Le azioni scendono sui dati sull’inflazione negli Stati Uniti, ostacoli agli utili

La gente passa davanti a uno schermo elettronico che mostra l’indice dei prezzi delle azioni Nikkei del Giappone in una sala conferenze il 14 giugno 2022 a Tokyo, in Giappone. REUTERS/Issei Kato

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Le azioni europee sono scese dell’1,3%, i futures S&P 500 sono scesi dello 0,8%.
  • US CPI, il dollaro supera i 137 yen davanti alle aspettative di inflazione
  • La stagione degli utili delle banche inizierà da giovedì

SYDNEY/LONDRA, 11 luglio (Reuters) – Lunedì le azioni sono scese mentre gli investitori attendevano un rapporto sull’inflazione statunitense che potrebbe costringere a un altro enorme aumento dei tassi di interesse e all’inizio di una stagione degli utili in cui i profitti sono sotto pressione.

L’indice STOXX delle azioni europee è sceso dell’1,3% (.STOXX)I futures S&P 500 sono scesi dello 0,8% e i futures Nasdaq sono scesi dello 0,9%. Un rapporto ottimista sui salari degli Stati Uniti di giugno ha sollevato le aspettative di un aumento di 75 punti base dalla Federal Reserve.

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Le blue chips cinesi sono scese dell’1,8% (.CSI300) Omicron ha perso l’1,9% dopo che Shanghai ha scoperto un caso di COVID-19 che coinvolgeva un nuovo sottotipo, BA.5.2.1. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Anche i rendimenti obbligazionari e il dollaro USA in generale sono aumentati, con quest’ultimo che ha raggiunto il massimo da 24 anni rispetto allo yen.

Le banche centrali in Canada e Nuova Zelanda dovrebbero inasprire ulteriormente la politica questa settimana, sottolineando la natura globale della sfida dell’inflazione.

READ  5 morti, incluso un bambino in un incidente mortale con più auto all'incrocio di Windsor Hills - NBC Los Angeles

Sebbene Wall Street abbia guadagnato alcuni guadagni la scorsa settimana, giovedì il sentiment del mercato sarà messo alla prova dai guadagni di JP Morgan e Morgan Stanley insieme a Citigroup e Wells Fargo.

Un altro ostacolo sarà il rapporto sui prezzi al consumo negli Stati Uniti di mercoledì, in cui i mercati prevedono un ulteriore aumento dell’inflazione primaria all’8,8%, ma un leggero rallentamento della misura principale al 5,8%.

Una prima lettura delle aspettative di inflazione dei consumatori questa settimana riceverà anche un’attenzione particolare da parte della banca centrale.

“La debolezza imprevista in questi comunicati dovrebbe evitare le aspettative per un aumento del tasso Fed di 75 pb il 27 luglio, che è stato portato a circa 71 pb a 74 pb dopo il rapporto sui salari”, ha affermato Ray Adrill, responsabile della strategia FX presso NAP.

Partito di Parità

I rendimenti dei Treasury sono aumentati di circa 10 punti base sul rapporto sull’occupazione e il decennale è stato scambiato lunedì al 3,09%, in calo da un minimo recente di 2,746%.

Una Fed aggressiva unita ai timori di recessione, in particolare in Europa, ha portato il dollaro ai massimi da 20 anni contro un paniere di rivali. Dopo il 1998, il dollaro ha superato quota 137,00 e ha raggiunto 137,28 yen. leggi di più

Si prevede che il governo di coalizione conservatore giapponese aumenterà la sua maggioranza alle elezioni della camera alta di domenica, due giorni dopo l’assassinio dell’ex primo ministro Shinzo Abe. leggi di più

L’euro ha continuato a lottare a 1,0122$, dopo essere sceso del 2,4% la scorsa settimana a un minimo di due decenni e un importante obiettivo di ritracciamento a 1,0072$.

READ  Salman Rushdie è ancora ricoverato in ospedale poiché il sospetto dell'attacco è innocente

“Con scarso sollievo economico all’orizzonte in Europa e dati sull’inflazione negli Stati Uniti che segnalano nuovi massimi per l’anno e un rialzo aggressivo della banca centrale, riteniamo che i rischi siano distorti a favore del biglietto verde”, ha affermato Jonas Goldermann. Un economista di mercato in un’economia capitalista.

“In effetti, pensiamo che il tasso EUR/USD raggiungerà presto un pareggio e potrebbe essere scambiato in qualche modo intorno a quel livello”.

L’aumento dei tassi di interesse e un dollaro forte sono un mal di testa per l’oro non redditizio, che è caduto per quattro settimane consecutive e si è indebolito a $ 1.739 l’oncia.

Anche i prezzi del petrolio hanno perso circa il 4% la scorsa settimana poiché le preoccupazioni per la domanda hanno compensato i vincoli dell’offerta.

I dati provenienti dalla Cina di venerdì potrebbero confermare che la seconda economia più grande del mondo si è ridotta drasticamente nel secondo trimestre a causa del blocco del coronavirus.

Il Brent è sceso di $ 1,27 a $ 105,76, mentre il greggio statunitense è sceso di $ 1,43 a $ 103,36 al barile.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportage di Wayne Cole e Lawrence White; Montaggio di Kenneth Maxwell, Bradley Perrett e Kirsten Donovan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.