I mercati statunitensi sono aumentati, scrollandosi di dosso le preoccupazioni per l’aumento dei prezzi del petrolio


New York/Hong Kong
CNN

La valuta israeliana è scesa all’inizio della settimana poiché i prezzi del petrolio sono aumentati e gli investitori hanno reagito Guerra tra Hamas e Israele.

Sebbene Israele non sia un grande produttore di petrolio, Tensioni in aumento Il Medio Oriente ricco di petrolio ha spaventato gli investitori che avevano venduto petrolio nelle ultime settimane.

L’inflazione, i timori di una recessione economica globale e una correzione dell’aumento dei prezzi negli ultimi mesi hanno spinto i prezzi del petrolio statunitense sopra gli 80 dollari al barile dai circa 95 dollari di fine settembre.

Lunedì, però, i prezzi del petrolio statunitense sono saliti del 4% Di più, più di $ 86. Anche il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, è aumentato di quasi il 4% per essere scambiato a quasi 88 dollari al barile.

Formalmente Israele dichiarata guerra Sabato il gruppo militante islamico Hamas ha lanciato un’offensiva mortale.

Lo dicono i funzionari Almeno 900 persone sono morte in Israele Più di 550 palestinesi stati uccisi.

“Mentre il governo israeliano ha messo in guardia da una guerra lunga e difficile, ci sono preoccupazioni che attacchi di ritorsione più profondi e prolungati contro Gaza possano portare l’Iran in conflitto e avere un impatto sui flussi energetici nella regione”, ha detto Susannah Streeter. Denaro e mercati a Hargreaves Landsdown, scritto in una nota.

Lunedì lo shekel israeliano si è indebolito Fino a 3,92 Per il dollaro americano, il peggio dal 2016 in poi.

La banca centrale israeliana ha dichiarato che venderà 30 miliardi di dollari in valute estere per stabilizzare la valuta e “fornire la liquidità necessaria per il corretto funzionamento dei mercati”.

READ  La società di revisione recentemente assunta da Trump Media è stata arrestata dalla SEC per "frode massiccia"

In una dichiarazione, la Banca d’Israele ha affermato che fornirà un ulteriore sostegno di 15 miliardi di dollari se necessario, affermando che “continuerà a monitorare gli sviluppi, monitorerà tutti i mercati e agirà con gli strumenti necessari”.

Venerdì le azioni statunitensi sono aumentate sulla scia sorprendentemente forte degli Stati Uniti Rapporto sul mercato del lavoroLunedì pomeriggio è rimbalzato dopo essere caduto nella sessione di negoziazione.

Il Dow Jones aveva iniziato in ribasso, ma lunedì pomeriggio era in rialzo di 174 punti, ovvero dello 0,5%. L’S&P 500 è salito dello 0,6% e il Nasdaq Composite è salito dello 0,4%.

Le azioni sono scese lunedì mattina presto poiché gli investitori globali temevano che il conflitto in Israele potesse estendersi alla regione più ampia e che le persistenti tensioni in Medio Oriente potessero danneggiare la fragile ripresa economica globale. Ma il ritiro del pomeriggio suggerisce che Wall Street stia adottando per ora un approccio attendista riguardo ai rischi che il conflitto in Medio Oriente potrebbe comportare per i mercati finanziari.

“Ci sono molti ‘forse’ e ‘se’ in questo momento – e una reale incertezza”, ha affermato David Donabedian, chief investment officer di CIBC Private Wealth US, aggiungendo: “I mercati continueranno a vedere tutto ciò che vedono di solito. In,” l’aumento dei rendimenti obbligazionari e la futura politica monetaria della Federal Reserve, compresi i risultati.

Anche i titoli azionari europei sono scesi in apertura di lunedì mentre i trader hanno digerito la notizia, per poi stabilizzarsi leggermente, con l’indice francese CAC 40 in ribasso dello 0,6% e l’indice tedesco DAX in ribasso dello 0,7%. Il FTSE 100 di Londra è salito dello 0,03%, guidato dai guadagni delle azioni delle compagnie petrolifere.

READ  Jim Harbaugh mirava a "molti, molti campionati" con i Chargers

In Asia, la reazione iniziale degli investitori è stata contrastante.

Nella Cina continentale, l’indice composito di Shanghai è sceso dello 0,4% dopo la riapertura dopo una settimana festiva. Nel frattempo, l’indice S&P/ASX 200 australiano ha chiuso in rialzo dello 0,2%.

L’indice Hang Seng di Hong Kong è salito dello 0,2% nelle contrattazioni di prima mattina Sospensione A causa del tifone i mercati in Giappone e Corea del Sud sono rimasti chiusi per le festività.

La domanda chiave per i mercati ora è “se il conflitto sarà contenuto o si estenderà ad altre regioni, in particolare all’Arabia Saudita”, hanno scritto lunedì gli analisti di ANZ in un rapporto.

“Inizialmente, i mercati presuppongono che l’impatto sarà limitato in termini di portata, durata e impatto sul prezzo del petrolio. Ma si aspettano una maggiore volatilità”.

— Robert North e Crystal Hur hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *