L’influenza aviaria devasta le fattorie nel “cestino delle uova” della California mentre scoppia l’industria del pollame

PETALUMA, California – Il mese scorso, Mike Weber ha ricevuto la notizia che ogni allevatore di pollame teme: i suoi polli sono risultati positivi all’influenza aviaria.

Seguendo le regole del governo, la società di Weber, la Sunrise Farms, ha dovuto abbattere tutte le sue galline ovaiole – 550.000 uccelli – per impedire che la malattia si diffondesse ad altre fattorie nella contea di Sonoma, a nord di San Francisco.

“È stato uno shock. Di conseguenza siamo tutti infelici”, ha detto Weber, in piedi in un pollaio vuoto. “Petaluma è conosciuto come il cesto delle uova del mondo. Vedere quel cesto delle uova andare in fiamme è devastante.

Un anno dopo che l’influenza aviaria ha portato all’impennata dei prezzi delle uova e alla diffusa carenza di uova, una malattia nota come influenza aviaria ad alta patogenicità sta seminando il caos in California, dopo essere sfuggita a una precedente ondata di epidemie che ha decimato gli allevamenti di pollame nel Midwest.

Il virus altamente contagioso ha devastato la contea di Sonoma, dove le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza. Negli ultimi due mesi, quasi una dozzina di aziende agricole commerciali hanno dovuto abbattere più di 1 milione di uccelli per controllare l’epidemia, un duro colpo economico per gli agricoltori, i lavoratori e i loro clienti.

Anche la contea di Merced, nella California centrale, è stata duramente colpita, con focolai in diversi grandi allevamenti commerciali di produzione di uova nelle ultime settimane.

Gli esperti affermano che l’influenza aviaria si diffonde attraverso le anatre, le oche e altri uccelli migratori. Gli uccelli acquatici possono trasportare il virus senza ammalarsi e si diffonde facilmente attraverso gli escrementi e le secrezioni nasali negli allevamenti di pollame e tacchini e negli allevamenti da cortile.

READ  I Chargers scambiano WR Keenan Allen con Pierce per la scelta del 4° round

Gli allevamenti di pollame della California implementano rigorose misure di biosicurezza per prevenire la diffusione di malattie. La veterinaria statale Annette Jones ha esortato gli allevatori a tenere i loro greggi in casa fino a giugno, quando i polli biologici dovranno avere accesso all’aperto.

“Le migrazioni andranno avanti per altri due mesi. Dobbiamo quindi essere il più vigili possibile per proteggere i nostri uccelli”, ha affermato Bill Mattos, presidente della California Poultry Federation.

La perdita di polli locali ha fatto salire i prezzi delle uova nella zona della Baia di San Francisco durante le festività, prima che supermercati e ristoranti cercassero fornitori esterni alla regione.

Sebbene l’influenza aviaria esista da decenni, l’attuale epidemia del virus, iniziata all’inizio del 2022, ha spinto i funzionari ad abbattere quasi 82 ​​milioni di uccelli, per lo più polli ovaiole, in 47 stati degli Stati Uniti, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. . Ogni volta che viene rilevata una malattia, l’intera mandria viene macellata per contribuire a controllare la diffusione del virus.

Nel gennaio 2023, il prezzo di una dozzina di uova è raddoppiato arrivando a 4,82 dollari. Man mano che i produttori di uova aumentavano i loro allevamenti, i prezzi delle uova tornavano ai livelli normali e i focolai venivano contenuti. Anche i prezzi della Turchia e del pollo sono aumentati leggermente, in parte a causa del virus.

Il cambiamento climatico aumenta il rischio di epidemie poiché i cambiamenti dei modelli meteorologici interrompono i modelli migratori degli uccelli selvatici, ha affermato Bidesky. Ad esempio, le precipitazioni eccezionali dello scorso anno hanno creato un nuovo habitat per gli uccelli acquatici in tutta la California, comprese le aree vicine agli allevamenti di pollame.

READ  L'attacco alla centrale nucleare ucraina ha portato a sanzioni dell'ONU per l'accesso

In California, secondo l’USDA, l’epidemia ha colpito più di 7 milioni di polli in circa 40 allevamenti commerciali e 24 allevamenti da cortile, con la maggior parte dei focolai verificatisi negli ultimi due mesi sulla costa settentrionale e nella valle centrale.

I funzionari del settore temono che la proliferazione dei polli da cortile possa diffondere infezioni e influenza aviaria agli allevamenti commerciali.

“Abbiamo uccelli selvatici pieni di virus. Se esponi i tuoi uccelli a questi uccelli selvatici, si infetteranno e si ammaleranno”, ha detto Rodrigo Gallardo, un ricercatore della UC Davis che studia l’influenza aviaria.

Collardo consiglia ai proprietari di polli da cortile di indossare abiti e scarpe puliti per proteggere i loro greggi dalle infezioni. Se muore un numero insolito di polli, dovrebbero essere testati per l’influenza aviaria.

Ettamarie Peterson, insegnante in pensione a Petaluma, ha uno stormo di circa 50 galline che producono uova che vende a 50 centesimi ciascuna.

“Sono molto preoccupato per la diffusione dell’influenza aviaria da parte degli uccelli selvatici, e non posso impedire agli uccelli selvatici di entrare e lasciare la malattia dietro di sé”, ha detto Peterson. “Se nella tua mandria ci sono casi, devi distruggere l’intera mandria.”

Le Sunrise Farms, fondate dai bisnonni di Weber più di un secolo fa, hanno sofferto nonostante le rigide misure di biosicurezza per proteggere la mandria.

“Il virus è diventato davvero dannoso per gli uccelli, e tu sei entrato rapidamente e gli uccelli sono morti”, ha detto Weber. “Il crepacuore non descrive come ti senti quando entri e i giovani uccelli perfettamente sani sono ormai pronti.”

Dopo aver soppresso più di mezzo milione di polli alla Sunrise Farms, Weber e il suo staff hanno trascorso le vacanze di Natale smaltendo le carcasse. Da allora puliscono e disinfettano i pollai.

READ  Crollo del ponte di Baltimora: i sommozzatori trovano due corpi nel camion sommerso

Weber spera che l’allevamento ottenga l’approvazione da parte dei regolatori federali per riportare i pulcini nell’allevamento questa primavera. Poi ci vogliono altri cinque mesi perché le galline maturino abbastanza da poter deporre le uova.

Si ritiene fortunato che due degli allevamenti in comproprietà della sua azienda non siano stati infettati e continuino a produrre uova per i suoi clienti. Ma riprendersi dall’epidemia non sarà facile.

“Abbiamo una lunga strada da percorrere”, ha detto Weber. “Faremo un’altra corsa e cercheremo di tenere unita questa famiglia di dipendenti perché hanno lavorato così duramente per entrare nell’azienda.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *