La polizia francese uccide un sospettato che aveva intenzione di bruciare la sinagoga di Rouen

ROUVEN, Francia (AP) – La polizia francese ha ucciso a colpi di arma da fuoco un uomo armato con un coltello e una barra di metallo sospettato di aver appiccato il fuoco a una sinagoga nella città normanna di Rouen venerdì scorso, l’ultimo apparente atto di violenza durante la tempesta. L’antisemitismo scuote la Francia nel mezzo della guerra tra Israele e Hamas

Dell’incendio scoppiato nella sinagoga sono stati informati venerdì mattina presto i vigili del fuoco. Gli agenti di polizia hanno trovato l’uomo sul tetto dell’edificio, con una sbarra di metallo in una mano e un coltello da cucina nell’altra, mentre il fumo usciva dalle finestre della sinagoga, ha detto in una breve conferenza stampa il procuratore di Rouen, Frédéric Deillet.

Ha detto che l’uomo era violento e ha lanciato una sbarra di metallo contro la polizia prima di saltare dal tetto e poi correre verso uno degli agenti che ha sollevato il coltello.

L’ufficiale ha sparato cinque volte, colpendo l’uomo quattro volte, ferendolo mortalmente, ha detto il pubblico ministero. Ha detto che le autorità stavano cercando di verificare l’identità dell’uomo. L’avvocato non ha risposto ad alcuna domanda.

Il ministro dell’Interno Gerald Dorman ha postato sul suo sito di social media X che l’uomo “voleva dare fuoco alla sinagoga della città”.

Si è congratulato con gli ufficiali “per la loro reattività e il loro coraggio”.

Crescono tensioni e rabbia in Francia Guerra Israele-Hamas. Atti antisemiti sono aumentati Nel paese con la più grande popolazione ebraica e musulmana dell’Europa occidentale.

Il sindaco di Rouen Nicolas Mayer-Rossignol ha detto che l’uomo sarebbe entrato in un contenitore della spazzatura e avrebbe lanciato “una specie di bottiglia Molotov” nella sinagoga, che ha preso fuoco e ha causato “danni significativi”.

READ  Bitcoin diapositiva dopo che il prestatore di criptovalute ha disabilitato i prelievi di rete Celsius

“Quando viene attaccata la comunità ebraica, è un attacco alla comunità nazionale, un attacco alla Francia, un attacco a tutti i cittadini francesi”, ha detto.

“È uno spavento per l’intera nazione”, ha detto.

Il primo ministro francese Gabriel Attal ha affermato che il forte aumento dell’attività antisemita in Francia è continuato quest’anno dopo l’attacco del 7 ottobre di Hamas contro Israele.

Atal ha affermato che le autorità hanno registrato 366 atti antisemiti nei primi tre mesi del 2024, un aumento del 300% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Negli ultimi tre mesi del 2023 sono stati segnalati più di 1.200 atti antisemiti, tre volte di più rispetto al 2022, ha affermato.

“Vediamo un’esplosione di odio”, ha detto.

___

Leicester ha riferito da Parigi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *