La Corte Suprema valuta le sfide alla libertà di parola alle restrizioni sui social media sostenute dal GOP

WASHINGTON – Lunedì la Corte Suprema ha messo in dubbio le leggi della Florida e del Texas che cercano di imporre restrizioni sulla capacità delle società di social media di moderare i contenuti sulla base della presunzione che offendano il discorso conservatore.

Facebook e YouTube, rappresentati dai gruppi imprenditoriali NetChoice e dalla Computer and Communications Industry Association (CCIA), affermano che entrambe le leggi violano i diritti di libertà di parola delle società previsti dal Primo Emendamento. Pubblicare sui loro siti.

Diverse società tecnologiche che si oppongono alla legge, tra cui Reddit, Discord e Yelp, moderano regolarmente i contenuti degli utenti.

Dopo la prima delle due discussioni orali sulla legge della Florida, la maggioranza dei giudici sembrava ritenere che la mossa violasse i diritti di libertà di parola delle principali società di social media.

“Come mai il governo arriva e dice: ‘Non vi permetteremo di implementare questo tipo di restrizioni?’ ha chiesto la giudice liberale Elena Kagan.

Tuttavia, alcuni giudici hanno suggerito che potrebbe esserci un uso legittimo contro altri siti coperti dallo statuto.

“Qui è molto difficile separare il grano dalla pula”, ha detto il giudice conservatore Neil Gorsuch.

Le discussioni sulla legge del Texas sono continuate lunedì pomeriggio.

Gli stati a guida repubblicana nel 2021 sono stati adottati da Twitter, Facebook e altri dopo che il tentativo dell’ex presidente Donald Trump di ribaltare le elezioni presidenziali del 2020 si è concluso con l’assedio del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Questo prima che Twitter venisse acquisito l’anno successivo dal miliardario Elon Musk, che si allineò ai critici conservatori della piattaforma e permise il ritorno di vari utenti banditi, incluso Trump.

READ  I futures cadono per iniziare la settimana con dati chiave sull'inflazione, guadagni in vista

Entrambe le leggi cercano di imporre restrizioni sul controllo dei contenuti e richiedono alle aziende di fornire agli utenti spiegazioni specifiche quando rimuovono i contenuti.

La legge della Florida, tra le altre cose, impedisce alle aziende di vietare a personaggi pubblici di candidarsi a cariche politiche e limita lo “shadow ban”, per cui determinati contenuti utente sono difficili da trovare da altri utenti. Il governo afferma che tali misure sono una forma di censura.

Allo stesso modo, la legge del Texas vieta di bannare gli utenti in base ai commenti espressi sui siti. Ogni legge impone alle aziende di pubblicare le proprie politiche di moderazione.

Gli stati stanno cercando di equiparare le società di social media all’industria delle telecomunicazioni, che trasmette discorsi ma manca di input editoriale. Questi “vettori comuni” sono fortemente regolamentati dal governo.

La legge della Florida “non fa altro che richiedere ai siti che si aprono a tutti gli utenti e ai contenuti di aderire alla loro pratica commerciale comune, che ha operato come regolamentazione comune dei vettori per secoli”, ha scritto il procuratore generale dello stato Ashley Moody nei documenti giudiziari. .

I gruppi commerciali sottolineano le differenze tra l’industria delle telecomunicazioni e i siti di social media, con le aziende che esercitano abitualmente la “discrezione editoriale” per migliorare l’esperienza dell’utente limitando lo spam, il trolling e l’incitamento all’odio.

I gruppi mediatici, tra cui Reporter for Freedom of the Press, hanno sostenuto le leggi e sostenuto le aziende tecnologiche. Minaccia la libertà di parola E su scala più ampia.

La stessa logica adottata dagli stati può essere usata contro testate giornalistiche, studi cinematografici ed editori di videogiochi, sostengono.

READ  Le azioni di Wall Street sono scese in vista di un nuovo round di utili aziendali

Alcuni commentatori tecnologici hanno sottolineato che le azioni di Musk dopo l’acquisto di Twitter hanno minato la logica alla base delle leggi, perché in molti modi ha dimostrato come i principi moderati definiscano l’identità della piattaforma di social media.

I conservatori hanno ora sostenuto il nuovo nome X, mentre i liberali si lamentano amaramente di ciò che vedono come una promozione di contenuti di destra.

“La storia delle origini è completamente sminuita”, ha detto Ari Cohn, un avvocato di TechFreedom, un think tank che si oppone alle leggi, riguardo alla logica dietro la loro attuazione.

Tuttavia, le cause legali mantengono un vantaggio politico, con l’amministrazione del presidente Joe Biden che ha presentato una memoria Supporta le sfide legali e l’ex presidente Donald Trump Supporta le leggi.

Nel maggio 2022, la Corte Suprema ha bloccato l’attuazione della legge del Texas dopo che la quinta corte d’appello del circuito degli Stati Uniti con sede a New Orleans si è rifiutata di sospendere la legge del Texas. All’epoca, quattro dei nove giudici affermarono che la corte non avrebbe dovuto intervenire in quella fase.

Il trasferimento in Florida è stato bloccato dall’undicesima Corte d’Appello degli Stati Uniti con sede ad Atlanta, spingendo lo stato a ricorrere alla Corte Suprema.

Una questione giuridica non in discussione nel caso, ma in agguato sullo sfondo, è la portata dell’immunità delle società Internet per i contenuti pubblicati dai loro utenti. L’anno scorso, la corte ha ignorato il verdetto sul caso.

Sfide alle leggi del Texas e della Florida La Corte Suprema è attualmente alle prese con diverse questioni legali relative ai social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *