Rishi Sunak e Leo Varadkar prendono voli per l’Irlanda del Nord

  • Di Jayne McCormack
  • Corrispondente politico di BBC News NI

fonte dell’immagine, Calvin Boyce/Press i

didascalia dell’immagine,

Il primo ministro Rishi Sunak nella foto con il segretario dell’NI Chris Heaton-Harris e i ministri dell’esecutivo dell’Irlanda del Nord

Si sono incontrati per quello che il Taoiseach ha definito un “ottimo incontro”.

Si sono anche incontrati separatamente con i leader politici, tra cui il primo ministro Michelle O’Neill e il vice primo ministro Emma Little-Bengally.

Sunack ha affermato che il nuovo accordo proteggerà la posizione dell’Irlanda del Nord nell’Unione.

Ha detto che il ritorno del governo decentrato è un motivo di speranza.

Varadkar non si lascia coinvolgere nella questione dell’Irlanda unita, ma afferma invece che la presenza del consiglio dimostra che l’accordo del Venerdì Santo sta funzionando di nuovo.

didascalia dell’immagine,

Il Taoiseach Leo Varadkar ha incontrato il vice primo ministro Emma Little-Bengally e il primo ministro Michelle O’Neill a Stormont.

Ha detto che i nuovi ministri sono “ansiosi di ricevere le loro istruzioni” e che il governo irlandese è “qui per aiutare”.

Intervenendo alla prima riunione dell’esecutivo dell’Irlanda del Nord, ovvero i ministri che prendono le politiche e le decisioni, la O’Neill ha affermato che “oggi è un buon giorno”.

Partiti nella sua amministrazione: il suo partito Sinn Féin; Partito Unionista Democratico (DUP); Partito Unionista dell’Ulster (UUP); e Alleanza – “impegnate ad agire insieme”.

La signora Little-Benkelly ha fatto eco ai commenti del Primo Ministro, affermando che sono “molto consapevoli delle grandi questioni che devono essere affrontate”.

Di cosa hanno discusso Sunak e i ministri NI?

Una delle questioni chiave sottolineate dai ministri è il modo in cui viene finanziata l’Irlanda del Nord.

I ministri dell’esecutivo hanno chiesto un nuovo modello di finanziamento che garantisca “sostenibilità a lungo termine” per Sunak, mentre O’Neill lo ha precedentemente descritto come una priorità per l’esecutivo.

Sunack ha descritto il pacchetto come una “soluzione generosa ed equa per l’Irlanda del Nord”.

fonte dell’immagine, Calvin Boyce/Press i

didascalia dell’immagine,

Il primo ministro Rishi Sunak nella foto con il segretario dell’NI Chris Heaton-Harris e i ministri dell’esecutivo dell’Irlanda del Nord

Nel frattempo, il segretario dell’Irlanda del Nord Chris Heaton-Harris ha detto a Good Morning Ulster che il rapporto del comitato finanziario ha rilevato che l’Irlanda del Nord è stata adeguatamente finanziata e ha messo in dubbio le cifre utilizzate dai ministri per chiedere modifiche ai finanziamenti.

Ha aggiunto che i dipendenti pubblici “hanno commesso degli errori in passato”.

Tuttavia, sia il Primo che il Vice Primo Ministro hanno affermato che si trattava di una questione che avevano sollevato con il signor Sunak.

O’Neill ha affermato che i ministri entranti hanno “piatti all’altezza” ma devono disporre dei giusti accordi finanziari per gestirli.

La Little-Benkelly ha dichiarato: “Vogliamo assicurarci che questo esecutivo abbia gli strumenti giusti e le risorse adeguate.

“Siamo pronti per questa sfida e siamo pronti per un accordo di lavoro molto costruttivo per cercare di affrontare insieme questo problema.”

Nella lettera, il nuovo esecutivo afferma infatti che, se il pacchetto di finanziamenti annunciato prima di Natale non verrà rivisto, ciò porterà a un’altra crisi di bilancio a Stormont.

I ministri vogliono quindi riprendere i negoziati su elementi importanti, in particolare sulla “posizione fiscale”.

Si basa sul modello di finanziamento decentralizzato del Galles, dove è riconosciuto che le differenze demografiche rendono più costosa la fornitura di servizi rispetto all’Inghilterra.

Il governo ha convenuto che il finanziamento per il Galles dovrebbe essere pari al 115% del livello dell’Inghilterra. In altre parole, per ogni 100 sterline spese in servizi pubblici in Inghilterra, non meno di 115 sterline pro capite per il Galles.

Il governo ha adottato un modello simile per l’Irlanda del Nord, con un finanziamento pro capite fissato al 124% del livello del Regno Unito.

I ministri di Stormont affermano che è troppo basso e non è stato oggetto di una solida valutazione o analisi indipendente.

Ritengono che il punto di partenza dovrebbe essere il 127%, un motivo per andare più in alto.

La differenza può sembrare piccola ma col tempo può significare miliardi di sterline di finanziamenti extra.

Il leader del DUP, Sir Geoffrey Donaldson, ha detto lunedì mattina che parlerà della questione al Primo Ministro e che sarà “impenitente” in quelle discussioni.

“L’Irlanda del Nord è sottofinanziata”, ha detto Sir Geoffrey, che non è deputato a Stormont poiché è deputato a Westminster.

“Il governo deve fare un passo avanti affinché le nostre finanze siano in buona forma.”

fonte dell’immagine, Oliver McVeigh

didascalia dell’immagine,

(LR) Il segretario dell’NI Chris Heaton-Harris, il primo ministro Michelle O’Neill, il vice primo ministro Emma Little-Benkelly e il primo ministro britannico Rishi Sunak nella foto presso gli edifici del Parlamento a Belfast

Come siamo arrivati ​​qui?

La devoluzione arriva dopo mesi di negoziati tra il governo e il più grande partito unionista dell’Irlanda del Nord, il DUP.

L’Irlanda del Nord si è ritirata dalla devolution nel febbraio 2022 per protestare contro gli accordi commerciali post-Brexit per l’Irlanda del Nord concordati tra la Gran Bretagna e l’UE.

La settimana scorsa, il leader del DUP Sir Geoffrey Donaldson ha annunciato che il suo partito aveva raggiunto un accordo con il n. 10, il che significherebbe che non ci sarebbero stati controlli “di routine” sulle merci in transito dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord.

Su questa base, ha detto, il suo partito tornerà al governo, con una legislazione approvata a Westminster per attuare ulteriori cambiamenti.

Quella decisione è culminata in un rimpasto delle istituzioni decentrate, due anni dopo che il DUP aveva lasciato l’amministrazione.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la morte e il funerale della regina Elisabetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *