L’agente libero entrante Klay Thompson si avvia verso un’estate incerta

Klay Thompson è uscito dal campo 0 su 10 martedì, andando a reti inviolate per la prima volta dalla sua stagione da rookie.

Scarica l’applicazione NBA

SACRAMENTO, California (AP) — Klay Thompson ha regalato molti momenti memorabili durante la sua corsa di oltre dieci anni come fratello di Stephen Curry, compagno di corsa nella dinastia dei Golden State Warriors.

Gioco 6 Eroismo. Voto di 3 punti. Una difesa serrata contro alcuni dei migliori marcatori della partita.

Erano tutti ricordi lontani dato che Thompson ha giocato una delle sue peggiori partite in un grande momento, sbagliando tutti e 10 i suoi tiri martedì sera. 118-94 sconfitta ai Sacramento Kings in una partita di play-in che fu l’ultima partita di Thompson prima di un’estate incerta di free agency.

“Tutti parleranno di una partita”, ha detto Curry. “So che vuole giocare bene… So che è un vero campione. Ci prepariamo tutti a giocare al meglio quando le luci sono accese. Quando ciò non accade, nessuno deve dirti nulla.

Thompson ha trascorso gli ultimi minuti della sconfitta fissando con sguardo assente la panchina prima di uscire lentamente dal campo in quella che potrebbe essere stata la sua ultima volta con l’uniforme dei Warriors.

È stato tenuto a zero per la prima volta dalla sua stagione da rookie E il maggior numero di tiri in una partita di playoff effettuati da un giocatore dei Warriors in almeno 50 stagioni senza sbagliare.

Era molto diverso dai suoi 37 punti nel terzo quarto contro i Kings nel 2015, o dalla sua partita da 60 punti contro l’Indiana la stagione successiva, o dalle sue 11 triple nelle finali della Western Conference 2016 contro Oklahoma City. Ha contribuito a forzare una settima partita e alla fine tornare alle finali NBA.

READ  Incidente barca in Grecia: 100 bambini intrappolati su barca capovolta - denuncia

Ma Thompson ha faticato a tornare in forma dopo aver saltato due stagioni intere nel 2019-20 e nel 2020-21 a causa di infortuni devastanti al ginocchio e al tendine d’Achille. È tornato nel 2022 per aiutare Golden State a vincere il suo quarto campionato dell’epoca, ma ha lottato per lunghi tratti della stagione.

Con i Warriors eliminati dopo una sconfitta ai play-in contro i Kings, come dovrebbe affrontare Golden State la offseason?

A volte è stato messo in panchina nei momenti chiave della fine, costretto a scendere dalla panchina durante un tratto, ma ha trovato il suo ritmo verso la fine della stagione prima di cadere piatto contro i Kings.

Si è conclusa l’ultima stagione di un contratto quinquennale del valore di quasi 190 milioni di dollari Ora diventerà un free agent a luglio. I Warriors dovranno decidere quanto sono disposti a pagare per il 34enne, che ha avuto ottime stagioni in passato dopo un paio di gravi infortuni, e quanto sarà grande il taglio di stipendio che Thompson è disposto o disposto ad accettare. . La sua carriera è altrove.

“Abbiamo bisogno che Clay ritorni. So che ha avuto una notte difficile stasera”, ha detto l’allenatore Steve Kerr. “So di parlare a nome di tutti nell’organizzazione, lo rivogliamo. Ovviamente ci sono affari a portata di mano che devono essere svolti. … Ma ciò che Klay significa per questo franchise e quanto è bravo, lo rivogliamo sicuramente.

READ  La FIFA ha confermato che non verranno venduti alcolici negli stadi della Coppa del Mondo in Qatar

Thompson è stato un elemento fondamentale di una franchigia che ha vinto quattro campionati e sei volte alle finali dal 2015 al 22. Le 2.481 triple di Thompson nella stagione regolare sono la sesta nella storia della NBA e più di chiunque altro oltre alle 501 di Curry nei playoff.

Thompson non ha parlato con i media dopo la partita, ma è previsto che lo faccia mercoledì, quando la squadra tornerà a casa per un’estate incerta.

“Ha una decisione da prendere”, ha detto l’attaccante Draymond Green. “Prenderà la decisione migliore per lui. La squadra deve prendere una decisione. Prenderà la decisione migliore per la squadra. Non credo che ci sia una situazione in cui Clay se ne vada, e questo è lo scenario migliore per questa organizzazione… Mi hanno fatto bene. Hanno fatto bene a Steph. Sono stati fatti bene da tutti.

Era la prima volta che i Warriors mancavano i playoff in una stagione in cui tutti e tre, Curry, Thompson e Green, erano in buona salute.. Le loro 12 stagioni sono le seconde nella storia della NBA, dietro alle 14 di Tim Duncan, Tony Parker e Manu Ginobili di San Antonio.

“Non potrei mai vedermi con quei due ragazzi”, ha detto Curry. “Capisco questi cambiamenti in campionato, ci sono molte cose su cui non giocheremo sempre. Ma ne abbiamo passate tante insieme. Alla fine, so che vogliono vincere, so che Voglio vincere e questo è tutto ciò che mi interessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *