La Danimarca ha deciso di imporre la prima carbon tax al mondo alle mucche a gas

La Danimarca è pronta a imporre la prima tassa al mondo sulle emissioni del bestiame a partire dal 2030, mirando ai gas serra emessi dalle sue mucche, suini e pecore.

Secondo il piano, gli agricoltori pagherebbero 43 dollari per tonnellata di anidride carbonica equivalente prodotta dal loro bestiame. Tale tasso aumenterà fino a circa 108 dollari nel 2035. Le tasse sarebbero parzialmente compensate da un’esenzione fiscale del 60%, che ammonterebbe a 17 dollari per tonnellata nel 2030 e a 43 dollari per tonnellata nel 2035, secondo il governo danese, che ha pubblicato la proposta di legge. settimana.

I funzionari danesi prevedono che la tassa ridurrà le emissioni del paese di circa 1,8 milioni di tonnellate (circa 2 milioni di tonnellate) di anidride carbonica equivalente entro il 2030. Entro il 2022 gli esseri umani emetteranno più di 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica. Portale sul clima del MIT.

“Siamo il primo Paese al mondo a introdurre qualcosa di reale [carbon dioxide equivalent tax] sull’agricoltura. Anche altri paesi ne saranno attratti”, ha affermato il ministro delle imposte danese Jeppe Brus Rapporto. “Questo accordo dimostra quanto possiamo ottenere quando ci uniamo al di là delle linee di partito e degli interessi per trovare soluzioni collettive a una delle più grandi sfide del nostro tempo.”

L’accordo è stato raggiunto lunedì tra il governo di centrodestra e rappresentanti di gruppi tra cui agricoltori, industria e sindacati Stampa associata. Gli agricoltori di tutta Europa protestano da mesi contro i tagli ai sussidi e le nuove normative, alcune delle quali mirano a ridurre le emissioni climalteranti, ha riferito il Washington Post.

Il governo ha affermato che i proventi della proposta fiscale danese – scritta con ampio sostegno e che dovrebbe essere approvata dal parlamento del paese – verrebbero restituiti all’industria per sostenere la transizione verde entro il 2030-31. Verrà rivisitato nel 2032. Il disegno di legge prevede, tra le altre iniziative, la creazione di oltre 600.000 acri di nuove aree forestali.

Cambiamenti climatici delle Nazioni Unite La tassa mira a ridurre le emissioni di metano, un gas serra intergovernativo. Lui dice Limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) in questo secolo richiederebbe una riduzione del 40-45% entro il 2030.

Il piano è stato accolto dal governo danese come un modo per raggiungere l’obiettivo climatico nazionale di ridurre le emissioni di gas serra del 70% entro il 2030 a partire dal 1990.

Responsabile del bestiame 32 per cento Secondo le Nazioni Unite, le emissioni di metano causate dall’uomo. L’organizzazione ha affermato che 1,5 miliardi di capi di bestiame in tutto il mondo rappresentano la maggior parte del metano emesso dal bestiame, anche se meno dello 0,1% in Danimarca, a partire dal 2022. Statistiche Il nostro mondo ruota attorno ai dati. Quell’anno il Brasile aveva 234 milioni di bovini a livello globale, seguito dall’India con 194 milioni e dagli Stati Uniti con 92 milioni.

Un disegno di legge simile danese era all’esame del precedente governo di centrosinistra della Nuova Zelanda, dove il settore agricolo rappresenta la metà delle sue emissioni, principalmente derivanti dal metano rilasciato durante la macellazione del bestiame. Ma quel piano è stato accantonato questo mese dal nuovo governo di centro-destra del paese, in parte a causa della reazione negativa degli allevatori.

READ  Aguilar ha sconfitto l'incumbent Marchand nella corsa per supervisionare il voto del Nevada

La Nuova Zelanda propone di ridurre le emissioni di metano provenienti dal bestiame attraverso altri metodi,Vaccino contro il metano” e un progetto per allevare mucche a basse emissioni, Lo riferisce un comunicato stampa del governo.

Il problema di questo tipo di ricerca è che non è conveniente per gli agricoltori utilizzarla ai “prezzi attuali del carbonio”, ha affermato Richard Eckhardt, professore di agricoltura del carbonio presso l’Università di Melbourne in Australia.

Ma le grandi aziende agricole multinazionali hanno fissato obiettivi per la riduzione delle emissioni, che potrebbe essere un meccanismo più efficace nel tempo per apportare cambiamenti a livello di azienda agricola “rispetto a una semplice tassa sul carbonio”, ha scritto in una e-mail. Eckhardt ha aggiunto che “i governi non devono necessariamente essere cattivi” imponendo tasse sul carbonio che provocano una reazione da parte degli agricoltori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *