Google abbandona la lista d’attesa per AI Chatbot Bard, annuncia flussi di nuove funzionalità

Google sta aggiungendo nuove funzionalità al suo chatbot AI bard, incluso il supporto per nuove lingue (giapponese e coreano), modi più semplici per esportare il testo in Google Docs e Gmail, ricerca visiva e una modalità oscura. Soprattutto, l’azienda Elimina la lista d’attesa per il bardo Inoltre rende il sistema disponibile in inglese in oltre 180 paesi e territori. Promette inoltre funzionalità future come la creazione di immagini AI basate su Adobe e l’integrazione con servizi Web di terze parti come Instacart e OpenTable.

Nel complesso, la notizia è un colpo al bardo, e lo è stato Rilasciato due mesi fa Per utenti selezionati negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Il chatbot, che Google insiste ancora non è un sostituto del suo motore di ricerca, impallidisce rispetto a rivali come ChatGBT di OpenAI e il nuovo chatbot Bing di Microsoft. In particolare, Bart ha commesso un errore di fatto nella sua prima demo pubblica (sebbene questo problema sia comune a tutti questi robot). Ora Google ne sta aggiungendo uno Molto Nuove funzionalità e aggiornamenti Bard per utilizzare il suo nuovo modello di linguaggio PalM 2. Dovrebbe migliorare le sue risposte generali e l’usabilità.

Alcune delle nuove funzionalità di Bard sono disponibili, come il pulsante Esporta che ora invia il testo direttamente a Gmail o Google Docs.
Immagine: Google

Google afferma che il Bard aggiornato è particolarmente efficace nel debug delle query di codice, incluso il debug e l’interpretazione di frammenti di codice in più di 20 lingue, quindi alcuni degli aggiornamenti di oggi si concentrano su questo caso d’uso. Questi includono una nuova modalità oscura, citazioni migliorate per il codice (che non solo forniscono fonti ma spiegano anche frammenti) e un nuovo pulsante di esportazione. Potrebbe essere già utilizzato Invia il codice alla piattaforma Colab di Google Ma ora funzionerà un altro IDE basato su browser, Replit (a partire dalle query Python).

READ  2 Russi chiedono asilo dopo aver raggiunto la remota isola dell'Alaska

Per applicazioni più generali, Google sta ulteriormente visualizzando Bard, con la possibilità di analizzare immagini, presentare immagini nei risultati delle query e creare elementi visivi utilizzando l’intelligenza artificiale (una funzionalità in arrivo “nei prossimi mesi” alimentata dal software Firefly di Adobe).

Alcune query di Google vengono visualizzate anche nella barra dei risultati visivi. “Quali sono alcuni luoghi da non perdere a New Orleans?” L’azienda fornisce un esempio che lo chiede. Crea un elenco di luoghi associati all’ambientazione (il quartiere francese, lo zoo di Audubon, ecc.) illustrato dal tipo di immagini che otterresti in una tipica ricerca di immagini di Google.

Non ti sembra un risultato di ricerca? Lo fa per me.
Immagine: Google

La funzione più interessante è la capacità di stimolare il computer con Una foto. È alimentato da Google Lens, che può riconoscere gli oggetti nelle immagini. Google offre un esempio di invio di una foto dei tuoi cani con il comando “Scrivi una didascalia divertente su questi due”. Google Lens identifica le razze di cani e poi Bart scrive qualcosa relativo alle loro caratteristiche. È una funzionalità un po’ complicata, ma può avere un grande potenziale creativo, a seconda di quanto bene è integrato il sistema.

Bard sarà presto in grado di connettersi a Internet come ChatGPT

Il generatore di immagini AI di Adobe, Firefly, sarà presto integrato in Bard, afferma Google. Ciò è degno di nota perché Adobe ha commercializzato Firefly sulla natura “etica” dei suoi dati di addestramento (una critica che ha scatenato azioni legali contro altri strumenti di imaging AI). Questa sarà la prima di molte integrazioni di terze parti per Bard (ciò che Google chiama “strumenti”), che Google promette sarà presto collegata a “una serie di servizi entusiasmanti dalle app di Google e sul Web”.

READ  L'USMNT non vede l'ora che arrivi il 2026 dalla Coppa del Mondo

È un’aggiunta sostanziale, ma è da notare che Google mantiene la parità di funzionalità con i suoi concorrenti. Microsoft ha aggiunto la generazione di immagini AI alimentata dal sistema DALL-E di OpenAI a Bing a marzo, mentre sia OpenAI che Microsoft stanno esplorando come integrare i chatbot con il Web più ampio. OpenAI ha annunciato per la prima volta questa funzione per ChatGPT all’inizio di quest’anno, utilizzando casi come l’utilizzo di un bot per effettuare una prenotazione al ristorante tramite OpenTable o ordinare generi alimentari tramite Instacart, ad esempio. Google dice che sta lavorando con servizi simili.

Google afferma che la creazione di immagini AI sarà disponibile in Bard nei “prossimi mesi” alimentata da Adobe Firefly.
Immagine: Google

Sebbene queste nuove funzionalità rappresentino collettivamente un importante aggiornamento per Bard, il servizio ha ancora una domanda esistenziale: a cosa serve Bard? Sebbene Google insista sul fatto che il bot non è un sostituto della ricerca, ciò non impedisce alle persone di utilizzarlo. Con Google che aggiunge più funzionalità di intelligenza artificiale nel suo dominio e modifiche alla ricerca in cantiere, Bart è il terreno di gioco per le ambizioni di intelligenza artificiale dell’azienda? Se è così, potrebbe non essere una brutta cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *