“Mr Sicurezza”: la guerra di Hamas offusca l’immagine di Netanyahu come protettore di Israele

Durante la campagna elettorale del 2009, Benjamin Netanyahu visitò la città israeliana di Ashkelon, che era stata recentemente colpita dal lancio di razzi provenienti dalla vicina Gaza da parte di militanti palestinesi, per “riportare la sicurezza… ai cittadini di Israele” e rovesciare Hamas.

Tali discorsi duri hanno aiutato Netanyahu a vincere le elezioni, e si è posizionato come “Mr. Security” – un leader che potrebbe garantire la sicurezza di Israele in un ambiente ostile senza fare dolorose concessioni ai palestinesi.

Ma anche se Netanyahu ha supervisionato molti conflitti nel corso degli anni, non ha cercato di schiacciare Hamas o altri gruppi militanti a Gaza. Lo scorso fine settimana, quelle forze hanno lanciato il loro peggior attacco mai visto al confine del suo paese: un devastante attacco su più fronti che ha turbato gli israeliani, minato le credenziali di sicurezza di Netanyahu e gettato un’ombra profonda sul suo futuro politico.

“Netanyahu lo diceva sempre [he wanted to be remembered] Come protettore di Israele. . . Tutto ciò che sta accadendo ora sta distruggendo questa tradizione”, ha affermato Mazal Mualem, biografo di Netanyahu e analista politico senior di Al-Monitor.

“L’evento più inquietante per il popolo ebraico dall’Olocausto nel sud di Israele sotto il suo governo di destra.”

L’attacco ha ucciso almeno 1.300 persone in Israele e ne ha ferite più di 3.000, mentre 120 persone sono state prese in ostaggio, hanno detto funzionari israeliani. Funzionari palestinesi hanno affermato che 2.329 persone sono state uccise e più di 9.000 ferite nell’offensiva israeliana a Gaza.

Secondo funzionari israeliani, almeno 1.300 persone sono state uccise negli attacchi di Hamas in Israele © Khatib/AFP/Getty Images ha detto

I fallimenti militari e di intelligence che hanno preceduto l’attacco hanno scioccato Israele, con gli analisti che lo hanno paragonato al più grande fallimento di sicurezza nella storia del paese: la guerra dello Yom Kippur del 1973, quando Egitto e Siria furono scioccati da un attacco coordinato allo stato ebraico.

READ  11 corpi recuperati dall'eruzione del vulcano in Indonesia, 22 alpinisti ancora dispersi

Giovedì, l’ufficio di Netanyahu ha insistito di non aver ricevuto alcun preavviso dell’attacco, in seguito alle notizie apparse sulla stampa israeliana su movimenti insoliti di Hamas all’interno di Gaza.

Ma i critici sostengono che l’offensiva di Hamas non rappresenta solo una battuta d’arresto a breve termine, ma anche la strategia di Netanyahu di cercare di contenere i militanti con una combinazione di deterrenza militare e incentivi economici. Questo approccio presuppone che gli aiuti economici limitati ai cittadini di Gaza – che è sotto un blocco israelo-egiziano da quando Hamas ha conquistato il territorio nel 2007 – aiuteranno a tenere a freno un gruppo votato alla distruzione di Israele.

“Ogni pochi mesi o anni c’è una serie di combattimenti, si usa una forza massiccia, e dopo ogni round Hamas ne viene danneggiato e scoraggiato. Almeno questo è tutto [Netanyahu] E i generali ci hanno venduto”, ha detto Amos Harel, autore di un libro sul conflitto israelo-palestinese. “Hanno completamente ignorato l’esercito e la struttura militare di Hamas, e la sua ideologia fondamentalista è rimasta immutata”.

Nei 75 anni di storia del paese, i fallimenti militari hanno spesso contribuito alla caduta dei leader israeliani, da Golda Meir a Ehud Olmert, dopo lo Yom Kippur.

Alcuni osservatori ritengono che la portata del disastro in materia di sicurezza dello scorso fine settimana finirà per spodestare lo storico primo ministro israeliano. Un sondaggio di questa settimana ha rilevato che il 94% degli ebrei israeliani ritiene il governo responsabile delle carenze dell’intelligence prima degli attacchi, e il 56% ritiene che Netanyahu dovrebbe dimettersi dopo la guerra.

“Questa è la fine. . . Se Netanyahu non lo approverà, il popolo di Israele gli mostrerà la porta”, ha detto Aviv Bushinsky, un analista politico diventato consigliere di Netanyahu, avvertendo però che ciò non accadrà prima della fine della guerra.

READ  Tiger Woods si ritirò dal Genesis Invitational a metà del secondo turno a causa di una malattia

“Diciamo che raggiunge tutti gli obiettivi della guerra: Israele elimina Hamas e [beats] Hezbollah. La gente ricorda ancora quel giorno orribile. Netanyahu non può scappare da tutto questo. Era sotto il suo controllo, la disattenzione era sotto il suo controllo.

I sostenitori di Benjamin Netanyahu reagiscono ai primi risultati elettorali televisivi in ​​occasione dell'evento elettorale del novembre 2022.
Benjamin Netanyahu ha vinto la rielezione lo scorso anno grazie ad un’alleanza con partiti di estrema destra e ultrareligiosi. © Abir Sultan/EPA-EFE/Shutterstock

Soprattutto nella politica israeliana, negli ultimi 25 anni, Netanyahu ha ripetutamente avuto la meglio sui suoi rivali, operatore spietato e maestro tattico, confondendo i critici che cercavano di scrivere il suo necrologio politico.

Durante i suoi sei mandati, è diventato uno dei politici israeliani più controversi. Nonostante le faide con diversi ex alleati e l’indagine per accuse di corruzione che ha negato, ha vinto la rielezione lo scorso anno in alleanza con partiti di estrema destra e ultrareligiosi.

Proprio come il processo a Netanyahu ha radicato piuttosto che cambiato sostenitori e oppositori, la debacle militare di Israele probabilmente non riuscirà a persuadere gli elettori profondamente polarizzati a cambiare idea su di lui, ha detto Dahlia Scheindlin, una sondaggista.

“Penso ancora che questo sia uno scenario possibile… l’ala destra pro-Netanyahu dice: ‘Questo dimostra quello che diciamo da molto tempo. Israele deve essere duro, non dare concessioni, non dare quartiere.’ E i suoi detrattori dicono: “Ciò dimostra quanto vuota sia stata la sua leadership”, ha detto.

Mercoledì Netanyahu si è preso una pausa quando il Partito di Unità Nazionale di Benny Gantz ha accettato di unirsi alla sua coalizione per tutta la durata della guerra. L’accordo aiuterà a frenare l’aspra battaglia sulla riforma giudiziaria promossa da Netanyahu e dai suoi alleati di estrema destra che ha diviso la nazione negli ultimi nove mesi.

READ  NWS conferma che il 2° tornado è atterrato sabato nell'area di Chicago - NBC Chicago

Alcuni analisti sostengono che l’alleanza – siglata poco prima che Israele lanci una complessa e sanguinosa operazione di terra a Gaza – proietterebbe un senso di unità e consentirebbe a Netanyahu di condividere alcuni dei dolorosi costi politici militari. Risultati che la campagna può portare.

Ma altri dubitano che il governo di unità nazionale sarà qualcosa di più di un palliativo.

“Non promette ancora alcuna ampia unità oltre a ciò [the war]Lo ha detto Nathan Sachs della Brookings Institution. “La logica suggerirebbe che sia un nuovo sindaco di Golda dal 1973, un ex primo ministro che entra in scena. Naturalmente, Netanyahu… potrebbe provare a restare al potere per un po’, ma non durerà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *