Joel Embiid segna 41 punti, estromette Nikola Jokic come miglior Nuggets in sei

FILADELFIA – Prima dell'incontro di martedì sera tra i Philadelphia 76ers e il campione in carica Denver Nuggets, all'allenatore dei 76ers Nick Nurse è stato chiesto quali fossero i primi due classificati nelle ultime tre gare MVP: il centro dei 76ers Joel Embiid e i Nuggets. Associato Nikola Jokic.

“La card di stasera è molto più di un semplice incontro tra pesi massimi”, ha detto Nurse con un sorriso. “Succede ancora un po'.”

Potrebbe essere vero. Ma entrambi i grandi uomini superstar sono stati all'altezza dei loro guadagni sul mercato.

È stato Embiid a sferrare il colpo decisivo.

Embiid ha chiuso con 41 punti, 7 rimbalzi e 10 assist, mentre Jokic ha segnato 24 punti, 19 rimbalzi – inclusi 11 rimbalzi offensivi – e 3 assist. Ma i 10 punti consecutivi di Embiid nel quarto quarto hanno fatto la differenza nella vittoria per 126-121.

“Penso che finalmente abbiamo ottenuto alcuni stop difensivi”, ha detto Embiid. “Soprattutto all'intervallo, dopo che entrambe le squadre hanno ceduto 78 punti ciascuna, sapevamo che la prima squadra a fare qualche sosta avrebbe avuto buone possibilità di vincere la partita, e noi eravamo quella squadra”.

Prima della sua prestazione da 41 punti e 10 rimbalzi contro gli Houston Rockets di lunedì, Embiid aveva saltato tre partite consecutive per dolori al ginocchio e sette delle ultime nove partite di Philadelphia per una distorsione al ginocchio. Ma non era elencato nel rapporto sugli infortuni di martedì contro Denver.

La serie di almeno 30 punti e 10 rimbalzi di Embiid si è conclusa a 16 partite, pareggiando con Kareem Abdul-Jabbar il record più alto nella storia della NBA per chiunque non si chiami Wilt Chamberlain, ma ciò non ha diminuito il suo dominio, soprattutto nei minuti finali. .

READ  La polizia di Memphis rilascerà un video che mostra Dyer che picchia a morte Nichols

Sotto di cinque punti all'inizio del quarto quarto, i 76ers (26-13) sono riusciti a pareggiare il punteggio quando Embiid e Jokic sono tornati in partita con 7:28 rimasti. Poi, dopo che Jokic e Tyrus Maxi si sono scambiati i canestri, Embiid ha segnato 10 punti consecutivi per portare Philadelphia in vantaggio: un layup attorno a Jokic a Euro, un and-1 jumper, una tripla e un altro jumper.

“È stata una partita che è arrivata fino al limite”, ha detto l'allenatore dei Nuggets Michael Malone. “Siamo venuti un po'. Joel [Embiid] Un talento.”

È stata la conclusione giusta per una partita estremamente divertente, in una partita che ha visto entrambe le squadre segnare 78 punti nel primo tempo in cui, in gran parte, la difesa era l'opzione. Secondo ESPN Stats and Information Research, 156 punti nel primo tempo sono stati il ​​massimo in una partita in parità nell'era dei 24 punti (dal 1954).

Ma, dopo tutto, lo scontro diretto tra due dei migliori giocatori del campionato era più che pubblicizzato. Embiid è diventato il primo centro avversario a registrare più punti e assist di Jokic in questa stagione, secondo ESPN Stats and Information Research. 4 aprile 2023 Solo il lungo degli Houston Rockets, Alberan Sengun, è riuscito a farlo nelle ultime due stagioni.

“Sono probabilmente due dei migliori giocatori della nostra generazione”, ha detto l'attaccante dei Nuggets Michael Porter Jr..

Nonostante tre battaglie consecutive per l'MVP della lega, Embiid e Jokic continuano a stimarsi a vicenda. Non è stato diverso dopo la partita di martedì, con Jokic che ha parlato molto bene del gioco di Embiid in questa stagione e ha detto che Jokic merita di essere considerato il miglior giocatore dopo aver vinto l'MVP delle finali NBA la scorsa stagione.

READ  La guest star di 'Friends' dice che lei e Matthew Perry hanno provato la sua fatidica scena dell'inseguimento

“È un buon giocatore”, ha detto Jokic. “Sta disputando una partita storica in questo momento. Ha una media di 30 punti e qualcosa ogni sera, ed è difficile da fare, soprattutto ogni sera.

“Ma voglio dire, non sto giocando contro di lui. Sto giocando contro Philadelphia. È stato un buon incontro.”

Embiid ha detto: “Siamo entrambi tipo, 'OK, vogliamo giocare a basket e vincere qualche partita'”, si è meritato. [the title of best player] Fino a quando non lo metti fuori combattimento [off]. Era l'MVP delle finali. Finché qualcun altro lo prende, puoi reclamarlo.”

Successivamente, Embiid sorrise.

“Ma ripeto, credo anche in me stesso”, ha detto. “Lo terrò così. Devo arrivarci.”

Ciò ha dato ai 76ers la fiducia di poter competere con le squadre d'élite del campionato. I 76ers sono 23-6 con Embiid in uniforme in questa stagione, e ora hanno nel loro curriculum vittorie sia su Boston che su Denver.

Embiid, che ha vinto l'edizione inaugurale del sondaggio MVP di ESPN il mese scorso, è in pole position per rivendicare il massimo onore individuale della lega per la seconda stagione consecutiva. Ma sa che verrà giudicato se i 76ers riusciranno finalmente a sfondare nei playoff e ad avanzare al secondo turno.

“Non mi interessa che le persone decidano chi è il migliore”, ha detto Embiid. “So che voglio essere il migliore e farò tutto il necessario per esserlo. Ma a volte puoi vincere come squadra. Devi fare un ottimo lavoro per assicurarti di farlo. Metti te stesso e la squadra nella posizione migliore per vincere, e se vuoi essere il migliore, tu Per vincere… devi trovare un modo per vincere Quindi, questo è il mio obiettivo.

READ  AGGIORNAMENTI IN DIRETTA: la NASA condivide le immagini del telescopio James Webb

“L'ho detto all'inizio della stagione. Continui a parlare di Boston, Milwaukee. Non importa. Potrebbero essere migliori di noi, potrebbero avere più talento di noi, ma credo ancora che abbiamo una possibilità. Noi serve solo un po' di fortuna.

“Come dico sempre, dobbiamo essere perfetti. Dobbiamo sincronizzarci insieme. Dobbiamo confrontarci a vicenda. Sta funzionando davvero bene quest'anno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *