Elezioni 2024: Will Hurd, convinto critico di Trump ed ex membro del Congresso del Texas, sospende la candidatura presidenziale a lungo termine

WASHINGTON (AP) – Ex deputato repubblicano del Texas Farà male Lunedì ha sospeso la sua candidatura presidenziale e ha appoggiato la collega candidata alle primarie del GOP Nikki Haley, abbandonando ufficialmente una breve campagna. Basato sulle critiche a Donald Trump Il suo partito sembra ancora determinato ad abbracciare l’ex presidente.

“Anche se apprezzo tutto il tempo e l’energia che i nostri sostenitori ci hanno dedicato, è importante riconoscere la realtà del panorama politico e la necessità di unire il nostro partito attorno a una persona per sconfiggere sia Donald Trump che Trump. Il presidente Biden“, ha scritto Hurt su X, precedentemente noto come Twitter.

Haley, ex ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite sotto Trump e governatore della Carolina del Sud, ha dichiarato: “Donald Trump ha mostrato la volontà di presentare una visione diversa per il Paese e una comprensione senza precedenti delle nostre questioni di politica estera. “

Quando ha annunciato la sua corsa a fine giugno, Hurt è stata l’ultima grande candidata a unirsi alle primarie repubblicane già affollate. Ha abbandonato la corsa dopo tre mesi, non riuscendo a guadagnare terreno come un moderato pragmatico che aveva promesso di lasciare il partito. Il movimento “Make America Great Again” di Trump. Male Impossibile qualificarsi Per entrambi Primo dibattito repubblicano a Milwaukee in agosto e un secondo dibattito il mese prossimo a Simi Valley, in California.

“L’America è a un bivio ed è ora di fare di Joe Biden un presidente per un mandato”, ha scritto Haley su X in risposta all’approvazione di Hurt. “Grazie @wilhard Per il vostro sostegno e la vostra fiducia. C’è un Paese da salvare!”

READ  Quasi un giorno dopo l'incidente della funivia in Turchia, 174 persone sono state salvate dall'intrappolamento in aria.

Hurt ha concluso la sua campagna e sta dando la caccia a un altro candidato repubblicano, il sindaco di Miami Francis Suarez. Il primo candidato presidenziale a sospendere la sua campagna Poco dopo perde la prima fase del dibattito.

Hurt non è stato invitato all’evento di Milwaukee a causa del sostegno minimo da parte del Comitato Nazionale Repubblicano alle elezioni e dell’insufficienza dei donatori per la sua campagna.

Hurt inizialmente ha protestato per aver mancato il primo dibattito, sostenendo che il rifiuto del Partito Repubblicano di firmare promesse per i suoi candidati presidenziali glielo ha impedito, anche se si trattava di Trump. Gli standard RNC sono “arbitrari, vaghi e incoerenti. Questo è un atto inaccettabile per le elezioni presidenziali”, ha affermato nella sua dichiarazione.

Quando non ha partecipato al secondo dibattito, Hurd ha assunto un tono diverso, scrivendo su X: “Abbiamo mancato di poco il taglio per il secondo dibattito e la nostra campagna è a un punto di svolta”.

Ufficiale sotto copertura della CIA che ha prestato servizio in Pakistan, Hurd ha servito tre mandati alla Camera fino a gennaio 2021 ed è stato l’unico repubblicano nero della Camera durante i suoi ultimi due anni in carica. Rappresentava il distretto allora più competitivo del Texas, che è fortemente ispanico e si estende dalla periferia di San Antonio a El Paso, più di 800 miglia lungo il confine tra Texas e Messico.

Hurt ha deciso di non candidarsi alla rielezione nel 2020, affermando che avrebbe colto opportunità al di fuori del Congresso per “affrontare le questioni tra tecnologia e sicurezza nazionale”. L’anno scorso ha girato il paese per promuovere il suo libro “American Reboot: An Idealist’s Guide to Getting Big Things Done”.

READ  Gli astronauti di SpaceX Crew-5 lasciano la stazione spaziale per lo splashdown. Guarda dal vivo.

Il 46enne è stato a lungo un convinto oppositore di Trump, incoraggiando l’allora candidato repubblicano alle presidenziali a ritirarsi dalla corsa del 2016. Scheda “Accedi a Hollywood”. Il vanto di Trump di aver aggredito sessualmente le donne è stato reso pubblico nelle ultime settimane prima del giorno delle elezioni.

Hurd sperava di entrare in risonanza con gli elettori che cercavano un repubblicano favorevole agli affari con un forte background in materia di sicurezza nazionale. Ha annunciato la sua candidatura criticando sia Biden che Trump, affermando che il presidente era impreparato a proteggere il confine tra Stati Uniti e Messico e a combattere il traffico di fentanil, che ha portato a overdose negli Stati Uniti, criminalità violenta e senzatetto nelle città della nazione.

“Il presidente Biden non può – o non vuole – risolvere questi problemi”, ha detto Hurd nel suo video di annuncio. “E sappiamo tutti che se nominiamo un politico fallito, egoista e senza legge come Donald Trump – che ha perso la Camera, il Senato e la Casa Bianca – Joe Biden vincerà di nuovo”.

Hurt ha intensificato le sue critiche pubbliche nei confronti di Trump mentre l’ex presidente deve affrontare ripetute accuse. Quattro procedimenti penali separati e 91 accuse totali. Trump detiene ancora un vantaggio nella raccolta fondi ed è in testa nei primi sondaggi per le primarie.

Di conseguenza, alcuni dei momenti più memorabili di Hurd come candidato alla Casa Bianca sono arrivati ​​quando è stato fischiato dai repubblicani che hanno ripetutamente insistito sul fatto che Trump avrebbe perso contro Biden alle elezioni generali se avesse vinto la nomination del GOP.

READ  Quote della lotteria del Draft MLB 2023

“Donald Trump corre per restare fuori di prigione”, ha annunciato Hurd all’una Cena repubblicana di luglio in Iowa. Quando gli è stato gridato, ha risposto: “Ascolta, so che la verità è dura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *