L’Unione Africana si unisce al G20, un potente riconoscimento di un continente di 1 miliardo di persone.

La decisione del Gruppo dei 20 delle principali economie mondiali di aderire all’Unione Africana come membro permanente è un forte sostegno all’Africa poiché i suoi oltre 50 paesi aspirano a un ruolo più prominente sulla scena mondiale.

NAIROBI, Kenya – Il Gruppo delle 20 principali economie del mondo ha accolto l’Unione Africana come membro permanente, un forte sostegno all’Africa mentre i suoi oltre 50 paesi cercano un ruolo più prominente sulla scena mondiale.

Lo scorso anno il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto l’adesione permanente dell’UA al G20, affermando che “era prevista da molto tempo”. Il primo ministro indiano Narendra Modi ha accolto con un abbraccio l’attuale capo dell’UA, il presidente delle Comore Assali Azoumani, per il vertice del G20 che il suo Paese ha ospitato sabato, dicendosi “eccitato”.

“Saluti a tutta l’Africa!” ha detto il presidente senegalese Macky Sall, il precedente presidente dell’UA che ha contribuito a ottenere l’adesione. L’UA sostiene la piena adesione da sette anni, ha detto la portavoce Ebba Kalondo. Finora il Sudafrica era l’unico membro del G20.

Ecco uno sguardo a cosa rappresentano l’UA e i suoi membri in un mondo in cui l’Africa è al centro delle discussioni sul cambiamento climatico, sulla sicurezza alimentare, sulla migrazione e su altre questioni.

Cosa significa questo per l’Africa?

L’adesione permanente al G20 segna l’ascesa di un continente la cui popolazione giovane raddoppierà fino a raggiungere 1,3 miliardi entro il 2050 e rappresenterà un quarto della popolazione mondiale.

READ  Elon Musk annuncia che StarLink porterà la copertura della zona morta su T-Mobile

I 55 stati membri dell’UA, che includono il conteso Sahara Occidentale, hanno spinto per ruoli significativi negli organismi globali che a lungo rappresentavano l’ormai sbiadito ordine post-Seconda Guerra Mondiale, compreso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Vogliono riforme del sistema finanziario globale – tra cui la Banca Mondiale e altre istituzioni – che costringano i paesi africani a contrarre prestiti più degli altri, aggravando il loro debito.

L’Africa attira sempre più gli investimenti e l’interesse politico di una nuova generazione di potenze globali al di là delle Americhe e dell’ex colonizzazione europea del continente. La Cina è il principale partner commerciale dell’Africa e uno dei suoi maggiori creditori. La Russia è il suo principale fornitore di armi. I paesi del Golfo sono diventati i maggiori investitori del continente. La Turchia ha la sua più grande base militare straniera e la sua ambasciata in Somalia. Israele e Iran stanno espandendo la loro portata alla ricerca di partner.

I leader africani hanno sfidato con impazienza il continente a diventare una vittima passiva della guerra, dell’estremismo, della fame e del disastro, costretti a schierarsi da una parte o dall’altra tra le potenze globali. Alcuni preferiscono essere intermediari, come dimostrato dagli sforzi di pace africani in seguito all’invasione russa dell’Ucraina.

Concedere all’Unione Africana l’adesione al G20 è un passo avanti verso il riconoscimento del continente come potenza globale.

Cosa porta l’Unione Africana al G20?

Con l’adesione a pieno titolo al G20, l’UA potrebbe rappresentare un continente con la più grande area di libero scambio del mondo. È enormemente ricco di risorse di cui il mondo ha bisogno per combattere il cambiamento climatico, al quale l’Africa contribuisce meno ma è quella più colpita.

READ  Come vedere una nuova cometa "verde".

Il 60% delle risorse energetiche rinnovabili mondiali si trovano nel continente africano e oltre il 30% dei minerali è fondamentale per le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni di carbonio. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite sullo sviluppo economico dell’Africa pubblicato il mese scorso, il Congo da solo possiede quasi la metà della produzione mondiale di cobalto, il metallo necessario per le batterie agli ioni di litio.

I leader africani sono stanchi che gli outsider si approprino delle risorse del continente per la lavorazione e il profitto, e vogliono uno sviluppo industriale più vicino a casa a beneficio delle loro economie.

Tenete conto delle risorse naturali dell’Africa: il continente ha un’enorme ricchezza, ha affermato il presidente keniota William Rudo al primo vertice africano sul clima di questa settimana. L’incontro di Nairobi si è concluso con un appello per un trattamento più equo delle istituzioni finanziarie, 100 miliardi di dollari all’anno in finanziamenti per il clima per i paesi in via di sviluppo e una tassa globale sui combustibili fossili.

Trovare un terreno comune tra gli stati membri dell’UA, dalle potenze economiche della Nigeria e dell’Etiopia ad alcuni dei più poveri del mondo, può essere difficile. La stessa UA è stata a lungo sollecitata da alcuni africani ad essere più decisa nella sua risposta ai colpi di stato e ad altre crisi.

La presidenza di turno dell’organismo, che cambia ogni anno, ostacola la stabilità, ma l’Africa “ha bisogno di parlare con una sola voce se spera di influenzare il processo decisionale del G20”, hanno affermato l’ex primo ministro del Niger Ibrahim Asane Mayaki e l’ex direttore generale del Fondo monetario internazionale Daouda Sembene. ha scritto su Project Syndicate quest’anno.

READ  Camera 6 gennaio commissione per votare sulle raccomandazioni penali, la relazione finale dell'ultima riunione

I leader africani hanno mostrato la volontà di intraprendere tale azione collettiva. Durante la pandemia di COVID-19, si sono uniti nella critica vocale all’accaparramento di vaccini da parte dei paesi ricchi e si sono uniti per continuare ad acquistare in grandi quantità le forniture per il continente.

Ora, in quanto membro di spicco del G20, sarà difficile ignorare le richieste dell’Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *