L’incidente critico è stato segnalato dopo che l’uomo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco

Un bambino era tra le numerose persone accoltellate domenica in quello che la polizia ha descritto come un “grave incidente” in un centro commerciale a Sydney, in Australia. La polizia del Nuovo Galles del Sud ha dichiarato in un comunicato su Facebook che una persona è stata colpita da colpi di arma da fuoco durante l’attacco.

La polizia di stato del Nuovo Galles del Sud ha dichiarato in una dichiarazione su Facebook che in seguito alla sparatoria si è verificato un “incidente critico”.

La dichiarazione aggiunge che i servizi di emergenza sono stati chiamati al centro commerciale Westfield Bondi Junction alle 16:00 ora locale (2:00 ET) “a seguito di segnalazioni secondo cui diverse persone erano state accoltellate”.

Un portavoce dell’ambulanza del New South Wales ha detto a NBC News che il bambino di nove mesi è stato “trasportato al Sydney Children’s Hospital con una coltellata”.

Il bambino era tra le sette persone portate in ospedale, anche se non si conoscono i dettagli delle loro condizioni e delle ferite, ha detto il portavoce.

UN Intervista diretta 9News Sydney ha detto all’emittente locale che un uomo fuori dal centro commerciale ha aiutato un bambino dopo che una donna era stata accoltellata. “La madre è venuta con il bambino e me lo ha lanciato addosso, con questo buco nel bambino, è stato davvero brutto”, ha detto.

Centinaia di persone sono state evacuate dal centro commerciale.

Le autorità locali nel sobborgo di Waverley a Sydney hanno detto che il centro è stato “bloccato”.

“Un’operazione di polizia è attualmente in corso a Westfield Bondi Junction”, ha detto il consiglio a X, aggiungendo che “il centro è stato bloccato a causa delle notizie di numerosi accoltellamenti”.

READ  Consiglio della Federal Reserve - La Federal Reserve rilascia la dichiarazione del FOMC

Diversi post sui social media hanno mostrato persone che lasciavano il centro commerciale e auto della polizia e servizi di emergenza che si precipitavano nella zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *