Johnson ha annunciato che avrebbe portato avanti un disegno di legge sugli aiuti all’Ucraina nonostante le pressioni degli estremisti


Washington
CNN

Il portavoce Mike Johnson ha annunciato mercoledì che si atterrà al suo piano di mettere sul tavolo i progetti di aiuti esteri, compresi i finanziamenti per l’Ucraina, dopo aver affrontato notevoli pressioni da parte degli estremisti.

Johnson ha detto in una nota ai membri che voteranno questo sabato sera.

“Dopo un significativo contributo e dibattito da parte dei membri, oggi la Commissione per le Regole della Camera pubblicherà presto il testo di tre progetti di legge che finanzierebbero gli interessi di sicurezza nazionale e gli alleati dell’America in Israele, nell’Indo-Pacifico e in Ucraina, compreso un sistema di crediti per gli aiuti, e un miglioramento strategia e responsabilità”, ha affermato Johnson nella nota.

La struttura del credito che circonda gli aiuti arriva dopo un incontro e una conferenza stampa con Johnson e l’ex presidente Donald Trump. A febbraio ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero porre fine agli aiuti esteri a meno che non siano strutturati come debito. Quel fine settimana, Johnson ha ricevuto il pieno sostegno di Trump in un momento critico del suo discorso.

Johnson ha annunciato lunedì sera che la Camera approverà progetti di legge separati questa settimana per fornire aiuti a Israele e Ucraina, rispondendo alle richieste dell’estrema destra di mantenere le questioni separate. Ma ha anche lasciato aperta la possibilità che i progetti di legge possano eventualmente essere raggruppati insieme e che i leader repubblicani possano adottare misure concrete per inviare tutti i pezzi al Senato come un unico pacchetto, il che potrebbe far arrabbiare l’ala destra del caucus del GOP alla Camera.

L’oratore si trova ad affrontare pressioni crescenti – e non solo da parte dei membri della sua ala destra – per apportare modifiche al pacchetto di aiuti esteri proposto all’inizio di questa settimana. Con i membri conservatori della House Freedom Caucus che hanno lanciato l’allarme sulla sicurezza delle frontiere e sui progetti di aiuti esteri dopo la riunione del caucus di martedì, la protesta si è ora diffusa tra i ranghi.

READ  Guerrieri contro.. Punteggio Mavericks, takeaways: Stephen Curry aiuta Golden State a condurre 3-0 su Dallas.

Rappresentante del partito repubblicano moderato di New York. Nicole Malliotakis ha detto mercoledì al presidente di “tornare da Biden e Schumer e dire loro che abbiamo bisogno di un’azione di sicurezza delle frontiere per fornire aiuti esteri”. In una lettera ai membri, Johnson ha affermato che sta proponendo un disegno di legge sull’immigrazione che assomiglia molto all’HR 2 della Camera.

Molti repubblicani di estrema destra alla Camera hanno rapidamente respinto il disegno di legge sui confini, che Johnson aveva annunciato sarebbe stato incluso tra i progetti di legge sugli aiuti esteri che dovrebbero essere votati sabato, dissipando ogni speranza che le regole sui confini avrebbero placato l’ala destra del relatore.

Il disegno di legge sul confine, che includeva disposizioni chiave di un altro pacchetto sul confine approvato dalla Camera e morto al Senato, è stato visto da Johnson come un esercizio di messaggio nel tentativo di placare le richieste dei suoi colleghi sul confine, che chiaramente non sembravano essere lavorando.

Il rappresentante del GOP che guida lo sforzo per estromettere Johnson. Marjorie Taylor Green ha detto a X: “Stai seriamente alienando i repubblicani continuando ad approvare progetti di legge che dipendono dai democratici. Tutti lo vedono. ”

Tutto ciò si aggiunge all’intensa pressione che Johnson ha dovuto affrontare sul suo futuro nel suo breve mandato come relatore. Il deputato Thomas Massey del Kentucky ha detto martedì che avrebbe co-sponsorizzato la mozione di dimissioni di Green, che se approvata avrebbe cacciato Johnson dalla carica di oratore, e l’oratore ha detto con aria di sfida ai giornalisti che non si sarebbe dimesso.

READ  13 persone uccise in un attacco missilistico russo a Zaporozhye

Gli estremisti conservatori si sono affrettati a far arrabbiare Johnson per la sua decisione di dare all’Ucraina miliardi di dollari in aiuti, e hanno avvertito a gran voce che ciò avrebbe potuto costargli il lavoro.

Un rappresentante arrabbiato del Texas. Chip Roy ha detto di essere “estremamente deluso” dall’oratore e di aver “passato la grazia”.

“Ho bisogno di un po’ più di tempo oggi, ma non va bene”, ha detto Roy alla CNN quando gli è stato chiesto se fosse ora per lui di lasciare l’ufficio.

Firebrand Florida Rep. Matt Gaetz ha definito la decisione di Johnson di andare avanti sulle leggi sugli aiuti esteri come una “capitolazione”, promettendo di votare contro il pacchetto e di lavorare duro per fare pressione sugli altri affinché non sostengano la misura. Anche altri repubblicani hanno espresso rabbia e non escluderebbero di votare contro Johnson su mozioni procedurali che potrebbero revocare il disegno di legge.

Con i repubblicani che controllano la Camera solo con un margine sottilissimo, Johnson potrebbe aver bisogno che i democratici approvino le leggi sugli aiuti esteri – e salvino il suo lavoro se dovesse avanzare una mozione di sgombero.

I democratici della Camera sono in attesa di valutare esattamente quanto aiuteranno i voti pratici su un pacchetto di aiuti da 9 miliardi di dollari per gli aiuti umanitari a Gaza e ad altre zone di conflitto nel mondo. Tra i miliardi di aiuti umanitari ci sono soldi non solo per Gaza, ma anche per il Sudan, Haiti e altre aree, come hanno subito sottolineato i democratici.

Durante la riunione del caucus di martedì, il presidente del Partito Democratico Hakeem Jeffries ha detto ai suoi caucus che non avrebbero accettato “un centesimo” in meno in aiuti umanitari.

READ  Alabama vs. Tennessee, Oklahoma State vs. TCU e altro

Tuttavia, i democratici alla Camera sono divisi sulla possibilità di tentare di salvare Johnson Se il tentativo di sfrattarlo avviene nella stanza, gli istituzionalisti insistono sul fatto che votare contro la mozione di impeachment potrebbe proteggere l’organismo dal caos mesi prima delle elezioni presidenziali. I membri progressisti, nel frattempo, avvertono che aiutare Johnson ora potrebbe alla fine indebolire il partito e la sua base, che potrebbe già essere poco entusiasta di presentarsi alle urne a novembre.

Rappresentanti democratici. Tom Suozzi e Jared Moskowitz hanno dichiarato pubblicamente che non sosterranno un tentativo di mettere sotto accusa Johnson, ma altri democratici – incluso uno che ricopriva lo stesso incarico di Johnson – non sono stati disposti ad assumere un simile impegno.

“Speriamo che ciò non accada e possiamo assumerci le nostre responsabilità, come proteggere la nostra democrazia, proteggere e difendere la nostra stessa democrazia”. Ex presidente Nancy Pelosi disse.

Se Johnson venisse effettivamente estromesso, la Camera potrebbe ripiombare nel caos, con zero leggi in discussione fino all’elezione di un nuovo relatore.

Questa storia è stata aggiornata mercoledì con ulteriori sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *