I titoli tecnologici cinesi scendono mentre i divieti di esportazione statunitensi innalzano le barriere del settore dei chip

Josh Horwitz e Jason Xu

Shanghai, ottobre 10 (Reuters) – Azioni del conglomerato tecnologico cinese Alibaba Group (9988.HK) e Tencent (0700.HK) Con la caduta dei produttori di chip lunedì, gli investitori sono stati spaventati dalle nuove misure di controllo delle esportazioni statunitensi volte a ridurre i progressi tecnologici e militari di Pechino.

L’amministrazione Biden ha svelato venerdì una serie di restrizioni all’esportazione, incluso il taglio alla Cina di alcuni semiconduttori fabbricati in qualsiasi parte del mondo con apparecchiature americane.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Alcune delle misure entreranno in vigore immediatamente, segnando potenzialmente il più grande cambiamento nella politica statunitense verso l’esportazione di tecnologia in Cina dagli anni ’90.

Le nuove regole avranno un impatto più ampio, rallentando gli sforzi per sviluppare l’industria dei chip della Cina e facendo avanzare la ricerca commerciale e statale che coinvolge armi militari, intelligenza artificiale, data center e supercomputer e molte aree alimentate da chip di fascia alta, hanno affermato gli esperti.

Le nuove restrizioni arrivano in un momento in cui l’industria globale dei chip sta già affrontando grandi venti contrari da un crollo della domanda post-Covid di computer, smartphone e altri dispositivi elettronici e ha avvertito di guadagni più deboli.

L’impatto più immediato sarà avvertito dai produttori di chip cinesi, hanno affermato.

In base alle nuove normative, le aziende statunitensi devono smettere di fornire ai produttori di chip cinesi apparecchiature in grado di produrre chip relativamente avanzati: chip logici sotto i 16 nanometri (nm), chip DRAM sotto i 18 nm e chip NAND con 28 strati o più. licenza.

Ciò influenzerà il principale produttore di chip a contratto cinese – Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC). (0981.HK) e Hua Hong Semiconductor Limited (1347.HK) – così come i principali produttori di chip di memoria sostenuti dallo stato Yangtze Memory Technologies Co Ltd (YMTC) e Changxin Memory Technologies (CXMT).

READ  Alabama vs. Tennessee, Oklahoma State vs. TCU e altro

“Queste misure influenzeranno l’industria cinese dei chip e ostacoleranno molti progetti di sviluppo e soffocheranno l’innovazione sia a est che a ovest”, ha affermato Danny Hewson, analista di AJ Bell.

“Ci saranno un certo numero di sale del consiglio che terranno riunioni di alto livello nei prossimi giorni, considerando le implicazioni delle restrizioni alle esportazioni statunitensi”.

Le fonderie cinesi detengono una quota del mercato globale dei chip a contratto, dominato dal TSMC di Taiwan. (2330.TW)Ma controllano il 70% del mercato interno, sottolineando gli sforzi di Pechino per aumentare l’autosufficienza in chip.

Nei chip di memoria, gli osservatori del settore vedono YMTC e CXMT come la migliore speranza della Cina per entrare nel mercato globale (005930.KS) e microtecnologia (MU.O).

Gli analisti hanno affermato che le nuove normative ora porranno grossi ostacoli ai due produttori di chip di memoria cinesi.

“Il progresso della memoria sarà limitato perché non ci sarà alcuna opportunità per migliorare le apparecchiature di processo, non ci sarà alcuna possibilità di espandere la produzione e il mercato andrà perso”, ha scritto Gu Wenjun, che guida la ricerca presso ICWise, una società di consulenza con sede a Shanghai in una nota di ricerca. .

Il blocco delle forniture di apparecchiature per la produzione di chip di fascia alta potrebbe avere un effetto a cascata sui chip più semplici, affermano gli analisti.

Per i chip NAND, la stessa attrezzatura utilizzata per realizzare la NAND a 128 strati può rendere più semplice la NAND a 64 strati, ha affermato Stewart Randall, che segue l’industria cinese dei semiconduttori presso la società di consulenza di Shanghai Intralink.

READ  Il running back Dillon Johnson del Mississippi State, Mike Leach, dice che sta entrando nel portale di trasferimento

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha affermato sabato che si è trattato di un abuso delle misure commerciali progettate per rafforzare la “supremazia tecnologica” degli Stati Uniti.

I produttori di apparecchiature statunitensi sono ora tenuti a interrompere l’esportazione verso fabbriche interamente di proprietà di società cinesi che producono chip logici avanzati, tra cui KLA Corp. (KLAC.O)Lam Research Corp (LRCX.O) e Materiali Applicati Inc .

Le azioni di Lam Research e Applied Materials sono diminuite rispettivamente dell’1,3% e dello 0,6%.

In chip AI avanzati – Nvidia Corp (NVDA.O) e Advanced Micro Devices Inc (AMD.O) – Tra i principali fornitori che riforniscono la Cina, ciascuno è sceso di circa l’1%.

“Questo non potrebbe arrivare in un momento peggiore poiché Nvidia sta già affrontando un periodo molto difficile a causa di ringhio della catena di approvvigionamento e ridotta domanda di console di gioco”, ha affermato Susanna Streeter, analista di Hargreaves Launceston.

Supercomputer, data center

Le regole includono anche il divieto di esportazione di un’ampia gamma di chip da utilizzare nei sistemi di supercalcolo cinesi utilizzati per sviluppare armi nucleari e altre tecnologie militari.

Alcuni esperti del settore affermano che il divieto potrebbe colpire anche i data center commerciali delle società tecnologiche cinesi. Le azioni del gigante dell’e-commerce Alibaba e del gigante dei social media e dei giochi Tencent, che dipendono fortemente dai data center, sono diminuite rispettivamente del 3,3% e del 2,5%.

Un forte calo dei titoli tecnologici ha trascinato al ribasso il mercato cinese nel suo primo scambio festivo della Golden Week lunedì.

Un indice che misura le società cinesi di semiconduttori (CSIH30184). In calo di quasi il 7%, il mercato delle stelle del consiglio incentrato sulla tecnologia di Shanghai (.STAR50) è diminuito del 4,5%.

READ  6 alpinisti morti, 9 feriti a causa della rottura del ghiacciaio alpino in Italia

SMIC è sceso del 4%, il produttore di apparecchiature per chip NAURA Technology Group Co (002371.SZ) L’intervallo giornaliero è sceso del 10%, mentre Hua Hong Semiconductor è sceso del 9,5%.

Azioni nella società di ricerca sull’intelligenza artificiale SenseTime (0020.HK) e produttore di apparecchiature di sorveglianza Dahua Technology (002236.SZ)Questo taglierà i chip realizzati utilizzando le tecnologie americane, in calo rispettivamente del 5,7% e del 10%.

L’impatto sui titoli tecnologici al di fuori della Cina è stato limitato lunedì, poiché i mercati finanziari di Corea del Sud, Giappone e Taiwan hanno chiuso per festività separate.

Codice tecnico europeo (.SX8P) Le azioni quotate a New York dei colossi cinesi Alibaba, JD.com e Binduduo sono scese dello 0,8%. (PDD.O) ciascuno è diminuito dell’1,5%.

Gli analisti prevedono che l’impatto sarà limitato poiché la maggior parte degli ordini di chip avanzati del principale produttore mondiale di chip DSMC provengono da clienti con sede negli Stati Uniti come Apple. (AAPL.O) e Qualcomm (QCOM.O)Genera circa il 10-12% delle sue entrate dalla Cina.

Sabato non era prevista alcuna interruzione significativa nella fornitura di dispositivi Samsung e SK Hynix in Corea del Sud (000660.KS) Produzione di chip esistente in Cina.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazioni di Josh Horwitz e Jason Xu; Rapporti aggiuntivi di Anisha Sircar e Medha Singh a Bangalore; Scritto da Myeong Kim; Montaggio di Muralikumar Anantharaman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.