Una missione lunare giapponese colpita gli è atterrata sul naso

  • Di Jonathan Amos
  • Reporter scientifico

didascalia dell’immagine,

Il sottile lander potrebbe essere ancora vivo se le sue celle solari potessero funzionare

Il lander lunare giapponese è finito a terra quando ha effettuato il suo storico atterraggio sulla superficie lunare.

La prima immagine della navicella spaziale Slim colpita mostra che è ruotata di 90 gradi rispetto a come avrebbe dovuto fermarsi.

Questo è un modo per spiegare le difficoltà nel generare l’elettricità necessaria al suo funzionamento.

Il film è stato catturato da un minuscolo robot delle dimensioni di una palla da baseball chiamato Sora-Q, che è stato espulso da Slim pochi istanti prima del touchdown di sabato scorso.

“Un’anomalia nel motore principale ha influenzato l’avvicinamento all’atterraggio della navicella spaziale”, ha dichiarato in un comunicato l’agenzia spaziale giapponese JAXA.

Uno dei due grandi propulsori dello Slime (lo Smart Lander for Investigating the Moon) ha smesso di funzionare durante l’atterraggio.

didascalia dell’immagine,

Rappresentazione artistica dell’orientamento che la navicella spaziale avrebbe dovuto adottare

Per portare l’immagine sulla Terra, Sora-Q ha dovuto prima inviarla a un secondo robot itinerante espulso, Lunar Rover 1, o Lev-1. Il robot saltellante è dotato di apparecchiature radio in grado di comunicare con il controllo missione indipendentemente dallo slime.

Tre ore dopo l’atterraggio, il lander è stato spento perché le sue celle solari non funzionavano più. Poiché la batteria si stava scaricando rapidamente, gli agenti della JAXA hanno deciso di mettere a dormire Slim.

La loro ipotesi – che sembra essere confermata dall’immagine Sora-Q – è che la navicella spaziale principale sia orientata in modo da impedire alle celle solari di guardare il Sole.

Il trucco sta nel risvegliare lo slime quando gli angoli di illuminazione cambiano nel punto di atterraggio.

didascalia dell’immagine,

Questo mosaico è composto da 257 viste individuali dalla fotocamera di bordo dello Slim

Prima dell’ibernazione, i controllori sono stati in grado di acquisire una serie di immagini della superficie scattate dalla telecamera a infrarossi.

Questi mostrano la navicella spaziale su un pendio circondato da piccole rocce.

Il sito di atterraggio di Slime si trova sul bordo di una depressione equatoriale chiamata Sheoli.

Atterrando alle 00:20 ora solare giapponese (15:20 GMT) di sabato, la JAXA è diventata la quinta agenzia spaziale nazionale ad avere un tocco morbido sulla luna, dopo gli Stati Uniti, l’ex Unione Sovietica, la Cina e l’India.

Statisticamente, l’atterraggio morbido sulla superficie lunare si è rivelato molto difficile. Solo la metà dei tentativi riesce.

didascalia dell’immagine,

Illustrazione: Hopper, Lev-1, (L) e Sora-Q rotolante e mutaforma (R)

Jaxa crede nelle nuove tecnologie di navigazione di precisione.

Il computer di bordo del lander ha utilizzato l’elaborazione rapida delle immagini e la mappatura dei crateri per evitare pericoli nel raggiungere il punto di atterraggio.

Gli ingegneri volevano arrivare entro 100 m (330 piedi) dal loro obiettivo. È stato raggiunto.

“L’analisi dei dati ottenuti prima dello spegnimento ha confermato che la melma aveva raggiunto la superficie lunare a circa 55 metri a est del sito di atterraggio target originale”, ha detto Jaksa, aggiungendo che anche il computer di bordo ha preso una decisione negli ultimi istanti dell’atterraggio. Spostare l’imbarcazione lateralmente per evitare ostacoli.

Ciò farà piacere ai funzionari tanto quanto il successo dei due rover. Non solo Sora-Q si è librato sulla superficie lunare e ne ha scattato una foto, ma è anche riuscito a fare un salto di livello 1. Come Slim, Lev-1 non funziona.

“Le manovre di volo di Lev-1 sulla superficie lunare, la comunicazione tra i robot tra Lev-1 e Sora-Q e le operazioni completamente autonome rappresentano un risultato rivoluzionario. È considerata una preziosa dimostrazione tecnica per le future esplorazioni lunari . , e la conoscenza e l’esperienza acquisita verranno utilizzate nelle missioni future”, ha affermato la società.

didascalia dell’immagine,

Il sito di atterraggio previsto era sui pendii che si avvicinavano al cratere Shioli, a sud dell’equatore della Luna.

READ  Perché Scott Perry si distingue nell'indagine dell'FBI su Trump Associates

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *