Sam Bankman-Fried testimonia di aver chiamato “alcuni” colpi a FTX

15:59 ET, 30 ottobre 2023

Le risposte della SBF restano ambigue



Il fondatore di FTX Sam Bankman-Fried è stato citato in giudizio oggi presso il tribunale federale di New York durante un’indagine per frode sul crollo dell’exchange di criptovalute in bancarotta.

Jane Rosenberg/Reuters

Il controinterrogatorio da parte dell’assistente procuratore americano Danielle Sassoon è continuato dopo la pausa pranzo, sotto forma di brevi domande a fuoco rapido su ciò che Bankman-Fried sapeva come capo di FTX e ciò che ha detto pubblicamente a giornalisti e membri del Congresso.

Sassoon è passato rapidamente da un argomento all’altro, mentre l’SBF cercava di fare buchi nella testimonianza presentata durante l’interrogatorio dei suoi avvocati.

Sassoon: “Hai deciso tu come amministratore delegato, vero?”

SBF: “Ne ho invitati alcuni.”

Sassoon: “Pensi di essere piuttosto intelligente?”

SBF: “In molti modi, non in tutti i modi.”

Armato di documenti e clip audio di interviste precedenti rilasciate da Bankman-Fried ai media, Sassoon ha cercato di spiegare che la società sorella di FTX, Alameda Research, non era soggetta alle stesse regole di trading degli altri conti sulla piattaforma FTX. Fried ha nascosto l’offerta al pubblico.

Bankman-Fried spesso dava risposte vaghe, spesso dicendo che non riusciva a ricordare conversazioni o dichiarazioni fatte in passato. Il giudice Louis Kaplan lo interruppe almeno due volte per ordinare a Bankman-Fried di rispondere sì o no e di smettere di cercare di indovinare le motivazioni di Sassoon.

“Signore, ricorda di averlo detto a parole o con un significato?” chiese Kaplan all’imputato.

Dopo una pausa, la SBF ha risposto: “Con riferimento a determinate questioni e periodi, sì”.

READ  SpaceX lancia il booster del primo stadio del Falcon 9 durante il 19esimo volo record - Spaceflight Now

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *