Il più grande ospedale di Gaza “non operativo” durante l’attacco israeliano

  • Recenti sviluppi:
  • Il presidente indonesiano afferma che il mondo è “impotente” di fronte alla sofferenza dei palestinesi
  • Il presidente Joko Widodo ha chiesto un cessate il fuoco prima dell’incontro con Biden

Gaza/Gerusalemme, nov. 13 (Reuters) – Il più grande ospedale di Gaza ha chiuso e il bilancio delle vittime è in aumento, ha detto domenica il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Pezzo limitato.

Gli ospedali nel nord del territorio palestinese, compreso il complesso di al-Shifa, sono stati assediati dalle forze israeliane e non sono in grado di prendersi cura dei pazienti all’interno, con tre neonati morti e il rischio di interruzioni di corrente in mezzo a pesanti combattimenti nelle vicinanze, dicono gli operatori sanitari. .

Israele afferma di aver preso di mira i militanti palestinesi di Hamas che hanno compiuto attacchi mortali nel sud di Israele il 7 ottobre.

L’OMS ha potuto parlare con esperti sanitari ad Al-Shifa, che hanno descritto la situazione come “terribile e pericolosa” con continui spari e bombardamenti, che peggiorano una situazione già critica, ha detto il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus.

“Sfortunatamente, il numero di pazienti deceduti è aumentato in modo significativo”, ha detto in un post su X, precedentemente noto come Twitter, aggiungendo che Al-Shifa “non funziona più come ospedale”.

Tedros si è unito ad altri alti funzionari delle Nazioni Unite nel chiedere un cessate il fuoco immediato.

“Il mondo non può rimanere in silenzio quando gli ospedali che dovrebbero essere rifugi sicuri vengono trasformati in scenari di morte, distruzione e disperazione”, ha affermato.

Anche il presidente dell’Indonesia, che ospita la più grande popolazione musulmana del mondo, ha chiesto un cessate il fuoco prima dell’incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden lunedì a Washington.

READ  Elezioni 2024: Will Hurd, convinto critico di Trump ed ex membro del Congresso del Texas, sospende la candidatura presidenziale a lungo termine

“Il cessate il fuoco deve essere attuato presto, dobbiamo anche accelerare e aumentare il livello degli aiuti umanitari e dobbiamo avviare i colloqui di pace”, ha detto il presidente Joko Widodo in un video registrato dopo aver partecipato all’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC). Riad

Ha detto che il mondo è “impotente” di fronte alla sofferenza dei palestinesi. Uno straordinario vertice arabo-islamico ha esortato la Corte penale internazionale a indagare sui crimini di guerra e sui crimini contro l’umanità commessi da Israele nei territori palestinesi.

Israele afferma che sta cercando di liberare più di 200 ostaggi presi dai militanti di Hamas il 7 ottobre e afferma di voler evacuare gli ospedali.

L’Unione europea ha condannato Hamas per aver utilizzato “ospedali e civili come scudi umani” a Gaza, esortando invece Israele a mostrare “la massima moderazione” per proteggere i civili.

“Queste ostilità stanno colpendo seriamente gli ospedali e stanno causando un terribile tributo ai civili e al personale medico”, ha detto il capo della politica estera dell’UE Joseph Borrell in una dichiarazione rilasciata domenica a nome del blocco dei 27 paesi.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha affermato che Hamas sta utilizzando ospedali e altre strutture civili per ospitare combattenti e armi, il che, a suo avviso, viola le leggi di guerra.

“Gli Stati Uniti non vogliono vedere scontri a fuoco negli ospedali dove persone innocenti, pazienti che ricevono cure mediche, vengono coinvolti nel fuoco incrociato, e ci siamo consultati attivamente con le forze di sicurezza israeliane a riguardo”, ha detto Sullivan a CBS News.

Secondo funzionari israeliani, Israele ha dichiarato guerra a Hamas più di un mese fa dopo che i militanti avevano ucciso circa 1.200 persone nel sud di Israele.

Funzionari palestinesi hanno detto venerdì che 11.078 residenti di Gaza sono stati uccisi in attacchi aerei e di artiglieria, il 40% dei quali erano bambini.

La risposta militare di Israele ha suscitato indignazione nelle città di tutto il mondo, dove centinaia di migliaia di persone hanno inscenato proteste chiedendo un cessate il fuoco.

I sostenitori di Israele, compreso Washington, affermano che il cessate il fuoco consentirà ad Hamas di prepararsi per ulteriori attacchi, ma l’amministrazione Biden ha spinto Israele a sospendere i combattimenti per consentire ai civili di fuggire ed entrare.

Parlando domenica con l’emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani, sugli sviluppi a Gaza, Biden ha concordato che tutti gli ostaggi detenuti da Hamas devono essere liberati “senza ulteriori ritardi”, ha affermato la Casa Bianca in una nota.

Il conflitto ha fatto temere un’epidemia più ampia. Hezbollah con sede in Libano, sostenuto dall’Iran come Hamas, ha scambiato attacchi missilistici con Israele, e altri gruppi sostenuti dall’Iran in Iraq e Siria hanno lanciato almeno 40 attacchi separati di droni e razzi contro le forze statunitensi.

Domenica gli Stati Uniti hanno effettuato due attacchi aerei in Siria contro gruppi allineati con l’Iran, ha detto a Reuters un funzionario della difesa statunitense, in quella che sembrava essere l’ultima ritorsione per gli attacchi.

Bambini a rischio

L’esercito israeliano si è offerto di evacuare i neonati e ha piazzato 300 litri di carburante all’ingresso di al-Shifa sabato notte, ma Hamas ha detto che entrambi i gesti sono stati bloccati.

READ  Qual è l'effetto a cascata se i Red Sox spostano Xander Bogaerts all'interno?

Hamas ha negato di aver negato il carburante, dicendo che l’ospedale era sotto l’autorità del ministero della sanità di Gaza, aggiungendo che la quantità di carburante fornita da Israele “non era sufficiente per far funzionare i generatori (dell’ospedale) per più di mezz’ora”.

Il portavoce del Ministero della Sanità Ashraf al-Qitra ha detto che tre dei 45 bambini nelle incubatrici di al-Shifa sono già morti.

Un chirurgo plastico di al-Shifa ha bombardato le incubatrici residenziali dell’edificio, costringendo il personale ad allineare i bambini prematuri in letti normali, utilizzando poca energia e mantenendo l’aria condizionata calda.

“Ci aspettiamo di perderne di più giorno dopo giorno”, ha detto il dottor Ahmed El Mogalladi.

La Croce Rossa palestinese ha affermato che anche al-Quds, il secondo ospedale più grande della Striscia, è fuori servizio, con il personale che fatica a prendersi cura di chi è già a corto di medicine, cibo e acqua.

“Negli ultimi sei-sette giorni l’ospedale Al Quds è stato tagliato fuori dal mondo. Non c’è né entrata né uscita”, ha detto Tommaso Della Longa, portavoce del Comitato internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

Reportage di Nidal al-Mughrabi a Gaza e Dan Williams a Gerusalemme; Report aggiuntivi di Adam Makari, Ahmed Dolba, Sabine Seibold e Andrea Shalal; Scritto da Simon Lewis e Michael Perry; Montaggio di Diane Croft e Mirel Fahmy

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Un reporter veterano con quasi 25 anni di esperienza nel coprire il conflitto israelo-palestinese, comprese diverse guerre e la firma del primo storico accordo di pace tra le due parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *