Blocco Sanya Covid: migliaia di turisti bloccati nelle “Hawaii cinesi”

I trasporti pubblici sono stati sospesi e la circolazione delle persone all’interno della città è stata limitata da sabato mattina, hanno affermato i funzionari. I turisti bloccati devono rimanere per sette giorni e completare cinque test Covid-19 prima della partenza.

Circa 80.000 turisti soggiornano in città, ha detto venerdì il vice sindaco He Zhigang. Tutti coloro che attualmente si trovano a Sanya e quelli che sono arrivati ​​in città dal 23 luglio non sono stati autorizzati a lasciare la provincia di Hainan dopo le 18:00 ora locale di sabato, hanno detto i funzionari provinciali.

Le restrizioni arrivano al culmine della stagione turistica estiva per la provincia dell’isola, spesso indicata come le Hawaii cinesi, una destinazione popolare per le sue spiagge sabbiose, le foreste tropicali e gli hotel di fascia alta.

Secondo i dati della compagnia di localizzazione dei voli Variflight, sabato l’80% dei voli in partenza da Sanya è stato cancellato. L’emittente statale CCTV ha riferito sabato che tutti i treni in partenza da Sanya sono stati cancellati.

I funzionari di Sanya hanno riconosciuto l’inconveniente per i turisti e hanno promesso durante una conferenza stampa di sabato pomeriggio che avrebbero fatto tutto il possibile per risolvere i problemi, incluso lo snellimento delle cancellazioni delle prenotazioni di viaggi e l’offerta di soggiorni in hotel a metà prezzo ai turisti bloccati a Sanya.

Secondo le autorità locali, la città è stata suddivisa in zone ad alto e medio rischio, con misure di controllo che variano a seconda del livello di rischio. Tuttavia, l’intera città è stata considerata sotto “gestione sostenibile”, il termine ufficiale utilizzato per descrivere lo spiegamento delle misure di blocco.

La città, situata sulla punta meridionale dell’isola di Hainan, ha segnalato 827 casi dal 1 agosto a mezzanotte di sabato, inclusi 240 casi confermati sabato e 173 infezioni asintomatiche, secondo un annuncio delle autorità sanitarie provinciali domenica mattina. La Cina conta separatamente i casi sintomatici e quelli asintomatici.

READ  Google Stadia verrà interrotto l'anno prossimo e tutti gli acquisti verranno rimborsati

Il conteggio di sabato rende l’epidemia più grave in Cina, che quel giorno ha riportato un totale nazionale di 736 casi locali confermati e asintomatici.

I funzionari hanno affermato di aver trovato il sottotipo Omicron BA.5.1.3 altamente contagioso nell’epidemia, che ritengono si sia diffuso sull’isola attraverso il contatto con venditori di pesce stranieri nel porto peschereccio di Yazhou, a Sanya.

Poiché sono stati segnalati casi in altre parti dell’isola, sabato le autorità provinciali di Hainan hanno annunciato test dell’acido nucleico in tutta la provincia per la sua popolazione di 10 milioni di abitanti.

Un’altra città di Hainan, Danzhou, ha annunciato sabato pomeriggio misure di blocco parziale per i suoi circa 1 milione di residenti, secondo un bollettino ufficiale. Domenica, le autorità hanno annunciato ulteriori misure nella città di Kyongkai, chiudendo la maggior parte delle attività non essenziali e ordinando la metà di loro. Un milione di residenti sarà obbligato a rimanere a casa inutilmente, a partire da quella mattina, ha affermato l’emittente statale CCTV.

Le ultime misure arrivano mentre l’economia cinese lotta sotto la sua rigorosa politica “zero-Covid”, che mira a frenare la diffusione dell’infezione attraverso blocchi, test di massa e severi controlli alle frontiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.