari degli Emirati Arabi Uniti sono stati mostrati mentre consigliavano Barak su cosa avrebbe dovuto dire nelle interviste televisive e su cosa Trump avrebbe dovuto dire sulla politica energetica in un discorso della campagna elettorale del 2016. Un funzionario ha sollecitato Barack per i dettagli sulle potenziali scelte di Trump per vari incarichi di alto livello, tra cui il direttore della CIA e le posizioni nei dipartimenti di Stato e Difesa.

Barak ha rifiutato di condividere tali informazioni ha testimoniato in sua difesaHa anche negato di aver mentito all’FBI.

Inizialmente sembrava che la giuria avesse preso una decisione sulle accuse di agente straniero: tutte le sue note al giudice da quando sono iniziate le deliberazioni mercoledì si sono concentrate sulla testimonianza sulle accuse dell’FBI.

READ  TCU contro Kansas State, Georgia contro LSU e altro ancora

Il verdetto è arrivato al termine di un processo di sei settimane che includeva la testimonianza dell’ex segretario di Stato Rex Tillerson e l’ex segretario al Tesoro Steve Mnuchin. Barak ha testimoniato per cinque giorni.

briscola protetto Sul suo sito di social media, Truth Social, prima che il suo amico prendesse il banco dei testimoni, Barak ha detto che Barak è stato “ingiustamente molestato solo perché è un sostenitore di ‘Trump'”.

Venerdì Trump ha celebrato il rilascio di Barack, definendolo “un’ottima notizia per il nostro Paese, la libertà e la democrazia”. Ha elogiato i giurati per il loro “coraggio e comprensione nel giungere alla conclusione assolutamente giusta” e ha affermato che i verdetti di Barak e Grimes “hanno arretrato enormemente l’estrema sinistra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.