Trump ha esortato la Corte Suprema a consentire la prosecuzione del referendum

WASHINGTON – L’ex presidente Donald Trump giovedì ha presentato una petizione alla Corte Suprema per consentirgli di partecipare alle primarie repubblicane in Colorado. Al Campidoglio.

Gli avvocati di Trump ha depositato una memoria Presenta la sua posizione prima della discussione orale prevista per l'8 febbraio.

La Corte Suprema del Colorado ha stabilito il 19 dicembre che il 14° emendamento alla Costituzione proibisce a “un funzionario degli Stati Uniti” di candidarsi per varie cariche federali “impegnate nella ribellione”.

Il caso solleva una serie di questioni legali precedentemente irrisolte, tra cui se il linguaggio costituzionale si applica ai candidati presidenziali e chi dovrebbe decidere se qualcuno è coinvolto in una sedizione.

Nella dichiarazione di giovedì, gli avvocati di Trump hanno toccato questi temi, affermando che un presidente non è un “ufficiale degli Stati Uniti”, che Trump “non è coinvolto in atti di sedizione” e che solo il Congresso può far rispettare la disposizione in questione.

“La Corte deve porre fine in modo rapido e deciso a questi tentativi di privazione del diritto di voto che minacciano di privare di diritti civili decine di migliaia di americani, promettendo di scatenare caos e confusione se altri tribunali e funzionari statali seguiranno l'esempio del Colorado ed escluderanno il candidato repubblicano alla presidenza dalla loro lista. schede elettorali”, hanno scritto gli avvocati di Trump.

Una sentenza dell'alta corte statale ha annullato una sentenza della corte inferiore secondo cui un giudice aveva affermato il 6 gennaio che Trump incitava rivolte, ma i presidenti non sono soggetti alla clausola di sedizione del 14° emendamento perché “non sono un funzionario”. America.”

READ  Baltimore Ravens 2023 Tracker di agenzia gratuita non iscritto

Il tribunale statale ha affermato che la sentenza sarà sospesa a tempo indeterminato una volta che Trump si appellerà alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

L'interesse è cresciuto nel caso del Colorado quando il massimo funzionario elettorale del Maine ha stabilito che Trump non era idoneo a comparire alle primarie repubblicane anche in quello stato. Quel caso è stato archiviato, il che significa che Trump è ora in ballottaggio, e anche l'appello di Trump è in attesa della risoluzione del caso della Corte Suprema.

La sentenza dell'Alta Corte potrebbe portare a cambiamenti in tutti i 50 stati, un punto sottolineato giovedì dal segretario di Stato del Michigan Jocelyn Benson, democratica. Breve amico della corte Sottolinea la necessità di una decisione ferma sulla questione. Ha osservato che una sfida simile è stata presentata nel Michigan e, sebbene sia fallita nelle primarie repubblicane, potrebbe essere ripresa per le elezioni generali di novembre.

“A queste domande è necessario dare una risposta completa ora perché i funzionari elettorali, come il segretario, hanno bisogno di sapere se l'ex presidente è qualificato per comparire nella scheda elettorale come candidato, e gli elettori meritano di sapere se è qualificato per ricoprire la carica di presidente. Vota”, hanno scritto gli avvocati di Benson. Benson non ha preso posizione in merito.

Finora sono state depositate decine di altre memorie nel caso, inclusa una a sostegno presentata da Trump 179 membri repubblicani del Congresso Guidato dal presidente della Camera Mike Johnson, R-La., e dal leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, R-Ky.

La causa iniziale è stata intentata da un gruppo di controllo del governo di sinistra per conto di sei elettori del Colorado Cittadini per la responsabilità e l'etica a Washington e due studi legali. Loro e i loro sostenitori hanno la scadenza del 31 gennaio per presentare le proprie memorie alla Corte Suprema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *