Kaitlyn Armstrong ha rintracciato il ciclista Mo Wilson su un’app di fitness prima di ucciderla, dicono i pubblici ministeri

AUSTIN, Texas – Una donna del Texas accusata dell’omicidio del ciclista professionista Moriah “Moe” Wilson ha seguito i movimenti di Wilson sull’app di fitness Strava e ha parcheggiato la sua auto vicino all’appartamento di Austin dove alloggiava Wilson, hanno detto i pubblici ministeri. Poi, dicono i pubblici ministeri, ha sparato a Wilson tre volte, una al cuore.

“L’ultima cosa che Mo ha fatto su questa terra è stato urlare di paura”, ha detto mercoledì l’avvocato Ricky Jones nelle dichiarazioni di apertura. “Sentirai quelle urla.”

Kaitlyn Armstrong, 35 anni, si è dichiarata non colpevole dell’omicidio di Wilson, una stella nascente di 25 anni, corridore di gravel e mountain bike che presumibilmente aveva una relazione romantica con lo stesso uomo di Armstrong. Il corpo di Wilson è stato trovato con ferite multiple da arma da fuoco nel maggio 2022 a casa di un amico ad Austin. Una settimana dopo, Armstrong fuggì dal paese con un passaporto falso. È stato catturato in un ostello in Costa Rica nel giugno 2022 ed estradato negli Stati Uniti.

Se condannato, Armstrong rischia fino a 99 anni di carcere. I pubblici ministeri non hanno perseguito la pena di morte.

Anna Moriah “Moe” Wilson.Per gentile concessione della famiglia Wilson

Wilson si è recato ad Austin nel maggio 2022 per competere in una gara a Hico, a sud-ovest di Fort Worth. Lì, il ciclista professionista Colin Strickland ha mandato un messaggio a Wilson per incontrarlo. (Strickland ha frequentato brevemente Wilson nell’autunno del 2021, quando lei e Armstrong erano in una breve pausa.) I pubblici ministeri affermano che l’11 maggio, il giorno in cui Wilson è stato ucciso, lei e Strickland hanno nuotato in una piscina locale e poi hanno cenato insieme. Ha anche mentito ad Armstrong su dove si trovasse, secondo la dichiarazione giurata della polizia.

READ  33 persone, compresi bambini, sono morte in una frana in Colombia

Secondo i pubblici ministeri, Armstrong aveva accesso ai messaggi di Strickland su un laptop nella loro casa condivisa e poteva determinare dove si trovava Wilson sulla base dei dati sui giri in bicicletta di Wilson pubblicati su Strava quel giorno.

Kaitlin Marie Armstrong.Marescialli americani

Quella notte, le telecamere di sicurezza vicino all’appartamento in cui alloggiava Wilson hanno ripreso le sue urla.

“Quelle urla furono seguite da ‘Pop! Pop!'”, ha detto Jones. “Due colpi di pistola.”

Jones ha detto che i bossoli dei proiettili corrispondevano alla pistola Sig Sauer da 9 mm di Armstrong. I pubblici ministeri hanno detto che il veicolo di Armstrong corrispondeva a un SUV nero visto in un video di sicurezza vicino all’appartamento in cui Wilson si trovava quella notte, e Armstrong non ha potuto spiegare perché si trovasse nella zona, secondo una dichiarazione giurata della polizia.

Tuttavia, l’avvocato difensore Jeffrey Burrier ha sostenuto che il caso mancava di prove e che la polizia aveva una visione ristretta ed era determinata a mantenere Armstrong nel loro “mirino”. Armstrong, ha detto, era intrappolato in un “sogno” di prove circostanziali.

“Non stai ascoltando [from the prosecution] Nessun testimone ha visto Kaitlyn Armstrong presumibilmente commettere l’omicidio. Non ce n’è uno”, ha detto Buryer. “Perché non ce n’è uno.”

Mercoledì, dopo le dichiarazioni di apertura, l’accusa ha chiamato i suoi primi due testimoni: il fratello di Wilson, Matthew, e Caitlin Cash, un’amica che si trovava nell’appartamento di Wilson quando è stato ucciso. Cash si è emozionata, ha pianto mentre i pubblici ministeri hanno riprodotto la chiamata ai servizi di emergenza che ha fatto quel giorno, descrivendo la scoperta del corpo di Wilson.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

I pubblici ministeri hanno anche riprodotto il video della telecamera del corpo grafico che mostrava Cash e i primi soccorritori mentre eseguivano la RCP su Wilson la notte in cui morì.

Il caso venne processato quando Armstrong fu portato ad un appuntamento dal medico due settimane dopo aver tentato di scappare dal carcere. Quando in seguito gli agenti l’hanno portata via, lei “è scappata”, ha detto Christine Dark, portavoce dello sceriffo della contea di Travis, e ha ferito un agente, secondo la sua dichiarazione giurata di arresto.

“Ha fatto circa un isolato e mezzo. I nostri agenti penitenziari non l’hanno mai persa”, ha detto Dark.

Armstrong ora deve affrontare l’accusa di aggressione aggravata che ha causato lesioni personali, un reato di secondo grado. Lunedì un giudice ha stabilito che l’accusa potrebbe includere il tentativo di fuga come parte del caso contro di lui.

Si prevede che il processo durerà circa due settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *