Trump confonde Nikki Haley con Pelosi quando parla del 6 gennaio

L’ex presidente Donald Trump, D-Calif., sembra essersi erroneamente riferito alla sfidante del GOP Nikki Haley invece che alla deputata Nancy Pelosi mentre discuteva delle rivolte del 6 gennaio durante una manifestazione elettorale nel New Hampshire venerdì sera.

Durante il discorso di Trump davanti a una folla di sostenitori a Concord, NH, ha parlato per più di 90 minuti e ha ripetutamente rimproverato Haley, che ha servito nella sua amministrazione come ambasciatore presso le Nazioni Unite e non è un membro del Congresso.

“Nikki Haley, li conosci Sapevi che hanno distrutto, distrutto, distrutto tutte le informazioni, tutte le prove, tutto? Tutto ciò è dovuto a una serie di cose, tra cui Nikki Haley è responsabile della sicurezza. Le abbiamo dato 10.000 uomini, soldati, Guardia Nazionale, qualunque cosa volessero. Lo hanno rifiutato. Non vogliono parlarne. Sono molto disonesti”, ha detto Trump.

NBC News ha contattato la campagna di Trump per commentare i suoi commenti.

Trump aveva precedentemente accusato Pelosi di aver allontanato 10.000 soldati il ​​6 gennaio. Eliminato. Il rapporto finale del comitato del 6 gennaio, ormai defunto, affermava: “Alcuni hanno suggerito che il presidente Trump abbia ordinato di preparare 10.000 soldati entro il 6 gennaio. Il comitato ristretto non ha trovato alcuna prova a riguardo. In effetti, il segretario alla Difesa ad interim del presidente Trump, Christopher Miller, ha negato direttamente ciò mentre testimoniava sotto giuramento.

La confusione di Trump deriva dal fatto che spesso dipinge il presidente 81enne Joe Biden come confuso e mentalmente inadatto alla carica. L’ex presidente, 77 anni, ha già confuso i politici durante i suoi discorsi. A settembre, Trump ha confuso Biden con l’ex presidente Barack Obama, dicendo: “Con Obama, abbiamo vinto un’elezione che tutti dicevano che non avrebbero potuto vincere”.

READ  Elon Musk fa causa a Twitter per $ 136.260 di affitto non pagato dopo l'acquisizione | Cinguettio

Durante quello stesso discorso di settembre, Trump ha anche detto: “Se avessimo fiducia in Biden, saremmo finiti molto rapidamente nella seconda guerra mondiale”.

Trump ha difeso il cambiamento dei nomi di Obama e Biden, dicendo che li stava cambiando “in modo beffardo” come “segno che altre persone potrebbero effettivamente avere una grande influenza nella gestione del nostro Paese”.

A ottobre, Trump si è riferito al primo ministro ungherese Viktor Orbán come al leader della Turchia, e quando era a Sioux City, Iowa, ha salutato una folla dicendo che era di Sioux Falls, South Dakota.

Anche se Biden ha avuto la sua giusta dose di gaffe e errori, non ha fatto della salute mentale del suo predecessore una questione importante per la campagna elettorale come Trump.

Ad esempio, Biden ha chiesto se il rappresentante Jackie Walorski fosse tra il pubblico a un evento della Casa Bianca nel 2022. – quasi due mesi dopo l’Indiana Republican Morto in un incidente d’auto. Dopo la morte di Walorski, il presidente ha rilasciato una dichiarazione in cui esprimeva le sue condoglianze.

In un sondaggio di NBC News di settembre, gli elettori hanno espresso preoccupazione per l’età di Trump e Biden. Circa il 74% degli intervistati ha affermato di avere preoccupazioni grandi o moderate sul fatto che “a 80 anni, Joe Biden non abbia la salute mentale e fisica necessaria per candidarsi per un secondo mandato come presidente”. Circa il 47% degli intervistati ha espresso preoccupazioni simili nei confronti di Trump.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *