Il primo ministro dell’Autorità Palestinese Mohammad Shtayyeh e il governo si dimettono

Jaber Ashtiyeh/AFP/Getty Images

Il primo ministro dell’Autorità Palestinese Mohamed Shtayyeh partecipa a una riunione di gabinetto nella città occupata di Ramallah, in Cisgiordania, il 27 dicembre.



CNN

Il primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh e il suo governo hanno annunciato lunedì le dimissioni.

“Ho presentato le dimissioni del governo al signor Presidente (Mahmoud Abbas) martedì scorso e vorrei informare l’onorevole consiglio e i nostri anziani che oggi le presenterò per iscritto”, ha detto Shtayye in un post su Facebook. .

Dimesso sotto l’Autorità Palestinese (AP). Forte pressione dagli Usa Israele deve riformare e migliorare la propria governance nella Cisgiordania occupata. L’Autorità Palestinese è stata a lungo considerata corrotta sia dai politici americani che dai palestinesi.

L’Autorità Palestinese è stata costituita a metà degli anni ’90 come governo ad interim in attesa dell’indipendenza palestinese dopo che l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina aveva firmato gli accordi di Oslo con Israele. Ha sede nella città occupata di Ramallah, in Cisgiordania, ed esercita un autogoverno nominale in alcune parti del territorio.

Un governo dominato dal partito politico Fatah ha mantenuto il controllo amministrativo su Gaza fino al 2007, quando Hamas lo ha spodestato nel 2006, quando Hamas ha vinto le elezioni legislative nei territori occupati. Israele ha rifiutato l’offerta dell’Autorità Palestinese di ritornare a Gaza dopo la guerra e respinge l’idea di fondare uno Stato palestinese nei territori.

Tuttavia, gli Stati Uniti sostengono un’Autorità Palestinese riformata che controlli sia la Cisgiordania che Gaza come parte di un futuro stato indipendente.

Shtayye, nominato primo ministro nel 2019, aveva dichiarato in ottobre alla Galileus Web che non esisteva alcuna soluzione al conflitto israelo-palestinese. Senza l’America, ma ha aggiunto che l’attuale amministrazione americana non ha la volontà politica di porre fine al conflitto. “Ci riescono”, ha detto.

READ  BREAKING: i primi rendering del Galaxy Z Fold 6 rivelano un design più elegante

Anche il Fronte Jana Molto impopolare Tra i palestinesi c’è la percezione che non sia possibile garantire la sicurezza di fronte alle regolari incursioni israeliane in Cisgiordania. Ciò è stato rivelato in un sondaggio di dicembre condotto dal Centro palestinese per la politica e la ricerca sui sondaggi Più del 60% I palestinesi vogliono lo scioglimento dell’Autorità Palestinese. Nel frattempo, il sostegno al presidente Abbas, in carica dal 2005, è crollato. In Cisgiordania, un sondaggio ha rilevato che il 92% degli intervistati vorrebbe che si dimettesse.

IL Primo Ministro Una seconda intifada (rivolta) palestinese scoppiò nell’Autorità Palestinese nel 2003 dopo che Stati Uniti, Unione Europea e Israele avevano chiesto riforme. Si trattava quindi del primo vero passo del presidente Yasser Arafat verso la condivisione del potere dalla creazione della Podujana Peramuna. A quel tempo, Arafat nominò Abbas primo ministro. Abbas divenne presidente dopo la morte di Arafat nel 2004.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *