Israele si prepara ad operazioni di terra “significative” mentre Gaza corre verso sud

Sabato sera Israele ha dichiarato che le sue forze militari si stanno preparando a realizzare “piani offensivi operativi su larga scala” in vista di un’invasione terrestre su vasta scala di Gaza sulla scia dell’attacco di Hamas contro Israele.

Le forze di difesa israeliane hanno affermato che i loro soldati sono stati schierati “in tutto il paese” e stanno aumentando “la prontezza operativa per la prossima fase della guerra, con un’enfasi su significative operazioni di terra”.

Le forze israeliane stanno bombardando Gaza dall’attacco di Hamas della scorsa settimana. Centinaia di migliaia di palestinesi sono fuggiti dalle loro case negli ultimi giorni dopo che Israele ha ordinato a 1,1 milioni di cittadini – quasi la metà della popolazione di Gaza – di lasciare la parte settentrionale densamente popolata dell’enclave, compresa Gaza City.

“Stiamo attaccando Gaza City perché è il centro del regime e delle capacità militari di Hamas, e dobbiamo attaccarla con forza pesante”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce dell’IDF Daniel Hagari.

L’IDF ha affermato che le sue forze si stanno preparando per una “zona di guerra ampliata” e che le operazioni preparatorie “includono attacchi coordinati dall’aria, dal mare e dalla terra”.

L’annuncio è arrivato sabato scorso, dopo che i palestinesi con doppia cittadinanza statunitense e altri titolari di passaporto straniero avevano detto ai diplomatici che avrebbero consentito ad alcune partenze da Gaza di entrare in Egitto.

Tuttavia, a nessuno è stato permesso di andarsene, hanno detto quattro diplomatici che lavorano sulla questione. Un funzionario ha detto che i convogli si muovevano “avanti e indietro” con rapporti contrastanti sul motivo per cui il confine non era aperto.

Un funzionario americano ha detto che i palestinesi con doppia cittadinanza americana sono stati incoraggiati ad andare al valico di Rafah, ma la situazione stava cambiando.

Un diplomatico arabo ha affermato che l’amministrazione Biden ha chiesto al Qatar di convincere Hamas a non impedire ai palestinesi con cittadinanza statunitense di lasciare l’area, cosa che il gruppo islamico ha acconsentito. Gli Stati Uniti hanno chiesto agli egiziani di aprire Rafah e di lasciarli entrare, ma “gli egiziani non hanno ancora accettato di aprire la frontiera agli americani”, ha detto il funzionario.

L’unica uscita da Gaza è Rafah, che non è sotto il controllo israeliano, ed è stata in gran parte sigillata, lasciando 2,3 milioni di palestinesi senza via d’uscita da quando Israele ha imposto un blocco in risposta alla violenta presa di potere di Hamas nel 2007.

Il Cairo teme da tempo che Israele voglia scaricare i suoi problemi con Gaza sull’Egitto.

Michael Wahid Hanna, analista dell’International Crisis Group, ha affermato che “l’Egitto non accetterà un passaggio sicuro per gli Stati Uniti e altri cittadini stranieri a meno che non ci sia un accordo per aprire il confine ai beni umanitari”.

Separatamente, il Qatar e gli Stati Uniti stanno cercando di concludere un accordo per liberare gli ostaggi civili detenuti da Hamas, ha detto una persona informata dei colloqui.

I palestinesi si sono rifugiati in una scuola gestita dalle Nazioni Unite
I palestinesi si sono rifugiati in una scuola gestita dalle Nazioni Unite © Mohammed Abed/AFP/Getty Images

La persona ha aggiunto che Israele dovrebbe sospendere il bombardamento di Gaza per consentire ad Hamas di rilasciare in sicurezza gli ostaggi e di consegnare in sicurezza gli aiuti umanitari nell’area.

“Ieri ci sono stati incontri positivi e Hamas sembra pronto a rilasciare ostaggi civili, ma Hamas dice che non può farlo mentre continuano i bombardamenti”, ha detto una persona coinvolta nei colloqui. “Gli israeliani devono fermare temporaneamente i bombardamenti su Gaza per consentire il rilascio sicuro dei prigionieri”.

Venerdì il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha avuto un colloquio con il primo ministro del Qatar. Il Qatar, alleato degli Stati Uniti, ospita anche l’ufficio politico di Hamas.

L’esercito israeliano afferma di aver identificato 120 ostaggi presi durante l’infiltrazione di Hamas.

Funzionari israeliani hanno detto che almeno 1.300 israeliani, per lo più civili, sono stati uccisi nell’attacco al sud di Israele. Almeno 2.515 persone – 1.182 delle quali donne e bambini – sono state uccise a Gaza da quando Israele ha iniziato i suoi bombardamenti, hanno detto funzionari sanitari palestinesi.

Una palla di fuoco è esplosa a Gaza City dopo un attacco aereo israeliano ©AFP tramite Getty Images

L’avvertimento di Israele ai palestinesi del nord di Gaza di spostarsi a sud ha esacerbato la crisi umanitaria, e i paesi arabi e le Nazioni Unite

Sabato il massimo diplomatico dell’UE ha affermato che Israele deve rispettare il diritto internazionale.

“È assolutamente impossibile da attuare”, ha affermato Joseph Borrell, in visita a Pechino.

L’esercito israeliano ha rifiutato di discutere qualsiasi calendario, ma ha ribadito la sua richiesta che i civili se ne vadano il prima possibile. “Segui le nostre istruzioni: vai a sud”, ha detto il tenente colonnello Richard Hecht, portavoce delle forze di difesa israeliane.

Il ministro degli Esteri giordano Ayman al-Safadi ha affermato che l’ordine israeliano ai palestinesi di lasciare il nord di Gaza mentre “infuriava” la guerra è una “flagrante violazione del diritto internazionale, del diritto umanitario internazionale e del diritto di guerra”.

L’offensiva israeliana ha causato una catastrofe umanitaria, ha detto, rappresentando “la punizione collettiva di oltre 2 milioni di palestinesi” e “spingendo l’intera regione verso l’abisso”.

Israele ha tagliato cibo, acqua ed elettricità a Gaza. L’ONU afferma che le scorte d’acqua sono gravemente limitate, costringendo le persone a bere acqua salmastra e aumentando il timore di malattie.

“La morte è migliore di questa vita”, ha detto Mona Hanafi, 55 anni, arrivata alle Nazioni Unite dopo che la sua casa a Gaza City è stata distrutta. Si rifugiò in una scuola materna. “Ci sono pochissimi bagni, manca l’acqua. Da ieri mangiamo solo biscotti. Siamo andati in un supermercato, ma lì non c’era niente.

Il portavoce dell’IDF Jonathan Conricus ha detto che Israele intende “aumentare le nostre operazioni militari” a Gaza City.

Reporting aggiuntivo di Simeon Kerr a Dubai

Principali eventi della guerra tra Israele e Hamas finora
READ  1 morto, 17 feriti in un incidente durante una raccolta fondi per le vittime degli incendi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *