Biden ordina un attacco al gruppo allineato all'Iran dopo che 3 soldati americani sono rimasti feriti in Iraq: NPR

2023 dicembre Il presidente Biden risponde alla domanda di un giornalista mentre lascia Marine One all'arrivo sul South Lawn della Casa Bianca a Washington, DC il 20.

Alex Brandon/AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Alex Brandon/AP


2023 dicembre Il presidente Biden risponde alla domanda di un giornalista mentre lascia Marine One all'arrivo sul South Lawn della Casa Bianca a Washington, DC il 20.

Alex Brandon/AP

WASHINGTON – Il presidente Biden ha ordinato alle forze armate statunitensi di reagire contro i gruppi militanti sostenuti dall'Iran dopo che un attacco di droni nel nord dell'Iraq ha ferito tre soldati statunitensi.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Adrian Watson, ha detto che uno dei soldati americani è stato gravemente ferito nell'attacco di lunedì scorso. Hezbollah e i suoi gruppi affiliati, sotto l’egida delle milizie appoggiate dall’Iran, hanno rivendicato la responsabilità dell’attacco, che ha utilizzato un drone d’attacco unidirezionale.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jack Sullivan, ha lanciato un avvertimento sull'attacco di lunedì nei confronti di Biden, che festeggia il Natale nel palazzo presidenziale di Camp David, nel Maryland. Attacco alla base aerea di Erbil

Sullivan si consultò con il segretario alla Difesa Lloyd Austin. Il vice consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, John Feiner, era con il presidente a Camp David e ha convocato i suoi migliori assistenti per esaminare le opzioni, secondo un funzionario americano che non era autorizzato a commentare pubblicamente e ha chiesto l'anonimato.

Nel giro di poche ore, Biden convocò il suo Consiglio di sicurezza nazionale per una chiamata, in cui Austin e il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, il generale CQ Brown, informarono Biden sulle opzioni di risposta. Il funzionario ha detto che Biden ha scelto di prendere di mira tre località utilizzate da Hezbollah e gruppi affiliati.

READ  Il sito web di "Fame (TV)" di Taylor Swift crolla tra le voci

Gli attacchi statunitensi sono avvenuti martedì alle 4:45 in Iraq, meno di 13 ore dopo l'attacco al personale americano. Secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti, gli attacchi di ritorsione contro le tre basi “hanno distrutto le strutture prese di mira e potrebbero aver ucciso diversi combattenti ribelli di Hezbollah”.

“Il presidente non ha dato una priorità più alta della sicurezza del personale americano che presta servizio in condizioni di pericolo”, ha detto Watson. “Se vogliamo che questi attacchi continuino, gli Stati Uniti agiranno nel momento e nel modo da noi scelti”.

L’ultimo attacco alle truppe statunitensi segue un’escalation di minacce e azioni contro le forze statunitensi nella regione il 7 ottobre, dopo che un attacco di Hamas contro Israele ha scatenato una guerra devastante a Gaza.

Gli attacchi mortali si sono intensificati da quando gruppi di milizie appoggiate dall’Iran in Iraq e Siria sotto il gruppo ombrello noto come Resistenza Islamica hanno iniziato ad attaccare le strutture statunitensi il 17 ottobre, il giorno in cui un attentato all’ospedale di Gaza ha ucciso centinaia di persone. I militanti sostenuti dall’Iran hanno effettuato dozzine di attacchi contro le basi statunitensi in Iraq e Siria da quando è iniziata la guerra tra Israele e Hamas due mesi fa.

Gli Stati Uniti hanno accusato l’Iran, che finanzia e addestra Hamas, degli attacchi delle milizie Houthi dello Yemen contro navi commerciali e militari attraverso un punto critico di trasporto marittimo nel Mar Rosso.

L’amministrazione Biden ha cercato di evitare che la guerra tra Israele e Hamas diventasse un conflitto regionale più ampio che aprisse nuovi fronti nel conflitto israeliano o coinvolgesse direttamente gli Stati Uniti. La risposta misurata dell’amministrazione – non tutti i tentativi contro le truppe statunitensi sono stati accolti con un contrattacco – ha attirato le critiche dei repubblicani.

READ  Dustin Johnson ha dato a RBC una prestazione "molto deludente" nel suo campo da golf LIV

Ci sono migliaia di soldati in Iraq che addestrano le forze irachene a combattere i resti del gruppo Stato Islamico, e centinaia di soldati in Siria, per lo più in missioni contro l’ISIS. Hanno subito dozzine di attacchi, ma finora nessuna vittima, e da quando la guerra è iniziata il 7 ottobre, gli Stati Uniti hanno rivendicato la responsabilità dei gruppi filo-iraniani.

“Anche se non stiamo cercando di intensificare il conflitto nella regione, siamo determinati e pienamente preparati a intraprendere qualsiasi ulteriore azione necessaria per proteggere la nostra gente e le nostre strutture”, ha affermato Austin in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *