I giudici mettono in dubbio le accuse di impeachment contro il rivoltoso del 6 gennaio che potrebbero danneggiare il caso di Trump

WASHINGTON – I giudici della Corte Suprema martedì hanno espresso preoccupazione per l’uso dell’immunità giudiziaria per incriminare le persone coinvolte nell’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

Il caso è legato al caso di interferenza elettorale contro l’ex presidente Donald Trump.

I giudici hanno ascoltato un appello presentato dall’imputato Joseph Fischer che cercava di respingere le accuse di aver ostacolato il processo ufficiale di certificazione del Congresso della vittoria elettorale di Joe Biden, che è stato interrotto da una folla di sostenitori di Trump. .

IL La legge in questione Criminalizza i tentativi di ostacolare, influenzare o ostacolare qualsiasi azione ufficiale. Una condanna può comportare una pena detentiva fino a 20 anni.

La corte, con la sua maggioranza conservatrice di 6 voti a favore e 3 contrari, in passato si è mostrata scettica nei confronti dei pubblici ministeri quando hanno spinto per un’applicazione più ampia delle norme penali.

Alcuni giudici hanno espresso sentimenti simili durante le discussioni martedì, a volte chiedendo se la legge in questione potrebbe essere utilizzata per perseguire i manifestanti pacifici, compresi quelli che hanno interrotto i procedimenti della Corte Suprema.

“Un sit-in che interrompa il processo o si avvicini alla corte federale sarebbe idoneo?” si è chiesto il giudice conservatore Neil Gorsuch. “Un disturbatore tra il pubblico di oggi si qualificherebbe, o quello al discorso dell’Unione? Tirando l’allarme antincendio prima di un voto, 20 anni di prigione federale?”

Trump è accusato di violazione dello stesso statuto e di cospirazione per ostacolare i procedimenti ufficiali. Sono tra le quattro accuse che deve affrontare nel suo caso di interferenza elettorale a Washington, separato dai casi di silenzio attualmente in corso a New York.

READ  Il calo dei tassi ipotecari sta riportando gli acquirenti nel mercato immobiliare

L’udienza di martedì arriva una settimana prima che la Corte Suprema esamini la richiesta di Trump di ritirare le sue accuse di ingerenza elettorale sulla base di una richiesta di immunità presidenziale. Lunedì il giudice Clarence Thomas è comparso per la discussione senza commenti.

Sia Fischer che Trump sostengono che l’embargo non si applica alla loro condotta, il che significa che le accuse dovrebbero essere ritirate.

Fischer deve affrontare sette accuse penali, solo una delle quali è al centro del caso della Corte Suprema. È anche accusato di aver aggredito un agente di polizia e di essere entrato in un edificio vietato.

Il giudice conservatore Brett Kavanagh ha chiesto perché il Dipartimento di Giustizia avrebbe utilizzato i termini di prescrizione per incriminare Fischer, sottolineando che deve affrontare altre sei accuse.

“Perché questi sei conteggi non sono sufficienti?” chiese.

Allo stesso modo, il giudice Clarence Thomas, la cui moglie Ginny Thomas, un’attivista conservatrice che ha sostenuto gli sforzi di Trump per contestare i risultati elettorali, ha chiesto se i pubblici ministeri avessero mai usato la legge per accusare “manifestanti violenti” prima.

La disposizione è stata emanata nel 2002 come parte della legge Sarbanes-Oxley, emanata dopo lo scandalo contabile della Enron.

Questo è gennaio 6, Dicono gli avvocati, Fischer si è unito alla folla che marciava davanti al Campidoglio dal lato est. “Carica!” Ha urlato ancora e ancora, prima di spingersi avanti: “Mamma ——s!” Lo dice il governo.

Lui e altri rivoltosi caddero a terra. Dopo che altri rivoltosi lo avevano portato via, un video diffuso come prova in altri raid del 6 gennaio lo mostrava mentre cercava di fare appello agli agenti di guardia del Campidoglio, dicendo che anche lui era un ufficiale.

READ  È morta la madre di Melania Trump

Gli avvocati di Fischer sostengono che la legge dovrebbe essere limitata alle situazioni in cui le prove fisiche vengono manomesse.

Una sentenza a favore di Fischer andrebbe a vantaggio di Trump, anche se non è garantito. I pubblici ministeri nel caso Trump hanno affermato che anche se Fisher dovesse vincere, la condotta di Trump sarebbe coperta da un’interpretazione restrittiva della legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *