Un morto nel crollo di un garage a Lower Manhattan

Un parcheggio in Ann Street a Lower Manhattan è crollato martedì pomeriggio, uccidendo una persona e ferendone altre cinque, hanno detto i funzionari.

Le immagini e il video della scena alla 37th Ann Street, tra Nassau e William Street, mostravano auto una sopra l’altra e polvere che si alzava dai rottami. Il crollo ha inviato detriti dall’ultimo piano al livello della strada.

Un filmato da un tetto vicino mostrava una nuvola di polvere che si alzava dal basso, mentre una voce lontana gridava: “Fuori! esci! Vattene!» rispose una voce vicina alla telecamera con un’unica, sorprendente impudenza.

I funzionari inizialmente hanno detto che c’erano segnalazioni di persone intrappolate, ma il capo dei vigili del fuoco John M. Esposito ha detto in una conferenza stampa sulla scena del crollo che credeva che tutti i lavoratori del garage fossero stati presi in considerazione.

Il sindaco Eric Adams, parlando in una conferenza stampa, ha detto che quattro dei feriti all’interno della grotta sono stati ricoverati in ospedale. Non ha specificato la natura delle loro ferite. Una quinta persona ha rifiutato le cure mediche, il sig. disse Adams. Le autorità non hanno identificato immediatamente la persona che è morta nel relitto.

I vigili del fuoco hanno ritirato il personale dei servizi di emergenza dal sito immediatamente dopo aver risposto a causa delle preoccupazioni sull’integrità dei resti dell’edificio. I funzionari hanno detto che stavano usando i soccorritori usando scale a torre, droni e una squadra di cani robotici per trovare le vittime.

Secondo i registri del Department of Buildings, l’edificio è di proprietà di On Street LLC. Lance Howard, identificato nei registri del dipartimento come contatto per l’azienda, non ha risposto a una richiesta di commento.

Kazimir Wilencik, commissario attivo per gli edifici di New York City, ha sottolineato in una conferenza stampa che l’edificio ha avuto diverse violazioni aperte dal 2003, sebbene i piani per risolverli siano stati depositati nel 2010.

Uno del 2003, elencato come aperto sul sito web del dipartimento, cita “crepe nel pannello del soffitto del primo piano” e “travi d’acciaio di copertura in cemento mancanti”. Martedì non era chiaro se tali condizioni avessero corretto o contribuito al declino.

Dopo il crollo, i veicoli di emergenza hanno riempito le strade circostanti, operai che trasportavano barelle e strumenti da taglio nascosti sotto il nastro giallo della polizia.

Il direttore artistico Cesaro Glamer, 39 anni, che lavora al nono piano di un edificio in William Street proprio di fronte al garage, ha detto di aver sentito il rumore ed è corso alla finestra con alcuni colleghi. All’inizio, ha detto che pensava che quello che aveva sentito fosse un terremoto fino a quando non ha visto “auto crollare una sopra l’altra”.

“Abbiamo fatto le valigie e siamo partiti”, ha detto Glamer.

Sebastian Consoli, 19 anni, laureato in marketing alla Pace University vicino al luogo del crollo, stava dormendo nel suo dormitorio accanto al garage quando si è improvvisamente svegliato a quelle che ha descritto come “dalle sette alle dieci” intorno alle 16:00. Il secondo boom più lungo”.

“Ho guardato fuori dalla finestra ed era come se il garage fosse crollato, praticamente”, ha detto.

READ  Momenti salienti del weekend di super jolly: i caricatori guidano Jacks; I 49ers hanno battuto i Seahawks

Ha detto di aver visto macchine piegate ad angoli strani in cima al garage. “Il sito era fondamentalmente molto in pendenza”, ha detto.

I residenti del rifugio se ne sono andati rapidamente e due ore dopo Mr. Consoli aspettava ancora con gli altri di essere fatto entrare. La scuola si è offerta di fornire alloggio a chiunque non riuscisse a trovare un posto dove dormire, ha detto.

Ariel Stern, 32 anni, di Manhattan, un direttore dei lavori che lavora a un isolato di distanza in Ann Street, ha detto che la sua auto è rimasta incastrata tra i rottami. È arrivata lì intorno alle 11 di martedì

“Di solito esco dal lavoro alle 16:30 o alle 17:00”, ha detto, spiegando che era impegnata e non è arrivata alla sua macchina alla solita ora. “Sono stato beccato oggi e sono grato di non essere entrato.”

Michele D. Regan, Hurubi Mego E Matteo Hack Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *