Il Pentagono ha aspettato tre giorni per informare la Casa Bianca che il segretario alla Difesa era stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale

WASHINGTON – Nel mezzo delle tensioni in Medio Oriente, il segretario alla Difesa Lloyd Austin è stato ricoverato in ospedale, trascorrendo quattro giorni in terapia intensiva, hanno detto due alti funzionari dell’amministrazione.

Il Pentagono non ha informato gli alti funzionari del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca del ricovero di Austin fino a giovedì, tre giorni dopo il suo arrivo al Walter Reed Medical Center, ha confermato un funzionario statunitense. Il politico ha segnalato per primo il ritardo.

Austin è stato ricoverato in ospedale lunedì sera per “complicazioni a seguito di una recente procedura medica elettiva”, ha detto venerdì sera il segretario stampa del Pentagono, il maggiore generale Pat Ryder.

Austin ha rilasciato una dichiarazione sabato assumendosi la responsabilità di non aver rivelato prima la sua posizione.

“Non vedo l'ora di riprendermi e di tornare presto al Pentagono. Capisco anche le preoccupazioni dei media sulla trasparenza e so che avrei potuto fare un lavoro migliore per garantire che il pubblico fosse adeguatamente informato. Prometto di fare meglio”, ha detto Austin. “Ma è importante dire questo: questa è la mia pratica clinica e mi assumo la piena responsabilità delle mie decisioni in merito alla divulgazione”.

Il presidente Joe Biden ha parlato con Austin sabato sera, secondo un alto funzionario dell'amministrazione che ha indicato che si trattava della prima telefonata tra il presidente e Austin da quando era ricoverato in ospedale.

“È una conversazione accesa”, ha detto il dirigente. “Il presidente gli ha augurato ogni bene e ha detto che non vedeva l'ora di rivedere presto il segretario al Pentagono.”

READ  Nancy Pelosi annuncia "piani futuri" dopo la vittoria di GOP House

Austin non è stato in grado di svolgere le sue funzioni dal giorno di Capodanno, ha detto venerdì un alto funzionario della sicurezza. Non è chiaro quando sarà rilasciato, ha detto la fonte. Non erano disponibili dettagli su ciò che lo affliggeva.

Ryder ha detto a NBC News che Austin “ha ripreso tutte le sue funzioni” venerdì sera. Sabato è stato ricoverato in ospedale.

Un alto funzionario della difesa ha detto che Kathleen Hicks, che era in congedo, ha assunto le sue funzioni.

Hicks era in congedo programmato quando Austin è stato ricoverato in ospedale questa settimana, ha detto un funzionario della sicurezza. Era in vacanza a Porto Rico, ha detto il funzionario.

Sta “mantenendo la piena comunicazione con lo staff del DOD”, ha detto il funzionario. “Ha supervisionato le operazioni quotidiane del DOD e ha condotto alcuni affari di routine.”

L'ufficio di segretario alla difesa per la politica, terzo in linea di leadership civile del Pentagono, è stato ricoperto come incarico ad interim perché il candidato Derek Solett non è stato confermato dal Senato degli Stati Uniti, ha detto la fonte. Sasha Baker interpreta il ruolo dalla scorsa estate.

“In ogni momento, il vice segretario alla difesa è stato pronto ad esercitare i poteri del segretario e, se necessario, ad agire”, ha detto Ryder nella dichiarazione.

I funzionari del Pentagono hanno rifiutato di approfondire le condizioni di Austin o di dire se gli è stato impedito adeguatamente di svolgere i suoi compiti questa settimana.

Il Pentagono non ha rilasciato dettagli sulla procedura o quando è avvenuta, e non ha detto se Austin sia stato portato in ospedale in ambulanza.

READ  Via Lattea: gli astronomi di Manchester scoprono un oggetto misterioso

Alla domanda sul perché il Pentagono abbia mantenuto segreto il ricovero di Austin, Ryder ha detto a NBC News: “È una situazione in cui devono essere considerati molti fattori”.

Includono la privacy personale di Austin, ha detto.

Mentre Austin è ancora ricoverato in ospedale, gli Stati Uniti hanno condotto un raro e controverso attacco contro un veterano militante sostenuto dall’Iran a Baghdad, le basi con americani sono state colpite almeno sei volte e l’amministrazione Biden sta valutando le opzioni per attaccare le milizie Houthi. per i loro frequenti attacchi contro le navi nel Mar Rosso.

Le tensioni nella regione sono incentrate sulla guerra tra Israele e Hamas. Nel mese di ottobre, la Marina americana in risposta ha inviato due gruppi d’attacco di portaerei nel Mediterraneo orientale.

Le milizie Houthi appoggiate dall’Iran con sede nello Yemen, scontente degli attacchi di Israele contro le comunità palestinesi, hanno attaccato navi portacontainer nel Mar Rosso.

Il 30 dicembre, un cacciatorpediniere della Marina americana ha abbattuto due missili Houthi dopo aver risposto a un attacco a una nave portacontainer, senza causare feriti o danni, hanno detto all’epoca funzionari militari. Il giorno successivo, i ribelli Houthi hanno aperto il fuoco sugli elicotteri della marina in risposta a una chiamata di soccorso di una nave portacontainer. La Marina ha risposto al fuoco, affondando tre piccole imbarcazioni e uccidendo l'equipaggio, hanno detto i funzionari.

Gli Stati Uniti sono cauti nei confronti di ulteriori problemi regionali mentre i militanti Hezbollah sostenuti dall’Iran in Libano scambiano armi con Israele al suo confine settentrionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *