Kyrie Irving si scusa su Instagram, poche ore dopo che Nets lo ha sospeso per commenti antisemiti

Una settimana dopo, sui suoi account social, promuovendo un film pieno di retorica antisemita, reti di BrooklynKyrie Irving si è scusato giovedì sera per le sue azioni dopo giorni di richieste di scuse. Negare completamente il contenuto dell’immagine.

Irving, 30 anni, ha promosso “Hebrews to Negroes: Wake Up Black America”, che è stato rilasciato il 18 ottobre Il film, che è stato riempito di sproloqui antisemiti sui suoi account Twitter e Instagram il 27, da allora ha trascorso gran parte della scorsa settimana a essere odioso e rifiutarsi di riconoscere la divisione. Contenuto.

La situazione è cambiata nella tarda notte di giovedì, ore dopo essere stata sospesa per almeno cinque partite senza paga dai Brooklyn Nets, con Irving che si è scusato pubblicamente su Instagram, che si legge per intero di seguito.

“Mentre facevo ricerche su YHWH, ho pubblicato un documentario che conteneva alcune false dichiarazioni antisemite, storie e un linguaggio offensivo contro la razza/religione ebraica, e mi assumo la piena responsabilità delle mie azioni. Sono grato. Dovrebbe esserci una piattaforma più ampia per condividere le conoscenze. e vogliono andare avanti attraverso un dialogo aperto per imparare e crescere di più da questo.

A tutte le famiglie e le comunità ebraiche colpite e colpite dal mio post, sono profondamente dispiaciuto di averti causato dolore e mi scuso. Invece di concentrarmi sulla guarigione dei miei fratelli e sorelle ebrei colpiti dai commenti odiosi pubblicati nel documentario, inizialmente ho reagito per emozione all’essere stato ingiustamente etichettato come antisemita. Vorrei chiarire la confusione su dove sto combattendo l’antisemitismo fornendo una spiegazione fattuale che delinei le convinzioni specifiche nel documentario con cui sono d’accordo e non sono d’accordo, e scusandomi per aver pubblicato il documentario senza contesto. Non ho alcuna intenzione di mancare di rispetto alla storia culturale ebraica legata all’Olocausto o di perpetuare l’odio. Imparerò da questo sfortunato evento e spero che possiamo trovare comprensione tra tutti noi. Non sono diverso dagli altri esseri umani. Sono un ricercatore della verità e della conoscenza, e so chi sono”.

Poi venne il perdono Lo ha detto il commissario NBA Adam Silver Sebbene fosse “deluso” dalla decisione di Irving di non scusarsi, il CEO di Anti-Defamation League Jonathan Greenblatt ha twittato che Irving “ha molto lavoro da fare” dopo che i Nets hanno sospeso Irving per almeno cinque partite e che al momento non è idoneo a essere associato ai Brooklyn Nets”.

READ  I Carolina Panthers restano in vita nella NFC South con una vittoria sugli Atlanta Falcons

L’editorialista della CBS Sports Bill Reiter si scusa per a Buon primo passo. Laddove è stato commesso un atto deplorevole, resta da vedere come influisca sulla sospensione aperta. Se i Nets (e la NBA) riterranno appropriata la punizione attuale, Irving salterà le partite contro di lui. Maghi, Calabroni, Anticonformisti, Knicks E ClipperMa potrà tornare in campo domenica 13 novembre, quando affronterà i Nets Lakers A Los Angeles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.