Elezioni in Pakistan: l’alleanza di Imran Khan ottiene la maggioranza con risultati shock


Islamabad
CNN

I candidati indipendenti affiliati al partito del leader politico pakistano Imran Khan, incarcerato, hanno vinto più seggi nell’Assemblea nazionale alle elezioni generali del Pakistan, una vittoria a sorpresa in un voto rovinato da un’affluenza lenta alle urne e da accuse di frode.

Secondo la Commissione Elettorale del Pakistan, i candidati indipendenti hanno finora ottenuto 98 seggi, lasciandone 22 non rivendicati. La maggioranza degli indipendenti è allineata al partito di Khan, il Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI).

La Lega musulmana pakistana Nawaz (PMLN), che punta a vincere le elezioni, si è finora assicurata il secondo posto con 69 seggi. Il Partito popolare pakistano (PPP) è terzo con 51 seggi.

I rimanenti 22 seggi non saranno sufficienti perché il PMLN o il PPP guidati dall’ex primo ministro Nawaz Sharif vincano, anche se li vincessero tutti. Tuttavia, nessuno dei tre maggiori partiti del paese vincerà i 169 seggi necessari per garantire la maggioranza in parlamento, quindi non sarà possibile formare un governo separato e non è chiaro chi sarà eletto come prossimo primo ministro del paese. Ministro.

In un discorso pubblicato venerdì, ha affermato che una versione di Khan generata dall’intelligenza artificiale ha vinto le elezioni e ha invitato i suoi sostenitori a “mostrare ora la forza di difendere i propri voti”.

Khan, che è dietro le sbarre da agosto, utilizza l’intelligenza artificiale per inviare messaggi ai sostenitori. “Mi avete salvato la fede, la vostra enorme affluenza alle urne ha sbalordito tutti”, ha detto la voce dell’IA nel video.

L’avversario di Khan, l’ex primo ministro pakistano Nawaz Sharif, ha affermato che il suo partito, il PMLN, è emerso con il contributo maggiore. Ha ammesso che il suo partito non ha una “maggioranza per formare un governo” e sta cercando partner di coalizione.

Si ritiene che Sharif una volta abbia visto uno dei suoi mandati finire con un colpo di stato militare dai ricercatori Per essere favorito dall’establishment militare del paese. L’esercito ha precedentemente negato di appoggiare Sharif.

READ  Flash Flood Live Updates: le ultime informazioni sulle precipitazioni nel Vermont, New York e nel nord-est

Parlando sabato, il capo dell’esercito pakistano, il generale Syed Asim Munir, ha affermato che la nazione “ha bisogno di una mano ferma e di un tocco curativo per uscire dalla politica di anarchia e polarizzazione che non si addice a un paese progressista di 250 milioni di persone”.

“La diversità politica e il pluralismo del Pakistan saranno ben rappresentati da un governo unificato di tutte le forze democratiche imbevute di obiettivi nazionali”, ha aggiunto Munir.

Venerdì sono scoppiate violente proteste per le accuse di brogli elettorali e di lento conteggio dei voti, tra gli avvertimenti della Commissione per i diritti umani del Pakistan che la “mancanza di trasparenza” che circonda i ritardi nell’annuncio dei risultati elettorali è “profondamente preoccupante”.

Almeno due persone sono state uccise e 24 ferite a Shangla, nel Khyber Pakhtunkhwa nordoccidentale del Pakistan, durante gli scontri tra lavoratori del partito politico di Khan Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) e agenti di polizia.

Un agente di polizia di Shangla ha detto alla CNN che due manifestanti sono morti dopo essere stati colpiti dalle pietre lanciate contro la polizia dal loro gruppo. Tuttavia, Syed Fareen, un candidato locale del PTI, ha detto alla CNN che due lavoratori sono stati uccisi e almeno 24 feriti quando la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti durante la loro manifestazione pacifica.

Ragionano i ricercatori Rabbia diffusa agli sforzi del governo provvisorio del paese e del suo potente esercito, da tempo la forza dominante nella politica pakistana, per reprimere Khan e i suoi sostenitori, compresi i “ribaltamenti pre-elettorali”.

Khan ha accusato i militari di complottare per rimuoverlo dall’incarico nel 2022, dopo che l’episodio ha visto migliaia di suoi sostenitori sfidare i militari e scendere in piazza. Sia l’esercito che il governo ad interim del Pakistan hanno negato di aver represso Khan o il PTI.

“Queste elezioni sono, tra le altre cose, un referendum sul ruolo dominante dei militari nella politica pakistana”, ha detto alla CNN Michael Kugelman, direttore del South Asia Institute presso il Wilson Center. “Gli elettori del PTI sono venuti in massa per inviare un messaggio di protesta dicendo che non permetteranno ai militari di dettare l’esito di un’elezione che volevano così tanto sconfiggere”.

READ  Ucraina: Zelenskyj chiede più sanzioni, reagisce

Il candidato sostenuto da Khan Mehr Bano Qureshi, il cui padre è incarcerato l’ex ministro degli Esteri Shah Mahmood Qureshi, ha detto alla CNN che era in vantaggio con un margine significativo fino a quando la commissione elettorale non ha “congelato” i risultati dall’oggi al domani e ha rifiutato di consentire al funzionario di seggio di venire in ufficio. .

Più tardi venerdì è stato dichiarato sconfitto nella circoscrizione elettorale di Multan nel Punjab da un numero “storico” di voti respinti, che “a mio parere indica chiaramente una negligenza”.

I governi stranieri hanno espresso preoccupazione per l’interferenza nelle elezioni pakistane. Venerdì gli Stati Uniti hanno chiesto un’indagine sulle “accuse di interferenza o frode” relative al voto, con un portavoce del Dipartimento di Stato che concorda con le valutazioni secondo cui le elezioni “hanno comportato indebite restrizioni alla libertà di espressione, associazione e riunione pacifica”.

Ma sabato il ministero degli Esteri pakistano ha risposto, affermando che le critiche provenienti dall’estero “ignorano il fatto indiscutibile che il Pakistan ha condotto elezioni generali pacifiche e di successo”.

Si aggiunge che questi commenti “non tengono conto della complessità del processo elettorale, né riconoscono il libero ed entusiasta esercizio del diritto di voto da parte di decine di migliaia di pakistani”.

Il voto di giovedì, già ritardato da mesi, arriva mentre il paese di 220 milioni di abitanti si trova ad affrontare sfide crescenti Incertezza economica E Frequenti attacchi terroristici È nella sua forma più vulnerabile ai disastri climatici.

Banaras Khan/AFP/Getty Images

Gli addetti ai seggi elettorali aprono le urne in presenza di agenti elettorali di vari partiti politici mentre inizia il conteggio dei voti a Quetta, Pakistan, l’8 febbraio 2024.

Ex stella del cricket Contro71, che fu estromesso dal potere in una tempesta di polemiche È stato incarcerato per diverse condanne e gli è stato impedito di votare contro i suoi rivali. Al PTI è stato vietato di usare il suo famoso simbolo della mazza da cricket sulle schede elettorali, utilizzandolo potenzialmente per corteggiare milioni di analfabeti, e ai canali televisivi è stato vietato di trasmettere i discorsi di Khan.

READ  Steve Sarkisian dice che Quinn Evers sta iniziando Texas QB

Il suo avversario di lunga data, Sharif, 74 anni, erede della dinastia politica d’élite Sharif, sta cercando di fare un notevole ritorno politico dopo anni di esilio all’estero. Condannato al carcere per corruzione.

Anche se il PTI risultasse vincitore dopo lo spoglio dei voti, sarà difficile mantenere il potere nel nuovo governo.

In vista delle elezioni, le sentenze dei tribunali hanno costretto i candidati del partito a candidarsi come indipendenti. “Ciò significa che il PTI deve preoccuparsi che alcuni dei suoi candidati sponsorizzati possano unirsi ad altri partiti. E i militari faranno pressioni affinché lo facciano”, ha detto Kugelman.

Il PMLN di Sharif potrebbe formare alleanze con altri partiti e chiudere il PTI, ha aggiunto Kugelman.

Se il partito di Sharif formerà un nuovo governo, egli presterà giuramento per un quarto storico mandato come primo ministro. Venerdì ha assunto un tono conciliante, dicendo che “tutte le parti dovrebbero sedersi insieme per guarire il Pakistan ferito”.

Ha detto che il suo partito rispetta il mandato di tutti i partiti “compresi gli indipendenti”, riferendosi ai candidati del partito dell’ex primo ministro Khan incarcerato che non hanno potuto contestare il nome del partito.

Sharif ha insistito sul fatto che il suo partito “non vuole combattere” poiché “il Pakistan non può permettersi un conflitto”. Ha anche detto che il suo partito “vuole migliorare le relazioni” con i vicini del Pakistan.

Bilawal Bhutto Zardari, il figlio 35enne dell’ex leader assassinata Benazir Bhutto, spera di ristabilire il suo Partito popolare pakistano come una delle principali forze politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *