Secondo il CDC, le infezioni a trasmissione sessuale aumenteranno del 7% nel 2021



Cnn

Secondo i nuovi dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, nel 2021 verranno segnalate oltre 2,5 milioni di infezioni a trasmissione sessuale, con un aumento del 7% su base annua.

“L’epidemia di STI negli Stati Uniti non mostra segni di rallentamento”, ha affermato il dott. ha affermato Leandro Mena, direttore della divisione STD di STD.

La clamidia rappresenta oltre la metà dei casi segnalati, con tassi in aumento a circa il 4% nel 2021. I casi di gonorrea sono aumentati di quasi il 5%.

I casi di sifilide sono aumentati del 32% in un anno, compreso un allarmante aumento delle infezioni trasmesse dalle madri incinte ai loro bambini in via di sviluppo. Nel 2021, la sifilide congenita ha causato 220 nati morti e morti infantili.

“La cosa più importante da ricordare è che la sifilide congenita è prevenibile al 100%”, ha detto Mena. “In molti modi, questo è il risultato del nostro fallimento nel prevenire la sifilide tra le donne in età riproduttiva e i loro partner”.

La mancanza di cure prenatali e il trattamento materno inadeguato sono tra le più comuni opportunità perse per prevenire la sifilide congenita, ha affermato.

Ma un recente rapporto ha rilevato che l’accesso ai servizi di salute riproduttiva, come gli screening di routine e il controllo delle nascite, è diventato più difficile per le donne negli ultimi anni. Le donne che cercano assistenza per la salute riproduttiva hanno maggiori probabilità di segnalare problemi di accesso nel 2021 rispetto al 2017.

Una combinazione di fattori ha contribuito all’aumento complessivo dei casi di IST e la pandemia ha esacerbato molti di essi, ha affermato Mena.

READ  Wall Street chiude con forti guadagni all'inizio dell'ultimo trimestre

“La mancanza di accesso all’assistenza sanitaria, compresi i test e il trattamento per le malattie sessualmente trasmissibili, rende difficile per le persone ottenere le cure di cui hanno bisogno”, ha detto Mena. “I tagli ai finanziamenti alla sanità pubblica e alle infrastrutture nella sanità pubblica hanno un accesso limitato ai servizi basati sui test”.

Lo stigma persistente associato alle malattie sessualmente trasmissibili e gli effetti persistenti delle interruzioni legate all’epidemia mettono in discussione lo scopo dei servizi di screening. Dice che il numero di malattie sessualmente trasmissibili segnalate potrebbe essere una sottorappresentazione “scioccante” del numero effettivo di casi.

Le malattie sessualmente trasmissibili colpiscono ogni popolazione, ma i dati del CDC del 2021 mostrano che i tassi sono sproporzionatamente più alti tra gli uomini gay e bisessuali, i giovani e gli indiani neri e americani.

“Per fare progressi nel porre fine a questa epidemia di IST, abbiamo davvero bisogno di incontrarli dove si trovano sviluppando interventi su misura e localizzati che abbiano il maggiore impatto”, ha affermato Mena. “Vogliamo assicurarci di affrontare le condizioni sociali ed economiche che rendono difficile per alcune di queste persone rimanere in buona salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *