Jair Bolsonaro: l’ex presidente del Brasile nega le accuse di colpo di stato

  • Di Ioan Wells
  • Corrispondente sudamericano a San Paolo

Titolo del video,

GUARDA: Migliaia di persone manifestano a San Paolo a sostegno dell’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro

L’ex presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha affermato di aver subito persecuzioni politiche da quando ha lasciato l’incarico un anno fa.

Ha detto a decine di migliaia di sostenitori a San Paolo che le accuse di colpo di stato contro di lui erano una “bugia”.

Ha anche chiesto l’amnistia per centinaia di suoi sostenitori condannati per attacchi a edifici pubblici.

La polizia sta indagando se Bolsonaro abbia organizzato un fallito colpo di stato dopo aver perso le elezioni del 2022.

Domenica, intervenendo a una manifestazione nella più grande città del Brasile, l’ex presidente 68enne ha respinto le accuse contro di lui come motivate politicamente.

Ha detto che è tempo che il Brasile dimentichi il passato e vada avanti.

Ha anche usato il suo discorso per parlare delle elezioni presidenziali che si terranno nel 2026.

fonte dell’immagine, EPA-EFE/REX/Shutterstock

didascalia dell’immagine,

Jair Bolsonaro ha lasciato gli Stati Uniti per il Brasile nel marzo 2023, dicendo che non aveva nulla da temere.

Una grande folla vestita di giallo e verde, i colori della bandiera brasiliana, si è radunata per ascoltare il discorso di Bolsonaro. Le persone con cui ho parlato sono qui a protestare per la libertà, in particolare per la libertà di parola.

Criticano quelle che vedono come minacce di incarcerare Bolsonaro per “aver espresso la sua opinione”.

Molti dei suoi sostenitori presenti alla manifestazione hanno ripetuto affermazioni non provate secondo cui le ultime elezioni sarebbero state truccate. Ha chiesto loro di non portare manifesti critici verso istituzioni come la Corte Suprema.

Alexandre Franca, direttore aziendale di 53 anni, ha dichiarato alla BBC che molte persone si sono mobilitate perché “dobbiamo esprimere ciò che vogliamo per il nostro Paese.

“Oggi tutti hanno paura di essere oppressi. Per questo penso che siamo venuti a mostrare i nostri volti. Tutti vogliono il Brasile, tutti vogliono la libertà”, ha aggiunto.

Un altro partecipante alla manifestazione, Rogério Morgado, un ufficiale dell’esercito di 55 anni, è stato intervistato dalla BBC. Ha detto: “I politici brasiliani temono la gente per strada, questo è ciò che temono i politici brasiliani”.

Qualsiasi discorso di Bolsonaro che incita rivolte o mina il sistema elettorale è attentamente monitorato dalle autorità.

Dopo aver perso un referendum contro Luiz Inácio Lula da Silva, migliaia di suoi sostenitori hanno saccheggiato e vandalizzato gli edifici governativi nella capitale Brasilia, tra cui il palazzo presidenziale, la Corte Suprema e il Congresso.

Tre soci di Bolsonaro sono stati arrestati e anche il capo del suo partito politico è stato arrestato.

Accusare la polizia di diffondere sospetti sul processo elettorale è diventato un grido di battaglia per i suoi sostenitori.

Questo, sostiene la polizia, pone le basi per un possibile colpo di stato. Tuttavia, dopo aver fallito nell’ottenere il sostegno delle forze armate, i suoi sostenitori frustrati hanno assediato il Congresso, che ospita la Corte Suprema e il Palazzo Presidenziale, l’8 gennaio dello scorso anno.

Bolsonaro era negli Stati Uniti quando è avvenuto l’attacco al Congresso. È tornato in Brasile nel marzo 2023 e ha detto di non avere nulla da temere.

È molto influente nell’ala destra della politica brasiliana.

READ  Cincinnati Bearcats contro Risultati e statistiche in tempo reale di Kansas Jayhawks - 13 marzo 2024 GameTracker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *