James Biden, fratello del presidente, ha testimoniato a porte chiuse nel processo di impeachment

Le commissioni di sorveglianza e giustizia della Camera stanno conducendo un’intervista registrata a porte chiuse con il fratello del presidente Joe Biden, James Biden, mercoledì mattina come parte dell’inchiesta sull’impeachment repubblicano contro il presidente.

I repubblicani si sono concentrati sui rapporti d’affari di James Biden, sui prestiti che Joe Biden ha concesso a suo fratello mentre era fuori carica e se il presidente fosse coinvolto in qualche modo nei rapporti d’affari di suo fratello o usasse la sua influenza a proprio vantaggio. I gruppi non hanno fornito prove a sostegno delle loro affermazioni.

L’intervista di James Biden arriva una settimana prima che il figlio del presidente, Hunter Biden, si presenti per la sua intervista il 28 febbraio. L’intervista di Hunter Biden arriva dopo una disputa durata un mese tra i repubblicani e il figlio del presidente sulla logistica della sua testimonianza al Congresso.

Alla domanda di NBC News su cosa avesse intenzione di dire a James Biden durante la sua intervista mercoledì mattina, ha risposto: “La verità”.

Mercoledì mattina il suo avvocato non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il suo Dichiarazione di aperturaSecondo NBC News, James Biden ha negato che il presidente abbia avuto alcun coinvolgimento nelle sue iniziative imprenditoriali o abbia usato la sua influenza a loro vantaggio durante i suoi 50 anni di carriera.

“Non ho mai chiesto a mio fratello di intraprendere alcuna azione ufficiale per conto mio, dei miei soci in affari o di chiunque altro”, ha detto. “In ogni impresa commerciale in cui sono stato coinvolto, ho fatto affidamento sulle mie capacità, giudizio, talento e relazioni personali, e mai sul mio status di fratello di Joe Biden. Chiunque dica o pensi diversamente è frainteso, male informato o mentire apertamente.

READ  Twitter accusa Microsoft di utilizzare i dati in modi non autorizzati

James Biden ha affrontato lo scetticismo dei repubblicani riguardo ai prestiti ricevuti da suo fratello, insistendo che i prestiti erano “a breve termine” e Joe Biden li ha concessi mentre era un privato cittadino.

“Li ho restituiti in poche settimane. Non aveva idea della fonte dei fondi che ho utilizzato per ripagarlo”, ha detto, riferendosi a Joe Biden. “La spiegazione completa è che Joe mi ha prestato dei soldi e io l’ho ripagato non appena perché avevo i fondi.”

Il fratello del presidente ha sostenuto che, rispettando le indagini, la commissione avrebbe avuto le informazioni di cui aveva bisogno e che sarebbe stato sufficiente per fermare le indagini.

“È difficile sottoporre la mia vita personale e professionale a un esame pubblico così intenso, ma lo faccio in conformità con l’inchiesta della commissione. E non ho nulla da nascondere”, ha detto concludendo la sua dichiarazione di apertura. oggi, ipotesi negative e distruttive su di me “E la commissione avrà informazioni per concludere che la mia relazione con mio fratello Joe è impropria. Non ci sono basi per continuare questa indagine.”

I pubblici ministeri avevano affermato il giorno prima che Alexander Smirnov, l’ex informatore dell’FBI accusato di aver fornito false informazioni sul presidente e su Hunter Biden durante la campagna presidenziale del 2020, aveva detto agli investigatori che alcune delle informazioni condivise con l’FBI “provenivano da funzionari collegati alla Russia. ” Intelligence”. La testimonianza di Smirnow è stata fondamentale per gli sforzi dei repubblicani della Camera volti a mettere sotto accusa il presidente.

Il presidente del comitato di sorveglianza James Comer, R-Ky., ha citato in giudizio James e Hunter Biden a novembre. Il gruppo ha affermato di aver ottenuto documenti finanziari che mostrano che i membri della famiglia Biden hanno fondato più di 20 società di comodo, la maggior parte delle quali sono state create mentre Joe Biden era vicepresidente, nel tentativo di nascondere i pagamenti agli avversari stranieri. Comer, che ha accusato la famiglia Biden di impegnarsi in “pratiche commerciali losche”, non ha offerto prove concrete di come le transazioni dimostrino atti illeciti o influenzino il presidente.

READ  L'inflazione e i problemi del debito negli Stati Uniti trascinano le azioni, i crolli del petrolio

Il gruppo si è concentrato anche su un prestito di 200.000 dollari concesso dal presidente a suo fratello nel 2018, che secondo gli avvocati di James Biden è stato rimborsato e che secondo il fratello del presidente non lo coinvolgeva in nessuna delle sue attività commerciali.

La Casa Bianca ha ripetutamente respinto le accuse di illeciti da parte del presidente, citando la mancanza di prove fornite dai repubblicani a sostegno delle loro accuse contro la famiglia Biden.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *