Il tasso di inflazione nel Regno Unito ha sorpreso ancora, con il dato di marzo sopra il 10%

  • L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 10,1% su base annua, secondo l’Office for National Statistics, al di sopra della stima di consenso del 9,8% in un sondaggio Reuters di economisti.
  • Ciò ha fatto seguito a un aumento inaspettato al 10,4% a febbraio e ha interrotto tre mesi consecutivi di calo dal massimo di 41 anni di ottobre dell’11,1%.

Personale della città a Paternoster Square, sede della Borsa di Londra, a Londra, Regno Unito, giovedì 2 marzo 2023.

Bloomberg | Bloomberg | Belle foto

L’inflazione nel Regno Unito è stata inaspettatamente a due cifre a marzo.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 10,1% su base annua, secondo l’Office for National Statistics, al di sopra della stima di consenso del 9,8% in un sondaggio Reuters di economisti.

Si è trattato di un leggero calo rispetto al massimo inaspettato di febbraio del 10,4%, che ha interrotto un calo consecutivo di tre mesi dal massimo di 41 anni di ottobre dell’11,1%.

Su base mensile, l’inflazione CPI è stata dello 0,8%, al di sopra del consenso Reuters dello 0,5% e in calo rispetto all’1,1% di febbraio.

L’indice dei prezzi al consumo, inclusi i costi delle abitazioni dei proprietari-occupanti (CPIH), è aumentato dell’8,9% nei 12 mesi fino a marzo 2023, in leggero calo rispetto al 9,2% di febbraio, ma più del previsto.

L’IPC core, che esclude i prezzi volatili di cibo, energia, alcol e tabacco, è aumentato del 5,7% su 12 mesi, invariato rispetto all’aumento annuale di febbraio – una preoccupazione per la Banca d’Inghilterra.

“I maggiori contributi al rialzo al tasso di inflazione annuale CPIH nel marzo 2023 provenivano da alloggi e servizi domestici (principalmente elettricità, gas e altri combustibili) e cibo e bevande analcoliche”, ha affermato l’ONS in un rapporto mercoledì.

READ  Gli eps sulla crescita dei salari delle assunzioni aziendali sono perfetti; Onde S&P 500| Affari degli investitori giornalieri

Mentre le famiglie britanniche continuano a lottare con bollette alimentari ed energetiche elevate, i lavoratori di molti settori hanno lanciato scioperi di massa negli ultimi mesi tra controversie su salari e condizioni.

I prezzi di cibo e bevande analcoliche sono aumentati del 19,2% nell’anno fino a marzo 2023, l’aumento annuale più forte da oltre 45 anni, ha affermato l’ONS.

Il ministro delle finanze britannico Jeremy Hunt ha affermato che i dati di mercoledì hanno riaffermato il motivo per cui il governo deve continuare gli sforzi per ridurre l’inflazione.

“Siamo sulla buona strada per farlo – con le previsioni dell’OBR (Office for Budget Responsibility) quest’anno dimezzeremo l’inflazione – e continueremo a sostenere le persone con un salario dignitoso medio di £ 3.300 per famiglia all’anno e, infine, finanziato da tasse straordinarie sui profitti energetici”, ha affermato Hunt in una nota.

Un compito difficile per la Banca d’Inghilterra

La Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base al 4,25% il mese scorso e gli operatori stanno scontando una probabilità del 72% di un altro aumento di un quarto di punto alla riunione del comitato di politica monetaria dell’11 maggio.

Gli economisti prevedono un calo maggiore ad aprile, dopo un leggero calo del punto principale di marzo, a causa degli effetti sottostanti dell’aumento dei prezzi dell’energia nell’aprile 2022, poiché il regolatore energetico del Regno Unito ha aumentato il suo prezzo massimo del 54%.

“Mentre l’inflazione core rimane molto ostinata, il calo della domanda dei consumatori a causa dell’impatto ritardato dell’aumento delle tasse e degli aumenti dei tassi di interesse porterà a un deciso percorso discendente in autunno”, ha affermato Suren Thiru, direttore dell’economia presso ICAEW. (Institute of Chartered Accountants in Inghilterra e Galles).

READ  Li Qiang diventa il primo ministro cinese e inizia a ripristinare l'economia

L’economia del Regno Unito è rimasta piatta a febbraio a causa della diffusa azione sindacale e di una persistente crisi del costo della vita, e Mr ha suggerito che il MPC potrebbe essere ulteriormente diviso sull’opportunità di aumentare ulteriormente i tassi di interesse a maggio. .”

Hugh Kimber, stratega del mercato globale presso JP Morgan Asset Management, ha affermato che anche se l’inflazione principale sta tornando nella giusta direzione, la banca centrale è “ancora lontana dal sentirsi a proprio agio che le pressioni sui prezzi siano sotto controllo”.

“I dati del mercato del lavoro di ieri hanno fornito una dura dimostrazione di come i mercati del lavoro stretti stimolino una forte crescita dei salari. L’asse dell’inflazione di oggi è chiaro, data la forza dei settori dei servizi sensibili ai salari”, ha detto Kimber.

Disoccupazione nel Regno Unito Margine fino al 3,8% Martedì, nei tre mesi fino alla fine di febbraio, sono stati mostrati nuovi dati, mentre l’attività economica è diminuita e i tassi di occupazione sono aumentati più del previsto.

“Per la BoE, il mercato del lavoro rimane complessivamente teso, anche se ci sono segnali di un allentamento della tensione del mercato del lavoro, in particolare nel continuo calo dei posti vacanti”, ha affermato Victoria Clarke, capo economista del Regno Unito presso Santander CIB.

“L’ultimo rapporto mostra che il MPC non è impegnato a ridurre la crescita dei salari verso tassi in linea con l’obiettivo di inflazione della BoE”.

Kimber di JPMorgan ha affermato che mentre la stabilizzazione dei prezzi dell’energia contribuirà a contenere l’inflazione nella seconda metà dell’anno, è “sempre più chiaro” che sarà necessaria una crescita economica contenuta a lungo termine per contenere le principali pressioni sui prezzi.

READ  Manhattan DA e House Republicans risolvono la controversia sulle indagini di Trump

“Un altro aumento di 25 punti base è probabile a maggio e, a meno che i dati economici non mostrino segni concreti di raffreddamento, la Banca dovrebbe essere pronta a intraprendere ulteriori azioni”, ha affermato.

“I politici hanno fatto molta strada nella lotta contro l’inflazione. Andando avanti, sarebbe un grave errore vincere preventivamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *