La risoluzione del disprezzo di Garland cancella i pannelli della Camera mentre Biden insiste sul privilegio sui documenti

Washington- Due commissioni della Camera a guida repubblicana hanno votato giovedì per introdurre risoluzioni in disprezzo del Congresso contro il procuratore generale Merrick Garland per aver violato la sua richiesta di registrazioni audio del caso di documenti riservati contro il presidente Biden.

Il Dipartimento di Giustizia ha detto giovedì mattina che il presidente Afferma i privilegi amministrativi A dire il vero, ha aggiunto una nuova svolta alla disputa con il Congresso.

La commissione Giustizia della Camera sta valutando una risoluzione sul rifiuto dell’ex procuratore speciale Robert Hurr di consegnare le registrazioni di un’intervista dell’ottobre 2023 con il presidente, che il sig. È avvenuto nell’ambito della sua indagine sulla gestione di documenti riservati da parte di Biden e il voto di giovedì è stato 18-15. Pomeriggio per svolgere attività.

Anche il comitato di sorveglianza della Camera ha votato 24-20 per portare avanti l’iniziativa giovedì sera, ma non prima che un’udienza di quattro ore si trasformasse nel caos quando la deputata repubblicana della Georgia Marjorie Taylor Green ha insultato un’apparizione della deputata del Texas Jasmine Crockett.

“Penso che le tue ciglia finte confondano la tua lettura”, ha detto Greene a Crockett, stimolando discussioni sulle mozioni per colpire i commenti di Greene e persino un voto sull’opportunità o meno a Greene di continuare a parlare durante l’udienza. La rappresentante di New York Alexandria Ocasio-Cortez ha definito i commenti di Green “inaccettabili” e ha detto a Green: “Come osi attaccare l’aspetto fisico di un’altra persona”.

“I tuoi sentimenti sono feriti?” rispose Green. “Sposta le sue parole verso il basso”, ha detto Ocasio-Cortez. “Oh ragazza, piccola.”

Greene ha ammesso il suo insulto contro Crockett ma ha rifiutato di scusarsi per il suo commento, e Crockett a un certo punto ha fatto un riferimento indiretto al fisico di Greene.


La deputata Marjorie Taylor Green insulta l’aspetto di un collega alla Camera

Harr ha completato l’indagine durata un anno mesi fa, pubblicando un rapporto tanto atteso a febbraio. Sebbene il rapporto Hur alla fine abbia dato ragione al presidente, includeva alcune conclusioni molto importanti. gruppi Avvocato Magistratura per la registrazione audio e altri materiali dell’udienza.

“Stamattina riceveremo un’offerta esecutiva in 11 ore”, ha detto giovedì il presidente della commissione giudiziaria Jim Jordan, sottolineando che l’insistenza del procuratore generale sulla mancata osservanza del mandato di comparizione non cambierà. “Il presidente Biden rivendica i privilegi esecutivi perché abbiamo bisogno di registrazioni audio Offrono una prospettiva unica.”

Biden insiste sui privilegi

In una lettera ai leader dei comitati ottenuta da CBS News, un alto funzionario del Dipartimento di Giustizia, Mr. Biden ha rivelato di aver confermato la proprietà esecutiva nei nastri delle interviste di Her al presidente e al ghostwriter del suo libro. Tale affermazione è arrivata su raccomandazione del Dipartimento di Giustizia, che oggi ha esortato i gruppi a “evitare conflitti inutili e giustificati” nel votare per avanzare la mozione di disprezzo.

“Sebbene la nostra cooperazione con il Congresso sia straordinaria, abbiamo anche la responsabilità di proteggere la riservatezza dei file delle forze dell’ordine la cui divulgazione potrebbe influenzare le indagini future”, ha scritto giovedì il vice procuratore generale Carlos Uriarte. “Dobbiamo tracciare una linea che protegga il Dipartimento del Procuratore Generale da un’indebita influenza politica e protegga le nostre politiche, il nostro lavoro nelle forze dell’ordine e le persone che lo fanno lavorano in modo indipendente”.

Il Dipartimento di Giustizia sostiene che Hurr ha compiuto “sforzi sostanziali” per rispondere alle richieste di informazioni e materiali delle commissioni del Congresso a seguito di un’indagine sulla gestione dei documenti riservati da parte del presidente. Le registrazioni audio ora sono problematiche.

I leader del comitato hanno sostenuto che i documenti sono necessari come parte di un’indagine sulla gestione dei documenti riservati da parte del presidente, pur insistendo sul fatto che la Casa Bianca ha già rinunciato ai privilegi rilasciando le trascrizioni.

“La partenza di Mary dalla Casa Bianca oggi non ha cambiato nulla per il nostro gruppo”, ha detto in una nota il presidente del comitato di sorveglianza James Comer, un repubblicano del Kentucky. “Il comitato di sorveglianza della Camera andrà avanti con la stesura di una risoluzione e di un rapporto che raccomanderà alla Camera che il procuratore generale Garland venga ritenuto oltraggioso al Congresso per aver sfidato un mandato di comparizione legale”.

I rapporti delle commissioni descrivono come hanno presentato audio e altri documenti per determinare “se vi siano motivi sufficienti per redigere articoli di impeachment contro il presidente Biden”, sostenendo che i mandati di comparizione emessi al Dipartimento di Giustizia facevano parte dell’inchiesta di impeachment della Camera.

“Il dipartimento non rivendica alcun privilegio costituzionale o statutario per trattenere questo materiale”, affermano i rapporti. “Il mancato rispetto completo delle citazioni in giudizio dei comitati ha impedito l’indagine sui risultati investigativi del procuratore speciale Hur e l’indagine di impeachment dei comitati sulla conservazione e divulgazione di materiale riservato da parte del presidente.

I rapporti sostenevano che le registrazioni audio dell’intervista avevano “alto valore probatorio”, affermando che le trascrizioni “non riflettevano un contesto verbale importante come il tono o la durata, o un contesto non verbale come le pause o la velocità del discorso”.

Ma l’affermazione del presidente dei privilegi esecutivi aggiunge una nuova dinamica al mix. Da CBS News Sig. Secondo un’altra lettera del procuratore generale a Biden, la base giuridica proveniva dall’ufficio di consulenza legale del Dipartimento di Giustizia e Garland era d’accordo.

“I requisiti dei comitati non sono sufficienti a controbilanciare gli effetti dannosi che la produzione dei documenti avrebbe sull’integrità e sull’efficienza di simili indagini future delle forze dell’ordine”, ha scritto Garland in una lettera al presidente datata 15 maggio. Chiedo rispettosamente di confermare i privilegi amministrativi sui documenti citati in giudizio.

Il procuratore generale ha scritto che temeva che la consegna dei nastri avrebbe rischiato di minare la cooperazione dei testimoni nei processi futuri. L’ufficio legale della Casa Bianca ha sostenuto che se i leader del partito repubblicano avessero ottenuto i documenti, avrebbero “distorto” e “distorto” i documenti per “scopi politici di parte”.

“È inappropriato richiedere al potere esecutivo materiali così importanti e costituzionalmente protetti per le forze dell’ordine perché si vuole manipolarli per un possibile vantaggio politico”, ha scritto giovedì il consigliere della Casa Bianca Edward Siskel.

Giovedì, con i ricarichi, i comitati hanno avviato le procedure per ritenere Garland in disprezzo del Congresso, una grave escalation di avanti e indietro finora. Dopo aver lasciato la commissione, la questione può essere portata davanti al consiglio al completo.

Tale risoluzione ordina al presidente della Camera Mike Johnson di certificare che Garland ha sfidato il mandato di comparizione e di portare avanti la questione con il procuratore americano a Washington, il che è altamente improbabile.

Se la camera controllata dal GOP votasse per disprezzare Garland, sarebbe l’ultimo di una breve lista di membri del gabinetto ad affrontare la stessa sorte. Nel 2012, l’ex procuratore generale Eric Holder è stato disprezzato e nel 2019 l’ex procuratore generale Bill Barr. Ma nessuno dei due ha dovuto affrontare accuse penali da parte della propria magistratura.

Il rapporto Hur

In un rapporto di 345 pagine pubblicato a febbraio, Mr. Il procuratore speciale ha osservato che la condotta del presidente rappresentava un “serio rischio per la sicurezza nazionale”, ma ha stabilito che perseguire accuse penali “non era un rimedio appropriato”. Le prove non hanno stabilito oltre ogni ragionevole dubbio che Biden abbia violato la legge, ha concluso alla fine Hurr.

Tuttavia, il rapporto di Harin includeva una serie di osservazioni sulla memoria del presidente che sono diventate foraggio per l’opposizione repubblicana nelle settimane successive alla sua pubblicazione. Quando suo figlio Beau Biden morì, Mr. Una trascrizione dell’intervista mostra che il presidente ha faticato a identificare l’anno, ma ha nominato correttamente il mese e la data.

Come testimoniato A marzo, davanti alla commissione Giustizia della Camera, ha dovuto affrontare critiche da entrambi gli schieramenti. All’epoca, i repubblicani dissero che Mr. Sostenevano che la decisione di non raccomandare accuse contro Biden era la prova di un sistema giudiziario a due livelli basato sulle accuse secondo cui Trump conservava materiale riservato. L’ex procuratore speciale Mr. I democratici hanno criticato il ricordo di Biden definendolo impreciso e non necessario.

“Non spetta a me valutare quali informazioni il Congresso dovrebbe o non dovrebbe avere”, ha detto Harr quando gli è stato chiesto se il Congresso dovesse avere accesso ai documenti. Ha aggiunto: “Le registrazioni audio fanno parte delle prove, ovviamente, che ho considerato per giungere alla mia conclusione”.

READ  Guerra Israele-Hamas, finisce il cessate il fuoco a Gaza, riprendono le ostilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *