Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Un’ora fa

I mercati azionari europei hanno aperto contrastanti

Mercoledì i mercati europei hanno aperto contrastanti, poiché gli investitori attendevano la pubblicazione dei dati chiave sull’inflazione negli Stati Uniti nel corso della giornata.

mercati europei

ticchettio Azienda Prezzo modifica % di conversione
.FTSE FTSE 100 7.827,94 +42.22 +0,54%
.GDAXI DAX 15.716,53 +61.36 +0,39%
.FCHI Indice CAC 40 7.423,90 +33.62 +0,45%
.FTMIB FTSE MIB 27.626,50 +100,99 +0,37%
.STAMBECCO Stambecchi 35 Idx 9.309,40 +71,70 +0,78%

L’indice paneuropeo Stoxx 600 si è mosso tra guadagni e perdite marginali all’inizio della giornata di negoziazione, con settori e azioni principali in territorio negativo e positivo. I titoli delle costruzioni sono aumentati dello 0,6%, mentre i titoli minerari sono scesi dopo essere aumentati dell’1% martedì.

– Hannah Ward Glenton

3 ore prima

Mercati europei: ecco i bandi di apertura

I mercati azionari europei dovrebbero aprire in modo misto mercoledì.

Il FTSE 100 britannico dovrebbe scendere di 2 punti a 7.780,2, il DAX tedesco dovrebbe salire di 7,5 punti a 15.661,4 e il CAC 40 francese dovrebbe scendere di 0,4 punti a 7.394,8.

– Hannah Ward Glenton

7 ore fa

Il Kashkari della Fed prevede che l’inflazione negli Stati Uniti rimarrà vicina al 2% l’anno prossimo

Il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha affermato di ritenere che l’inflazione nell’economia statunitense si avvicinerà all’obiettivo della Fed del 2% nel 2024.

Parlando in municipio alla Montana State UniversityHa detto di essere “meno ottimista” riguardo al mercato obbligazionario, che sta scontando una prossima recessione negli Stati Uniti, e che i mercati stanno assistendo a un calo dell’inflazione più rapido del previsto.

Ha anche notato che si aspetta che l’inflazione scenda a “metà tre” entro la fine del 2023.

READ  Li Qiang diventa il primo ministro cinese e inizia a ripristinare l'economia

L’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato del 6% su base annua a febbraio, in linea con le aspettative. Il rapporto sull’inflazione di marzo dovrebbe essere pubblicato durante la notte.

– Jihye Lee

4 ore fa

Il FMI consiglia alla Banca del Giappone di avere flessibilità nei controlli della curva dei rendimenti

IL Lo ha consigliato il Fondo monetario internazionale Nel suo ultimo rapporto sulla stabilità finanziaria, la banca centrale giapponese ha affermato di aver bisogno di maggiore flessibilità nel suo piano per mantenere il rendimento dei titoli di Stato giapponesi a 10 anni vicino allo 0%.

“Consentire una maggiore flessibilità nella politica di controllo della curva dei rendimenti può avere qualche effetto sui mercati finanziari globali, un tale cambiamento non solo garantirebbe il raggiungimento degli obiettivi di politica monetaria, ma aiuterebbe anche a prevenire improvvisi cambiamenti politici che potrebbero innescare grandi ricadute”, ha affermato il FMI. . disse.

L’organismo internazionale ha aggiunto che i cambiamenti nell’attuale politica monetaria potrebbero avere una serie di effetti.

“Le modifiche al quadro di controllo della curva dei rendimenti della Banca del Giappone potrebbero influenzare i mercati finanziari internazionali in tre modi: tassi di cambio, premi a termine delle obbligazioni sovrane e premi per il rischio globale”, ha affermato il FMI nel rapporto.

Mercoledì il rendimento del JGB a 10 anni era allo 0,466%, oscillando intorno al limite superiore del controllo della curva dei rendimenti allo 0,5%.

– Jihye Lee

3 ore prima

Le azioni giapponesi sono aumentate per un secondo giorno di negoziazione sulle azioni di Buffett

9 ore fa

La stagione degli utili potrebbe “chiarire” il percorso del mercato, afferma Crosby di LPL Financial

Secondo Quincy Krosby, chief global strategist di LPL Financial, questa stagione degli utili giocherà un ruolo chiave nell’aiutare a “spianare la strada” ai mercati finanziari.

READ  Lo scioglimento dei ghiacci polari rallenta la rotazione terrestre e può influenzare il tempo

Gli utili aziendali sono in pieno svolgimento questa settimana con i rapporti delle principali società bancarie. Il commento ei risultati dovrebbero fornire maggiori informazioni sullo stato dell’economia e se una recessione è all’orizzonte.

L’attenzione degli investitori è sul fatto che le aziende americane “siano sotto pressione nella misura in cui i guadagni sono danneggiati insieme all’orientamento e la pressione sui margini li sta costringendo a tagliare i costi, compresi i licenziamenti”, ha scritto Crosby.

Al momento, ha detto, Wall Street osserverà attentamente per vedere se i titoli ciclici o difensivi porteranno il mercato più in alto da qui. Gli utili dovrebbero diminuire nel secondo e nel terzo trimestre, ha aggiunto.

“Mentre i mercati digeriscono la stagione degli utili e l’orientamento, e la possibilità di un altro aumento dei tassi della Fed all’inizio di maggio, c’è la speranza che il mercato obbligazionario e quello azionario si adeguino ed emergano in sincronia”, ha affermato. “Fino ad allora, le notizie saranno apparentemente disparate e confuse”.

– Samantha Subin

9 ore fa

Il settore bancario è ancora vulnerabile perché la banca centrale ha aumentato i tassi di interesse troppo rapidamente, afferma Thomas Hoenig

Secondo l’ex presidente della Fed di Kansas City Thomas Honig, il settore bancario rimane vulnerabile mentre la Federal Reserve continua ad aumentare i tassi di interesse di riferimento.

“Siamo ancora preoccupati – e dovrebbero esserlo almeno – per lo stato del settore bancario nel suo insieme”, ha detto Honig alla “Closing Bell” della CNBC. “E non vuoi rendere quella parte del settore più vulnerabile aumentando i tassi, a meno che tu non lo faccia assolutamente”.

Sebbene sia difficile aumentare la volatilità alzando ulteriormente i tassi, la Fed sarebbe anche preventiva diventando accomodante, ha aggiunto Honig.

READ  13 persone uccise in un attacco missilistico russo a Zaporozhye

“Sarebbe troppo presto per ruotare ora”, ha detto.

-Brian Evans

10 ore fa

I futures su azioni si aprono in piano

I futures su azioni hanno aperto in piano prima del rilascio dell’indice dei prezzi al consumo di marzo.

I futures per la media industriale Dow Jones sono aumentati di 19 punti, o dello 0,06%, mentre i futures S&P 500 e Nasdaq 100 sono rimasti invariati.

– Samantha Subin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *